Friborgo
2
Ginevra
1
fine
(1-0 : 0-1 : 0-0 : 1-0)
Zurigo
7
Lugano
2
fine
(2-1 : 3-0 : 2-1)
Ajoie
1
Turgovia
0
fine
(1-0 : 0-0 : 0-0)
Langenthal
4
GCK Lions
3
fine
(1-0 : 2-1 : 0-2 : 1-0)
Sierre
8
Zugo Academy
2
fine
(3-0 : 2-2 : 3-0)
Ticino Rockets
0
Kloten
3
fine
(0-1 : 0-0 : 0-2)
Winterthur
3
La Chaux de Fonds
5
fine
(0-1 : 2-0 : 1-4)
Friborgo
LNA
2 - 1
fine
1-0
0-1
0-0
1-0
Ginevra
1-0
0-1
0-0
1-0
1-0 DESHARNAIS
18'
 
 
 
 
38'
1-1 TOMMERNES
2-1 SPRUNGER
64'
 
 
18' 1-0 DESHARNAIS
TOMMERNES 1-1 38'
64' 2-1 SPRUNGER
Ultimo aggiornamento: 12.11.2019 22:18
Zurigo
LNA
7 - 2
fine
2-1
3-0
2-1
Lugano
2-1
3-0
2-1
1-0 BODENMANN
5'
 
 
2-0 BLINDENBACHER
12'
 
 
 
 
16'
2-1 LAMMER
3-1 KRUGER
22'
 
 
4-1 ROE
31'
 
 
5-1 BODENMANN
32'
 
 
6-1 BALTISBERGER
47'
 
 
7-1 BODENMANN
49'
 
 
 
 
56'
7-2 FAZZINI
5' 1-0 BODENMANN
12' 2-0 BLINDENBACHER
LAMMER 2-1 16'
22' 3-1 KRUGER
31' 4-1 ROE
32' 5-1 BODENMANN
47' 6-1 BALTISBERGER
49' 7-1 BODENMANN
FAZZINI 7-2 56'
Ultimo aggiornamento: 12.11.2019 22:18
Ajoie
LNB
1 - 0
fine
1-0
0-0
0-0
Turgovia
1-0
0-0
0-0
1-0 HAZEN
10'
 
 
10' 1-0 HAZEN
Ultimo aggiornamento: 12.11.2019 22:18
Langenthal
LNB
4 - 3
fine
1-0
2-1
0-2
1-0
GCK Lions
1-0
2-1
0-2
1-0
1-0 STERCHI
18'
 
 
2-0 CLARK
24'
 
 
 
 
31'
2-1 RIZZELLO
3-1 TSCHANNEN
33'
 
 
 
 
48'
3-2 SUTER
 
 
60'
3-3 RIEDI
4-3 MARET
65'
 
 
18' 1-0 STERCHI
24' 2-0 CLARK
RIZZELLO 2-1 31'
33' 3-1 TSCHANNEN
SUTER 3-2 48'
RIEDI 3-3 60'
65' 4-3 MARET
Ultimo aggiornamento: 12.11.2019 22:18
Sierre
LNB
8 - 2
fine
3-0
2-2
3-0
Zugo Academy
3-0
2-2
3-0
1-0 MONTANDON M.
3'
 
 
2-0 MEYRAT
11'
 
 
3-0 MONTANDON A.
16'
 
 
4-0 HEINIMANN
21'
 
 
 
 
25'
4-1 STAMPFLI
5-1 ASSELIN
33'
 
 
 
 
34'
5-2 LUST
6-2 RIMANN
47'
 
 
7-2 CASTONGUAY
52'
 
 
8-2 DUCRET
59'
 
 
3' 1-0 MONTANDON M.
11' 2-0 MEYRAT
16' 3-0 MONTANDON A.
21' 4-0 HEINIMANN
STAMPFLI 4-1 25'
33' 5-1 ASSELIN
LUST 5-2 34'
47' 6-2 RIMANN
52' 7-2 CASTONGUAY
59' 8-2 DUCRET
Ultimo aggiornamento: 12.11.2019 22:18
Ticino Rockets
LNB
0 - 3
fine
0-1
0-0
0-2
Kloten
0-1
0-0
0-2
 
 
6'
0-1 GROSSNIKLAUS
 
 
54'
0-2 LEMM
 
 
60'
0-3 TRUTTMANN
GROSSNIKLAUS 0-1 6'
LEMM 0-2 54'
TRUTTMANN 0-3 60'
Ultimo aggiornamento: 12.11.2019 22:18
Winterthur
LNB
3 - 5
fine
0-1
2-0
1-4
La Chaux de Fonds
0-1
2-0
1-4
 
 
4'
0-1 COFFMAN
1-1 BRACE
24'
 
 
2-1 GUERRA
38'
 
 
3-1 ALIHODZIC
49'
 
 
 
 
50'
3-2 CAMERON
 
 
55'
3-3 HOLDENER
 
 
56'
3-4 CARBIS
 
 
59'
3-5 CAMERON
COFFMAN 0-1 4'
24' 1-1 BRACE
38' 2-1 GUERRA
49' 3-1 ALIHODZIC
CAMERON 3-2 50'
HOLDENER 3-3 55'
CARBIS 3-4 56'
CAMERON 3-5 59'
Ultimo aggiornamento: 12.11.2019 22:18
Keystone/foto d'archivio
+ 3
SUPER LEAGUE
18.10.19 - 16:050
Aggiornamento : 19.10.19 - 00:04

«Clic mentale? Ho visto più sorrisi, ma non c'erano dubbi o divisioni»

Il Lugano di Celestini, reduce dal successo sul campo del Sion, si prepara ad accogliere lo Zurigo: «Hanno un po' i nostri stessi problemi, ma restano pericolosissimi»

LUGANO - Tornato al successo prima della sosta dedicata alle Nazionali, il Lugano di Celestini ha potuto lavorare con maggior serenità e fiducia in vista del prossimo tour de force. Sei match in 21 giorni aspettano i bianconeri, che domenica a Cornaredo ospitano lo Zurigo nell'11esimo turno di Super League. 

«A livello fisico questa settimana di pausa è stata importante, abbiamo potuto lavorare molto bene anche dal punto di vista tattico e mentale - esordisce in conferenza stampa Celestini, che contro lo Zurigo dovrà fare a meno di Dalmonte, Sulmoni e Covilo, mentre Lavanchy è in forse - Al di là del gioco e del contenuto delle partite, in questo secondo periodo dobbiamo metterci i risultati e conquistare punti. I ragazzi lo meritano. La squadra ha fatto bene tante volte, ma raccolto poco. La partita di Sion ci ha dato fiducia e voglia, ci ha dimostrato che sappiamo farlo».

Lo Zurigo, battuto dai bianconeri nel primo turno (0-4 al Letzigrund), è un avversario che alterna parecchi alti e bassi. 
«Hanno un po' i nostri stessi problemi. È una squadra che fa anche bene, ma poi degli episodi magari un po' sfortunati condizionato i loro risultati. La sensazione non è quella di una squadra che ha problemi, però hanno segnato un solo gol nelle ultime 4 partite. Restano pericolosissimi. Domenica mi aspetto un match da 50-50».

Sarà importante non trovarsi "ad inseguire".
«Vero. Lo Zurigo, quando va sotto, ha un po' la tendenza a disorganizzarsi. Segnare per primi potrebbe darci una spinta incredibile. I ragazzi avranno una grande voglia di confermare la vittoria di Sion e aggiustare la classifica. Loro invece sanno che chiudendosi molto possono crearci dei problemi. Chi fa gol per primo avrà un bel vantaggio».

Il Lugano fatica contro le squadre che si chiudono.
«Per noi è più difficile attaccare una squadra chiusa e compatta. Non possiamo basarci sul gioco sulla fasce e sui centri. Dobbiamo giocare con la qualità dei nostri ragazzi e questo vuol dire giocare con la palla bassa. Per intenderci aspettiamo una giocata o un "uno contro uno di Junior", non un suo colpo di testa».

Il mister si è poi soffermato sul ritorno di Gerndt.
«È un giocatore che dà tranquillità ai compagni. Non ha trovato il gol ma dà fiducia alla squadra. Chi gioca con lui sa che in qualsiasi momento può succedere qualcosa».

La vittoria di Sion ha portato un "clic mentale"?
«Chi vive con noi avrà visto qualche sorriso in più, ma per il resto non è cambiato nulla. Non c'erano dubbi o divisioni, ma non facevamo gol e risultati. Parlo con i ragazzi e so cosa pensano. Anche prima di Sion c'era tranquillità e ci dicevamo: "Non è possibile che non riusciamo a vincere". Ora abbiamo vissuto due settimane più tranquille perché la performance ha finalmente portato i tre punti. Va detto che siamo però sempre stati molto realisti. Non ci illudevamo e guardavamo in faccia alla realtà. Sapevamo di dover fare di più per segnare. Quel che mi è piaciuto è che i ragazzi non hanno mai perso il filo e hanno avuto una lettura eccezionale».

Celestini ha poi elogiato tre elementi ritenuti determinanti.
«In questo momento ci sono Baumann, Sabbatini e Maric che danno qualcosa in più. Baumann cresce ogni settimana e non sappiamo fin dove arriverà. Maric sa indicare la via ai compagni: è un "ragazzo" di 35 anni che ha saputo mettersi in gioco. È un segnale fantastico per il gruppo e l'allenatore. Sabbatini invece sta facendo delle partite allucinanti come playmaker. Si è sempre comportato da vero capitano».

Il Lugano, dalla prima giornata ad oggi (passando anche per gli impegni in Coppa ed Europa League), ha cambiato parecchio.
«Cambiare non è un problema. A Zurigo, all'esordio, avevamo giocato con 3-4 nuovi elementi e vinto 4-0. Col Thun avevamo fatto un primo tempo eccellente. Poi mi è stato rimproverato che facevo sempre giocare gli stessi e i risultati non venivano. Diciamo che nei commenti e nei giudizi è mancata coerenza. Chiaramente quando non vinco cerco nuove soluzioni. Adesso la squadra, guardando gli interpreti, è più simile a quella dell'anno scorso, ma non si può dire che mi sono aggrappato alla vecchia guardia».

keystone-sda.ch/ (VALENTIN FLAURAUD)
Guarda tutte le 7 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
HCL
41 min
Lugano senza argomenti: a Zurigo arriva il quarto ko consecutivo
I bianconeri sono stati “suonati” 7-2 da Bodenmann (tripletta) e compagni. Nello stesso tempo il Friborgo ha steso il Ginevra all'overtime (2-1): Sprunger match-winner
CHAMPIONS HOCKEY LEAGUE
43 min
Lulea padrone nella Capitale: Berna battuto 3-0
Brutto ko per gli Orsi di Jalonen, piegati dagli svedesi nell'andata degli ottavi di finale. Ottima operazione del Losanna, vittorioso 2-1 in casa del Plzen. Buon pari per Zugo e Bienne
FORMULA 1
3 ore
Niente Formula 1: Mick Schumacher bocciato (per ora)
Reduce da una stagione deludente, il tedesco non ha ricevuto chiamate dal piano superiore
TENNIS
6 ore
King Roger resta in corsa, affondato Berrettini
Il fuoriclasse renano supera 7-6(2), 6-3 l'italiano e resta in corsa per un posto in semifinale alle ATP Finals
TENNIS
7 ore
"Hai perso perché ti sei sposato?" e il Nadal furioso sbrocca: "Str***ate"
Nervoso dopo la sconfitta incassata da Alexander Zverev, in conferenza stampa Rafa Nadal ha dovuto fronteggiare una domanda non troppo sensata di Ubaldo Scanagatta
NATIONAL LEAGUE
10 ore
«Lavoro per guadagnarmi più ghiaccio. Futuro? Aperto a ogni possibilità»
Il Friborgo, dopo un avvio complicato e il cambio di coach a inizio ottobre, ha dato segnali di crescita e inanellato 3 vittorie prima della sosta. Lhotak: «Vogliamo continuare in questa direzione»
HCL
13 ore
«Nilsson non giocherà più, ma non prenderemo Klasen»
Zurigo capolista intrattabile? Sven Leuenberger: «Dopo la pausa è sempre dura. Lugano squadra pericolosa, che gioca per divertire. Può vincere il titolo»
HCL
15 ore
Postma e il Lugano davanti al rullo compressore
Fin qui capace di vincere 9 delle 10 partite disputate all'Hallenstadion, questa sera lo Zurigo ospiterà i bianconeri del debuttante difensore canadese
SERIE A
1 gior
«CR7? Serve rispetto per gli allenatori e i compagni»
Roberto Mancini ha detto la sua sul "caso" di Cristiano Ronaldo, furioso dopo essere stato sostituito da Sarri. Nel frattempo l'asso portoghese ha chiuso la polemica sui social
MOTOGP
1 gior
Marquez accarezza Rossi: «Discesa dolce dolce»
Lo spagnolo ha teso la mano al Dottore e parlato di rinnovo: «I soldi non mi interessano. Rimango in Honda se il progetto mi convince»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile