VAN Canucks
2
DAL Stars
4
fine
(0-1 : 2-2 : 0-1)
ANA Ducks
3
SJ Sharks
5
fine
(1-1 : 1-1 : 1-3)
LA Kings
1
DET Wings
2
3. tempo
(1-0 : 0-1 : 0-1)
VAN Canucks
NHL
2 - 4
fine
0-1
2-2
0-1
DAL Stars
0-1
2-2
0-1
 
 
4'
0-1 DOWLING
 
 
25'
0-2 COMEAU
1-2 VIRTANEN
26'
 
 
2-2 STECHER
32'
 
 
 
 
39'
2-3 SEGUIN
 
 
58'
2-4 RADULOV
DOWLING 0-1 4'
COMEAU 0-2 25'
26' 1-2 VIRTANEN
32' 2-2 STECHER
SEGUIN 2-3 39'
RADULOV 2-4 58'
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 06:53
ANA Ducks
NHL
3 - 5
fine
1-1
1-1
1-3
SJ Sharks
1-1
1-1
1-3
1-0 RAKELL
2'
 
 
 
 
7'
1-1 HERTL
2-1 SILFVERBERG
34'
 
 
 
 
39'
2-2 HERTL
 
 
49'
2-3 BURNS
 
 
51'
2-4 KANE
3-4 JONES
56'
 
 
 
 
60'
3-5 COUTURE
2' 1-0 RAKELL
HERTL 1-1 7'
34' 2-1 SILFVERBERG
HERTL 2-2 39'
BURNS 2-3 49'
KANE 2-4 51'
56' 3-4 JONES
COUTURE 3-5 60'
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 06:53
LA Kings
NHL
1 - 2
3. tempo
1-0
0-1
0-1
DET Wings
1-0
0-1
0-1
1-0 KOPITAR
6'
 
 
 
 
25'
1-1 BERTUZZI
 
 
43'
1-2 BERTUZZI
6' 1-0 KOPITAR
BERTUZZI 1-1 25'
BERTUZZI 1-2 43'
Ultimo aggiornamento: 15.11.2019 06:53
Keystone
+ 33
L'OSPITE - ARNO ROSSINI
16.10.19 - 07:000
Aggiornamento : 15:35

Ronaldo come Federer, lui in nazionale anche dopo sei mesi alle Bahamas

CR7 o CR700? Con il suo ultimo record, il portoghese si è candidato alla corona di miglior calciatore di sempre. Ma è in buona compagnia

KIEV (Ucraina) - Il suo gol non è bastato per regalare al Portogallo un'altra serata positiva, per permettergli di uscire dalla trasferta ucraina con qualche punto in tasca e, così, blindare la qualificazione al prossimo Europeo. La rete siglata da Cristiano Ronaldo a Kiev è però stata a suo modo storica: è stata la numero 700 - sì, avete letto bene - di una carriera stratosferica.

Il guizzo solitario - un rigore, nulla più - ha oscurato quanto fatto dal team e, soprattutto, ha fatto cominciare il solito carosello di apprezzamenti e denigrazioni rivolti all'asso di Funchal. In tanti, i sostenitori, hanno esaltato le doti, le qualità e la perseveranza di CR7, partito da lontanissimo e arrivato più volte sul tetto del mondo. In molti hanno però pure smontato il mito, levando importanza al traguardo raggiunto e, comunque, premiando altri interpreti.

"Messi è meglio". "Maradona era inarrivabile". "Pelé è stato stupefacente". "Mbappé lo supererà" e via discorrendo...
L'unica certezza dopo l'eurosfida è che, affiancato Puskas e non ritenendo affidabili i numeri riguardanti Arthur Friedenreich, Ronaldo è ora quinto nella classifica dei goleador di tutti i tempi, preceduto da Pelé (1'281 reti), Josef Bican (805), Romario (743) e Gerd Müller (711).

«Cristiano Ronaldo è uno dei migliori calciatori della storia - è intervenuto Arno Rossini - non penso ci siano dubbi su questo. Fare classifiche e paragoni è sempre complicato, però davvero mi sento di inserire il portoghese tra i più grandi di sempre. Ha segnato ovunque abbia giocato. Ha fatto la differenza in Portogallo, in Inghilterra, in Spagna e ora in Italia. Fa sempre bene con la sua nazionale, dove è primatista per presenze e gol e ha superato un certo Eusebio...».

I "tuoi migliori" chi sono?
«Vi do cinque nomi. Oltre a CR7 dico Pelé, Maradona, Messi e Cruijff. Nel calcio moderno non penso ci siano altri che abbiano giocato al livello di questi signori».

Alcuni tra questi hanno una classe, una finezza e una leggerezza che a Ronaldo mancano.
«Vero, ma lui compensa aggiungendo un'etica del lavoro incomparabile a una qualità straordinaria. Ha grandissima forza mentale. E poi è potentissimo».

Solo qualche mese fa il Cholo Simeone, "argentinissimo", disse che avrebbe preferito contare su CR7 piuttosto che su Messi. La motivazione? Il connazionale è strepitoso se attorniato da una grande squadra. Il portoghese può vincere quasi da solo.
«Sono assolutamente d'accordo. Stiamo parlando di un calciatore moderno, decisivo quando segna ma anche solo per il fatto di essere in campo. Pensate alla recente Inter-Juve. Non ha fatto gol ma, tra accelerazioni, puntate e carisma, è stato fondamentale nel successo dei suoi».

L'epoca di Ronaldo è però ormai prossima alla fine.
«Sì, ma senza fretta. Per come si allena, per come pensa e si muove, credo che Cristiano possa giocare comodamente altri due o tre anni ad altissimi livelli».

Fino al Mondiale del 2022, diciamo?
«Per esempio».

Sempre che decidano di portarlo.
«Credo che lo porterebbero anche se prima decidesse di fare sei mesi alle Bahamas. Uno così, sempre decisivo e pronto...».

...uno dei migliori di sempre, appunto.
«Per raccontare questo tipo di personaggi non ci si può fermare a un singolo sport. Ronaldo, come Messi o altri pochissimi eletti, non è più solo "il calciatore": diventa un'icona paragonabile ai grandi di tutte le discipline. Mi vengono in mente Wayne Gretzky o Roger Federer, giusto per citarne un paio. Siamo all'eccellenza assoluta».

keystone-sda.ch/STF (PAULO NOVAIS)
Guarda tutte le 37 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
TENNIS
8 ore
Maestoso King Roger: piega Djokovic e vola in semifinale
Il campione renano ha liquidato il serbo con il punteggio di 6-4, 6-3
MOTOMONDIALE
8 ore
«Lorenzo? Triste vederlo in questa situazione»
In molti hanno commentato l'addio dello spagnolo. Marc Marquez: «È una sorpresa, ma ha dimostrato coraggio e personalità». Paolo Ciabatti, direttore sportivo della Ducati: «Decisione sofferta»
SERIE A
11 ore
CR7 smentisce Sarri: «Non sto bene, sto molto bene...»
L'attaccante della Juve, dal ritiro del Portogallo, manda un messaggio al tecnico: «Vi dico una cosa per tutte le prime pagine dei giornali...»
MOTOMONDIALE
13 ore
L'addio di Lorenzo: «Impossibile trovare ancora le motivazioni»
Jorge Lorenzo ha annunciato il ritiro all'età di 32 anni: «Adoro questo sport, ma adoro vincere. Mi sono reso conto che questo non è più possibile»
MOTOMONDIALE
15 ore
Lorenzo si ritira!
Il 32enne pilota spagnolo, cinque volte campione del mondo (tre nella classe regina), ha annunciato il suo addio al circus
FORMULA 1
17 ore
«La Ferrari bara», Verstappen ingenuo portavoce della Mercedes
Helmut Marko ha provato a chiudere la querelle innescata dall'olandese. «Lui ha esagerato, ma l'indagine è partita dalla Mercedes»
NATIONAL LEAGUE
20 ore
«Non stiamo panicando», a Berna tra preoccupazione e pancia piena
Cosa sta succedendo agli Orsi? Alex Chatelain: «Non c'è un unico aspetto che non va, dobbiamo rimanere positivi»
NATIONAL LEAGUE
23 ore
«L'ultima volta l'Ambrì ci ha ucciso»
Christian Dubé è l'artefice della rinascita del Friborgo: «Ma non ho la bacchetta magica, non c'è alcun segreto»
MOTOGP
1 gior
Soldi e ingegneri per continuare, Rossi tra ambizione e ritiro
Il Dottore non correrà oltre il 2020 se non sarà veloce e... «Continuando così non risolveremo mai i nostri guai»
GLAND
1 gior
«Michael Schumacher è grave», ma Corinna risponde
Botta e risposta tra l'ex manager e la moglie dell'ex campione tedesco
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile