TI-Press (foto d'archivio)
+ 2
SUPER LEAGUE
14.10.19 - 21:530
Aggiornamento : 15.10.19 - 15:02

Stagioni bianconere: autunno intenso, inverno da programmare e primavera... da scoprire

Trovata serenità grazie agli ultimi risultati, da qui a dicembre il Lugano vivrà due tour de force, dai quali dipenderà la composizione della rosa. E poi c'è sempre la cessione societaria...

LUGANO - La pausa per la Nazionale ha regalato un po' di tranquillità e concesso la giusta boccata d'ossigeno al Lugano il quale, spenti i malumori con il gioco e gli ultimissimi risultati - il pari contro Dinamo Kiev e il successo sul Sion - si sta preparando a un nuovo tour de force. Dalla prossima domenica, quando scenderanno in campo a Cornaredo contro lo Zurigo, i bianconeri giocheranno infatti sei volte in 20 giorni. Poi ci sarà un nuovo weekend di stop e via con l'ultima tranche di impegni: altri sei incontri dal 24 novembre (a Thun) al 15 dicembre (in casa con lo Young Boys). Rifiatare e sprintare - quando servirà - sarà dunque un obbligo fino alla sosta: quando si tireranno le somme e il gruppo potrebbe essere rivisto.

«La situazione è abbastanza chiara - ha raccontato Angelo Renzetti - Se non riusciremo ad allungare il nostro percorso in Europa League, durante il mercato di gennaio la rosa andrà sfoltita. Almeno due o tre elementi partiranno».

Autunno intenso, inverno da programmare e primavera... da scoprire. Spessissimo accompagnatosi, quando allo stadio, a Leonid Novoselskiy, nei prossimi mesi Angelo Renzetti dovrà decidere che fare della società.
«Vendere rimane un obiettivo, inutile negarlo, per il resto di novità sul fronte societario non ce ne sono. Il 60% delle quote rimane di mia proprietà e fino al 30 aprile posso entrare in possesso dell'altro 40%, attualmente in mano a Leonid».

Questo per trattare "in solitaria" con il fondo arabo già in contatto con Novoselskiy?
«No, a dire il vero io con il fondo non ho mai avuto alcun contatto. Se deciderò di tornare azionista unico sarà per avere la possibilità di muovermi liberamente davanti a un nuovo acquirente».

TI-Press (foto d'archivio)
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
Indira69 1 mese fa su tio
Riguardo la cessione della società:esiste qualcuno realmente intenzionato a rilevare una società priva di stadio a norma?grandi dubbi,anzi,enormi...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
NATIONAL LEAGUE
42 min
«Bisogna avere pazienza e fiducia in Kapanen»
Marco Baron ha parlato del momento dei bianconeri: «Al Lugano manca qualche gol, soprattutto da giocatori del calibro di Bürgler»
HCAP/HCL
3 ore
Esame doppio per l'Ambrì, trappole per il Lugano
Weekend di campionato; i biancoblù sfideranno Friborgo e Losanna, i bianconeri se la vedranno con il Langnau
NAZIONALE
4 ore
C'è la sfida alla Georgia, i tre punti sono d'obbligo
Questa sera la Nati giocherà a San Gallo il penultimo match di qualificazione all'Europeo. Serve solo vincere
TENNIS
13 ore
Maestoso King Roger: piega Djokovic e vola in semifinale
Il campione renano ha liquidato il serbo con il punteggio di 6-4, 6-3
MOTOMONDIALE
13 ore
«Lorenzo? Triste vederlo in questa situazione»
In molti hanno commentato l'addio dello spagnolo. Marc Marquez: «È una sorpresa, ma ha dimostrato coraggio e personalità». Paolo Ciabatti, direttore sportivo della Ducati: «Decisione sofferta»
SERIE A
16 ore
CR7 smentisce Sarri: «Non sto bene, sto molto bene...»
L'attaccante della Juve, dal ritiro del Portogallo, manda un messaggio al tecnico: «Vi dico una cosa per tutte le prime pagine dei giornali...»
MOTOMONDIALE
18 ore
L'addio di Lorenzo: «Impossibile trovare ancora le motivazioni»
Jorge Lorenzo ha annunciato il ritiro all'età di 32 anni: «Adoro questo sport, ma adoro vincere. Mi sono reso conto che questo non è più possibile»
MOTOMONDIALE
20 ore
Lorenzo si ritira!
Il 32enne pilota spagnolo, cinque volte campione del mondo (tre nella classe regina), ha annunciato il suo addio al circus
FORMULA 1
22 ore
«La Ferrari bara», Verstappen ingenuo portavoce della Mercedes
Helmut Marko ha provato a chiudere la querelle innescata dall'olandese. «Lui ha esagerato, ma l'indagine è partita dalla Mercedes»
NATIONAL LEAGUE
1 gior
«Non stiamo panicando», a Berna tra preoccupazione e pancia piena
Cosa sta succedendo agli Orsi? Alex Chatelain: «Non c'è un unico aspetto che non va, dobbiamo rimanere positivi»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile