Parma
4
Genoa
1
2. tempo
(3-0)
Wawrinka S. (SUI)
1
MURRAY A. (GBR)
2
fine
(6-3 : 4-6 : 4-6)
Ajoie
3
Losanna
1
3. tempo
(0-0 : 3-0 : 0-1)
Visp
1
Zugo
3
pausa
(0-2 : 1-1)
NY Rangers
0
VAN Canucks
1
1. tempo
(0-1)
Parma
SERIE A
4 - 1
2. tempo
3-0
Genoa
3-0
 
 
23'
RADOVANOVIC IVAN
SCOZZARELLA MATTEO
29'
 
 
1-0 KUCKA JURAJ
38'
 
 
2-0 CORNELIUS ANDREAS
42'
 
 
3-0 CORNELIUS ANDREAS
45'
 
 
4-0 CORNELIUS ANDREAS
50'
 
 
 
 
52'
4-1 PINAMONTI ANDREA
RADOVANOVIC IVAN 23'
29' SCOZZARELLA MATTEO
38' 1-0 KUCKA JURAJ
42' 2-0 CORNELIUS ANDREAS
45' 3-0 CORNELIUS ANDREAS
50' 4-0 CORNELIUS ANDREAS
PINAMONTI ANDREA 4-1 52'
Venue: Stadio Ennio Tardini.
Turf: Natural.
Capacity: 27,906.
Ultimo aggiornamento: 20.10.2019 19:21
Wawrinka S. (SUI)
1 - 2
fine
6-3
4-6
4-6
MURRAY A. (GBR)
6-3
4-6
4-6
ATP-S
ANTWERP BELGIUM
Ultimo aggiornamento: 20.10.2019 19:21
Ajoie
COPPA SVIZZERA
3 - 1
3. tempo
0-0
3-0
0-1
Losanna
0-0
3-0
0-1
1-0 HAZEN
24'
 
 
2-0 HAZEN
25'
 
 
3-0 SCHMUTZ
28'
 
 
 
 
42'
3-1 LINDBOHM
24' 1-0 HAZEN
25' 2-0 HAZEN
28' 3-0 SCHMUTZ
LINDBOHM 3-1 42'
Ultimo aggiornamento: 20.10.2019 19:21
Visp
COPPA SVIZZERA
1 - 3
pausa
0-2
1-1
Zugo
0-2
1-1
 
 
4'
0-1 LINDBERG
 
 
17'
0-2 DIAZ
1-2 VAN GUILDER
24'
 
 
 
 
40'
1-3 ALATALO
LINDBERG 0-1 4'
DIAZ 0-2 17'
24' 1-2 VAN GUILDER
ALATALO 1-3 40'
Ultimo aggiornamento: 20.10.2019 19:21
NY Rangers
NHL
0 - 1
1. tempo
0-1
VAN Canucks
0-1
 
 
7'
0-1
0-1 7'
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 20.10.2019 19:21
TI-Press
+ 5
L'OSPITE - ARNO ROSSINI
18.09.19 - 07:000
Aggiornamento : 11:17

«Renzetti è come il custode allo stand di tiro: pronto a sparare alla prima difficoltà»

Copenaghen può dare la spinta o affossare il Lugano. Arno Rossini: «L'Europa è una vetrina importantissima. È come esporre la merce sugli Champs-Élysées invece che a Monte Carasso»

LUGANO - Visto quanto recentemente combinato in Svizzera, dove tra Coppa e campionato i risultati sono stati modesti e le prestazioni sempre meno convincenti, una gita oltreconfine dovrebbe fare solo bene al Lugano. Cambiando aria e cominciando da zero una competizione, i bianconeri potranno infatti - questo è quel che sperano i tifosi - ritrovare un po' di smalto e tranquillità. E magari qualche punto.

A Copenaghen, per la prima di (almeno) sei serate continentali, Celestini e i suoi giocheranno in un impianto importante, sfideranno un avversario ambizioso ma non imbattibile e soprattutto assaggeranno quell'atmosfera frizzante che avvolge solo i grandi eventi. Le grandi occasioni. Perché proprio così - un'occasionissima - va considerata l'Europa League per la truppa ticinese. Per fare esperienza. Per mostrarsi al mondo. Per ripartire.

«La mia impressione è che questo appuntamento arrivi al momento giusto per il Lugano - ha commentato Arno Rossini - tuffandosi in questa nuova avventura, i bianconeri potranno godere di prestigio e sensazioni incredibili. E un buon risultato ridarebbe sicuramente linfa alla loro stagione».

Potrebbe portare quel "click" sperato da mister Celestini.
«Sicuramente. Una vittoria aiuterebbe tantissimo. E poi porterebbe energia, soldi...».

Quelli farebbero comodo alla società. Ma ai giocatori...
«Anche a loro. Sicuramente è previsto un premio qualificazione, per cominciare. Non scordiamoci poi che l'Europa League è una vetrina importantissima».

Io calciatore penso a questo in ottica "sviluppo della mia carriera"?
«Assolutamente. Quel palcoscenico ti dà una visibilità assoluta, completamente diversa rispetto a quella della Super League. È come se i calciatori potessero esporre la loro merce sugli Champs-Élysées a Parigi invece che a Monte Carasso. Con una buona prestazione potrebbero far svoltare la carriera. Se non è questo uno stimolo incredibile...».

Se un successo potrebbe dare una spinta, un rovescio cosa farebbe?
«Sarebbe pesante da gestire, potrebbe portare dei contraccolpi. Allungherebbe il momento-no della squadra e regalarebbe altre incertezze all'ambiente».

E renderebbe ancora meno stabile la panchina di Fabio Celestini?
«Ne sono convinto. A livello di gestione del gruppo e di scelta della formazione, l'allenatore mi è sembrato ultimamente un po' confuso. Un passo falso europeo di sicuro non passerebbe inosservato».

Renzetti ha messo pubblicamente in discussione il tecnico. Forse lo ha però fatto solo per dare una scossa all'ambiente.
«Un bluff? Non credo. Il presidente del Lugano è ormai un vecchio volpone dello spogliatoio e se si è esposto in questo modo vuol dire che davvero ha sentito che qualcosa non sta andando. Che si respira insicurezza. Che nel gruppo le dinamiche non sono quelle giuste. Io lo vedo come il custode allo stand di tiro: pronto a sparare alla prima difficoltà».

Il numero uno bianconero ha ammesso che non ha troppo approfondito l'argomento esonero anche perché ora la squadra è nel pieno di un tour de force. Significa che il mister è "salvo" almeno fino a ottobre?
«No. A questo punto penso che il suo lavoro sarà valutato di partita in partita. Non so se nel caso di un'imbarcata a Copenaghen salverebbe la panchina. O se dovesse arrivare una sconfitta contro il Lucerna. Il Lugano deve svoltare e farlo prestissimo, altrimenti difficilmente Celestini conserverà il suo posto».

TiPress (foto d'archivio)
Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
14 min

«Avremmo dovuto fare di più, ma se penso alla traversa di Aratore...»

Fabio Celestini è soddisfatto a metà per la prestazione offerta dal Lugano contro lo Zurigo

SUPER LEAGUE
1 ora

Lugano-Zurigo, pari e patta

Si è chiuso sullo 0-0 l'incrocio tra bianconeri e biancoblù, che si sono equivalsi pure nelle occasioni avute. Vittorie per Lucerna e San Gallo

HCAP
3 ore

Ambrì che beffa: eliminazione con rimpianto

Avanti 3-1 a Bienne fino a 8' dalla fine, i biancoblù si sono fatti riprendere e superare (all'overtime). Tripletta per Künzle

SERIE A
6 ore

Milan: da Pioli a Guardiola?

Dalla Spagna rimbalzano voci secondo le quali il fondo Elliott starebbe facendo di tutto per assicurarsi l'allenatore del City in vista della prossima stagione. Shevchenko è l'alternativa?

MOTOGP
7 ore

Vale Rossi abbacchiato: «Sono finito nella giungla»

Nuova domenica difficile per il Dottore, finito sull'asfalto quando, comunque, era solo undicesimo

MOTOGP
10 ore

Dieci volte Marquez, cade Rossi, ride Lüthi

In Giappone, lo spagnolo della Honda ha colto la sua decima vittoria stagionale precedendo Quartararo e Dovizioso. Valentino fuori quando era undicesimo. Lüthi secondo in Moto2

SERIE A
20 ore

La Juve batte il Bologna del guerriero Mihajlovic

Ronaldo e Pjanic hanno permesso ai bianconeri di incamerare i tre punti, 2-1 il risultato finale

FORMULA 1
23 ore

Sabine Kehm lancia Schumacher e "smonta" Briatore

La portavoce della famiglia è convinta: «Credo davvero che Mick sarà un campione del mondo. Sta dando tutto per raggiungere l’obiettivo»

CHALLENGE LEAGUE
1 gior

A Chiasso è notte fonda

Ennesima sconfitta per una squadra senza idee: il Kriens vince 1-0 al Riva IV

SERIE A
1 gior

Dallo 0-3 al 3-3: l'Atalanta di Freuler rovina tutto

I bergamaschi si sono fatti rimontare dalla Lazio, perdendo l'occasione di raggiungere in testa alla classifica la Juve

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile