Inter
1
Juventus
0
1. tempo
(1-0)
+8
EUROPA LEAGUE
17.09.19 - 07:000
Aggiornamento : 12:26

«Coppa? A Lugano dovrebbero essere vaccinati»

Pier Tami ha guidato l'ultimo Lugano internazionale: «L'Europa può darti una spinta. I bianconeri hanno bisogno di reagire e la partita di Copenaghen offre loro un'occasione ghiottissima»

LUGANO - La lezione subita alla Pontaise ha fatto saltare il banco a Lugano dove, dopo settimane di "siamo sereni perché anche se non vinciamo stiamo giocando bene", i bianconeri si sono riscoperti brutti, oltre che ancora perdenti. L'eliminazione dalla Coppa Svizzera contro un rivale sì competitivo ma non certo irresistibile ha cancellato le ultime scuse e reso caldissima la situazione. Per la prima volta dal suo arrivo il mister è stato messo in discussione e per l'ennesima volta i giocatori più navigati - da quando sono padroni di casa a Cornaredo - si sono dovuti sorbire la strigliata presidenziale.

Le ambizioni al via, qualche buona prestazione, le sconfitte, l'Europa League che diventa improvvisamente un peso anziché una risorsa... Una situazione simile a Lugano l'hanno già vissuta nella stagione 2017/2018 quando, dopo un avvio "tranquillo" (due vittorie e otto punti in sette giornate), con le prime gite continentali la squadra si perse. In campionato arrivarono addirittura cinque sconfitte consecutive e, tra una stilettata e una sfuriata, Renzetti arrivò vicinissimo a silurare mister Tami.

«L'Europa League è uno stress ma solo a livello mentale - ha sottolineato proprio Pier Tami - È una competizione che assorbe grandi quantità di energia, ma solo per quanto riguarda l'aspetto nervoso. Per il resto è un qualcosa che può darti una spinta, piuttosto che rallentarti. Anche a livello fisico. Al Lugano farà dunque bene cambiare aria e misurarsi con le avversarie continentali».

A lei quasi fece perdere il posto.
«Ma la rosa a disposizione di Fabio Celestini è migliore di quella sulla quale potevo contare io. E poi ora c'è più esperienza. E non parlo solo di giocatori. Noi facemmo fatica perché, come società, non eravamo pronti alle emozioni della competizione. In quanto all'organizzazione delle partite tutti, i dirigenti, lo staff, gli stessi ragazzi, ci ritrovammo sotto pressione. Ora però a Cornaredo dovrebbero essere vaccinati. L'Europa non è più un'incognita per loro».

Però sono reduci da un periodaccio. Di sicuro non giocheranno tranquilli.
«I bianconeri hanno bisogno di reagire e la partita di Copenaghen offre loro un'occasione ghiottissima per farlo. Per battersi con rabbia e voglia e tirarsi fuori dalla crisi».

L'Europa League, a differenza della Coppa Svizzera, è un torneo nel quale una squadra come il Lugano non ha molto da perdere.
«Questa cosa che affrontare avversarie più forti significhi non avere nulla da perdere non mi è mai piaciuta. Non l'ho mai capita. C'è sempre da perdere. Credo piuttosto che giocando sfide internazionali ci sia molto da guadagnare. E poi preparare partite con rivali importanti è più facile: le motivazioni arrivano da sole e, di conseguenza, non puoi sbagliare l'approccio».

Cosa che invece alla truppa di Fabio Celestini è capitata nel weekend a Losanna. Sulla carta era favorita per il passaggio del turno, eppure ha fatto una pessima figura.
«Se non giochi con lo stesso livello agonistico del tuo avversario l'aspetto tecnico non viene a galla. Il Lugano ha perso? C'è un vantaggio in questo. Le sconfitte hanno sempre un vantaggio, anche se uno solo: stimolano le corde della rivincita. Cresce quella voglia di volere subito invertire il risultato negativo».

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 12 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GI 1 anno fa su tio
spero non tornino "con le pive nel sacco"....
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile