DET Wings
CAL Flames
01:00
 
MIN Wild
STL Blues
01:30
 
DET Wings
NHL
0 - 0
01:00
CAL Flames
Ultimo aggiornamento: 24.02.2020 00:53
MIN Wild
NHL
0 - 0
01:30
STL Blues
Ultimo aggiornamento: 24.02.2020 00:53
Keystone
+ 17
L'OSPITE – ARNO ROSSINI
21.08.19 - 07:010
Aggiornamento : 16:28

Mammone Balotelli? «Un colpaccio, ma a Brescia dovranno chiudere entrambi gli occhi»

Salvo retrocessione, Mario Balotelli sarà una Rondinella per tre anni. Ma gestirlo? Arno Rossini: «Anche Maradona a Napoli godeva di grandi libertà, ma poi faceva vincere»

BRESCIA (Italia) – Mario Balotelli è tornato a casa. Dopo un lungo giro per l'Europa, a 29 anni ha capito che il posto migliore per giocare a calcio è a pochi chilometri da dove è cresciuto.

È così arrivata la firma con le Rondinelle, preferite al Flamengo e a qualche altra squadra dell'Estremo Oriente. In Brasile o Cina la punta italiana avrebbe potuto guadagnare di più. In biancazzurro potrà però tornare a sentirsi un ragazzino spensierato. E potrà forse dare una svolta definitiva alla sua carriera e alla sua vita.

Come fecero i giovani Pirlo e Toni, come fecero i vecchi Di Biagio e Baggio...

«A Brescia Balotelli potrebbe finalmente trovare la sua dimensione – ha raccontato Arno Rossini – tornare a casa potrebbe davvero dargli quella serenità che non ha trovato altrove. Potrebbe quindi lasciare il segno. Ha rinunciato a qualche milione per essere il simbolo della squadra. È una scelta che denota maturità».

Non che il contratto offerto sia “povero”: guadagnerà 3 milioni l'anno per tre anni...
«Massimo Cellino, presidente del club, ha fatto un gran colpo. L'ex numero uno di Cagliari e Leeds è d'altronde uno che di calcio ne sa parecchio. Con Balotelli venderà più biglietti e, soprattutto, il suo Brescia è diventato immediatamente più competitivo. Prima poteva sperare nella salvezza, ora...»

Salvezza... nel contratto dell'attaccante c'è una clausola rescissoria in caso di retrocessione.
«Ma se Balotelli fa il Balotelli non ci sarà retrocessione».

È ancora uno degli attaccanti più forti al mondo?
«Se ha voglia è ancora uno dei migliori. Tutto sta, appunto, a capire quanto ci tenga ad allenarsi e impegnarsi. Credo comunque che questa nuova avventura possa stimolarlo al meglio. E farlo rendere».

Merito della provincia?
«La pressione c'è anche lì, non credete. Penso che molto importante sarà per lui avere vicino la sua famiglia. Soprattutto sua madre».

«Mamma ha pianto, io al Brescia era il sogno di papà», ha raccontato il 29enne in conferenza stampa.
«La madre è sempre stata una figura molto importante, centrale addirittura, nella vita dell'attaccante italiano. Averla accanto sarà di sicuro per lui un aiuto enorme. Lei lo ha sempre seguito, fin dai primi passi. Fu lei a presentarsi a Tenero per la firma con il Bellinzona, nel 2007».

Per quei pochi giorni granata prima del passaggio all'Inter?
«Esatto. Allora Mario era un ragazzo. Ora è un uomo in grado di lasciare il segno».

Un giocatore come lui può però essere un'arma a doppio taglio. Lo spogliatoio...
«Lo accoglierà benissimo».

E mister Corini? Lo tratterà come tutti?
«Questo non è possibile. Non puoi farlo».

E quelle storielle del “sono tutti uguali”?
«Storielle appunto. Se in squadra hai calciatori come quelli qualcosa devi concedere. E molto però puoi pretendere».

Tipo: “Io ti do delle libertà ma poi tu mi fai vincere le partite”?
«Giusto, perfetto. È sempre andata così. Anche Maradona, per fare un paragone enorme, godeva di grandi libertà. Si allenava, per così dire, un paio di volte a settimana...».

Però poi la domenica trascinava i suoi.
«Il talento, il tuo poter essere decisivo, i compagni lo riconoscono. Tutti sono disposti a chiudere un occhio, anche due, con uno che poi in partita fa due gol. Il patto però deve essere rispettato. Se non ti alleni bene e, in più, nel weekend non lasci il segno, allora cominciano i malumori. I problemi. Le liti».

E salta il mister...
«È l'anello debole della catena. Chiaro che sia lui a rischiare di più in caso di risultati insoddisfacenti».

keystone-sda.ch/ (FILIPPO VENEZIA)
Guarda tutte le 21 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
2 ore
«Punto buono con qualche rammarico»
Maurizio Jacobacci si tiene stretto il pari con il Sion: «Contento di Janga e Covilo»
SUPER LEAGUE
4 ore
Janga felice a metà: «Peccato per quell'occasione...»
Positivo all'esordio, il nuovo attaccante del Lugano può solo crescere: «Da mesi non giocavo più una partita intera»
SUPER LEAGUE
7 ore
Lugano pari e patta, e la classifica si muove
I bianconeri non sono andati oltre lo 0-0 contro il Sion. Pareggio pirotecnico tra San Gallo e Young Boys
PREMIER LEAGUE
9 ore
L'ascesa di Klopp: «Mi chiamarono 20 club, ma avevo i postumi di una festa...»
Il tecnico dei Reds, mai banale, ha raccontato alcuni aneddoti: «All'inizio il Dortmund mi voleva pagare meno del Mainz»
STOP AND GO
11 ore
Lugano aggrappato alla speranza, per l'Ambrì più alibi che punti
Le ultime sconfitte hanno allontanato i bianconeri dai playoff. I biancoblù non hanno superato i loro limiti
SERIE A
12 ore
Coronavirus, in Italia sport in ginocchio
Oltre ai tanti stop nelle serie minori, anche quattro partite di Serie A sono state rinviate
SCI ALPINO
13 ore
Brignone comanda dopo il superG
L'italiana è in vetta dopo la prima prova della combinata. Gisin e Holdener in agguato
BOXE
16 ore
Demolito Wilder, Tyson Fury campione del mondo
Il britannico ha messo le mani sulla cintura WBC; lo statunitense ha gettato la spugna al settimo round
FORMULA 1
17 ore
Ferrari già indietro? «Sono meno ottimista dello scorso anno»
Mattia Binotto, team principal della Rossa: «Gli altri sono molto veloci. Ci sono 22 gare per sviluppare e crescere»
HCAP
1 gior
L'Ambrì non punge e cade ancora: il Ginevra fa festa alla Valascia
Biancoblù sconfitti 1-0 e condannati matematicamente ai playout. Shutout del 19enne Stéphane Charlin
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile