KEYSTONE/EPA (PACO CAMPOS)
+ 1
LIGA
19.05.19 - 08:010
Aggiornamento : 15:05

Zidane minaccia: «Le decisioni le prendo io, se no me ne vado»

Il tecnico, che in marzo aveva fatto il suo clamoroso ritorno sulla panchina dei Blancos, avverte: «Io sono l'allenatore e farò sempre ciò che voglio. Bale? Ci saranno cambiamenti, ma...»

MADRID (Spagna) - Concludere il campionato e ripartire con un progetto vincente, lasciandosi alle spalle le troppe difficoltà incontrate quest'anno tra Liga e Champions League: è questo il chiaro obiettivo del Real Madrid, che oggi affronta il Betis Siviglia nell'ultima fatica di questa deludente stagione.

Zinedine Zidane, che in marzo aveva fatto il suo clamoroso ritorno al timone dei Blancos firmando fino al 2022, è in una posizione di forza e ha voluto nuovamente mettere in chiaro le cose. «Se non posso fare quello che voglio nella mia squadra, me ne vado», ha detto Zizou, capace di portare a Madrid 3 Champions consecutive. «È stato un anno complicato (con Lopetegui e poi Solari in panchina prima dell'arrivo di Zidane, ndr) e stiamo guardando avanti alla prossima stagione: adesso vogliamo salutare i tifosi con una buona prestazione e una vittoria».

La squadra però va rinnovata. Sugli arrivi e chi sarà al centro del progetto Zidane avverte... «Le decisioni spettano a me. Questo è chiaro come l'acqua, io sono l'allenatore e farò sempre ciò che voglio, altrimenti andrò via. A decidere gli undici, chi va in panchina e chi rimane fuori sono solo io. Per gli acquisti e questo genere di cose abbiamo persone che lavorano, ma lavoriamo insieme».

Chi pare sempre più lontano da Madrid è Gareth Bale, su cui Zizou però non si sbilancia. «Ci saranno dei cambiamenti, ma non so cosa accadrà».

KEYSTONE/EPA (PACO CAMPOS)
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
FORMULA 1
1 ora

In sauna, con il casco, a 50°C: Perez prepara il tremendo Singapore

Il 29enne pilota messicano sta cercando di prepararsi al meglio per il Gran Premio del weekend

NATIONAL LEAGUE
2 ore

Tegola Friborgo: Sprunger out almeno due mesi

Il capitano dei burgundi si è infortunato al ginocchio destro in uno scontro con Robbie Earl

SERIE B
5 ore

«A Lugano mi sono sempre sentito parte di una famiglia. Ascoli? È quello che cercavo»

Mario Piccinocchi aveva chiuso la sua avventura in bianconero dopo quattro anni: «Cercavo qualcosa di nuovo»

LIGUE 1
8 ore

Icardi indesiderato a Parigi per colpa di Messi?

L'argentino non sarebbe stato accolto bene dai connazionali Paredes e Di Maria. Su suggerimento di Leo...

L'OSPITE - ARNO ROSSINI
11 ore

«Renzetti è come il custode allo stand di tiro: pronto a sparare alla prima difficoltà»

Copenaghen può dare la spinta o affossare il Lugano. Arno Rossini: «L'Europa è una vetrina importantissima. È come esporre la merce sugli Champs-Élysées invece che a Monte Carasso»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile