KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (PETER KLAUNZER)
+ 18
SUPER LEAGUE
13.05.19 - 07:010
Aggiornamento : 18:57

Lugano fermato sul più bello, GC retrocesso tra caos e tensioni

La striscia positiva dei bianconeri (10 risultati utili) si è interrotta a Thun nel 33esimo turno di campionato. La bagarre per l'Europa resta accesissima: giovedì a Cornaredo arriva il San Gallo

LUGANO - Ogni serie, prima o poi, è destinata a finire. Quella del Lugano di Celestini, che in campionato non perdeva dal 24 febbraio - inanellate in seguito 4 vittorie e 6 pareggi - si è conclusa a Thun.

La lunga striscia positiva si è arrestata sul più bello, se così si può dire, poiché contro i bernesi c'erano in palio punti pesantissimi in chiave Europa, coi ticinesi che avrebbero potuto fare un altro passo importante nella corsa al terzo posto. E pensare che gli uomini di Schneider arrivavano al duello della Stockhorn Arena con mille dubbi, maturati negli ultimi 11 match di Super League in cui era sempre sfuggita loro la posta piena: 6 sconfitte e 5 pareggi, con i 3 punti che mancavano dal 16 febbraio. E invece sabato hanno rialzato il capo, stoppando la marcia dei bianconeri grazie all'1-0 firmato Moreno Costanzo, autore del gol decisivo al 27', quando ha trasformato un rigore concesso per un contatto tra Mihajlovic e Tosetti. Le speranze di rimonta degli ospiti, che con Vecsei e Junior non hanno sfruttato due ghiotte occasioni, si sono fermate anche sui ferri colpiti da Maric (traversa piena) e Sulmoni.

Con questa vittoria il Thun si è anche confermato la bestia nera del Lugano... basti pensare che delle 4 sconfitte rimediate da Sabbatini & Co nel 2019, tre sono arrivate proprio contro i biancorossi (calcolando anche quella in Coppa).

E ora? Niente drammi, ci mancherebbe. La “bagarre Europa” è più accesa che mai, coi bianconeri (41 punti) che giovedì ospitano il San Gallo nel terzultimo turno. Attenzione anche alla lotta per evitare il nono posto e dunque lo spareggio, con lo Xamax fermo a 36 punti dopo il ko con lo Zurigo. La classifica resta cortissima.

Quello appena trascorso è stato anche un weekend triste per il GC, sprofondato nella Lega cadetta per la seconda volta nella propria storia. Troppe le lacune delle Cavallette, protagoniste di un campionato deludente ed estremamente turbolento. Come se non bastasse, ieri a Lucerna è andato in scena uno spettacolo indegno, con alcuni ultras del GC che, scendendo in campo, hanno creato momenti di tensione e portato all'interruzione del match attorno al 70' (col Lucerna avanti 4-0). Il Grasshopper, club più titolato del calcio svizzero (27 campionati vinti, 19 Coppe), ripartirà dunque dalla Challenge League.

KEYSTONE/KPINL KPAPA KPPA (PETER KLAUNZER)
Guarda tutte le 22 immagini
Commenti
 
cle72 6 mesi fa su tio
Nessun allarmismo, io ho sempre creduto in questa squadra e ho sempre difeso tutti...dunque calma e gesso. Forza Lugano sempre!
Evry 6 mesi fa su tio
ancora meni torbide al momento decisivo.... auguri
Zico 6 mesi fa su tio
a proposito di GC, non è che costruire stadi nuovi porti sfiga? quante squadre con un nuovo stadio sono retrocesse?
Zarco 6 mesi fa su tio
Vero! La salvezza non ancora garantita ....resto non mi interessa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
L'OSPITE – ARNO ROSSINI
2 ore
«Vlado da incatenare e da portare a Muri»
La Svizzera andrà all'Europeo senza il suo selezionatore, tentato dal Napoli? «Il suo eventuale rinnovo è anche una scelta politica»
NATIONAL LEAGUE
4 ore
Jecker lascerà il Lugano: futuro ai Dragoni
Il difensore 25enne si è legato al Friborgo fino al 2022
NATIONAL LEAGUE
6 ore
Il Losanna ci crede: «Vogliamo vincere la Champions»
Capitan Froidevaux è carico in vista del prosieguo della stagione: «Siamo un gruppo molto unito e stiamo cercando di creare qualcosa di importante»
HCL
15 ore
Crisi-Lugano: a Davos arriva la sesta sconfitta consecutiva
Bianconeri ancora al tappeto nonostante il doppio vantaggio trovato nel giro di 17’’ da Bertaggia e Lammer. 3-2 il risultato in favore dei grigionesi. Il Ginevra ha schiantato il Rapperswil
MOTOGP
18 ore
Alex Marquez, debutto col botto: primi giri e caduta
È iniziata con una scivolata nei test di Valencia l'avventura del 23enne spagnolo con la Honda
SERIE A
21 ore
«Penso che De Ligt si sia pentito della Juve»
Patrick Kluivert, attuale responsabile del settore giovanile del Barcellona, è tornato sulla scelta del difensore: «La vita è questa, si prendono decisioni giuste e sbagliate»
MADRID
23 ore
Il ritorno di Luis Enrique: dopo il dramma si riprende il timone della Spagna
Il 49enne, dopo aver lasciato la panchina per stare vicino alla figlia, torna al suo posto e guiderà le Furie Rosse ad Euro 2020
NATIONAL LEAGUE
1 gior
«Zugo, Losanna, Zurigo, Berna, Lugano e Bienne più ricchi»
Spinto da stranieri ispiratissimi, il Davos sta volando. Raeto Raffainer: «Non siamo fenomeni. Se giochiamo all'80% non vinciamo»
NATIONAL LEAGUE
1 gior
«C'era un po' di timore, ora tanto entusiasmo. Wingels & Co? Come locomotive»
Il nuovo Ginevra targato Emond-Cadieux si trova nei piani alti. L'ex coach dei razzi: «Siamo all’inizio di un nuovo ciclo, il lavoro sta dando i suoi frutti. Lugano? Fa fatica, ma il potenziale c'è»
HCL
1 gior
Sul ghiaccio di Davos il Lugano è chiamato al riscatto
La truppa di Kapanen farà visita alla compagine grigionese dopo aver perso cinque partite consecutive
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile