Keystone
L'OSPITE
02.05.18 - 07:000
Aggiornamento : 17:18

Salah lo svizzero e la Fontana di Trevi: «Lui come un camino: ci metti attorno le panchine»

Incrociato da avversario e ammirato da tifoso, Arno Rossini segue l'egiziano da anni: «Il suo Basilea ci batté in Coppa, era già un fuoriclasse»

ROMA (Italia) - «Mohamed Salah vale quanto Leo Messi». Non sono pochi, tifosi del Liverpool e non, a cominciare a pensare che davvero l'egiziano sia il nuovo fenomeno del pallone mondiale. Che sia colui il quale riceverà lo scettro dalle mani della Pulce, quando questa deciderà di smettere di incantare. Certo il 25enne sta completando una stagione pazzesca; sta segnando a ripetizione e - a tratti - sta incantando. Basta però questo, bastano otto mesi stellari, per meritare l'immortalità pallonara? Momo ha fatto benissimo anche in passato, partendo dal Basilea e ripetendosi anche con Fiorentina e Roma (mentre non ha lasciato il segno al Chelsea); quei campionati sono però stati "solo" buoni, forse anche ottimi. Non si era visto nulla che, tra un applauso e l'altro, aveva spinto a paragonarlo al dieci blaugrana. In Reds però...

«Vi racconto un aneddoto - è intervenuto Arno Rossini - Nella primavera del 2013, quando ero a Sion con Gattuso, incrociammo il Basilea in semifinale di Coppa Svizzera. Perdemmo 0-1 per un gol di Stocker. Nell'occasione Salah fece la differenza. Dopo il match lo salutai e, contemporaneamente, dissi a Rino: "Questo è un fuoriclasse". Già allora si vedeva che era speciale. È sicuramente il più forte che io abbia visto dal vivo, come mio giocatore o avversario».

Che sia bravissimo non ci piove. Ma vale, o varrà, Messi?
«Negli anni è molto maturato, fino a raggiungere un livello alto. Ora ha poi grande sicurezza nei propri mezzi, che sono enormi».

È velocissimo...
«Negli ultimi trenta metri sa essere devastante. È davvero spaventoso quel che riesce a fare. Ha grande velocità di controllo ed esecuzione e poi... vede la porta. Il primo gol fatto alla Roma nell'andata delle semifinali? Nemmeno lo provi se non hai qualità e certezze. Secondo me al momento è già uno dei primi cinque attaccanti al mondo».

È un giocatore attorno al quale si può pensare di costruire una gruppo vincente?
«I Reds, con il gioco voluto da Klopp, sono per lui perfetti. Una squadra che attacca sempre con quattro uomini sa infatti sempre esaltare le doti di giocatori come Salah. Detto questo... l'egiziano potrebbe fare la differenza ovunque, in ogni campionato europeo. Potrebbe tranquillamente essere l'elemento simbolo di un club. Potrebbe essere un camino attorno al quale posizionare le panchine».

E i suoi margini di miglioramento sono ancora ampi.
«Esatto. So poi che è un professionista serio e umile. Si allena con attenzione, è meticoloso nella preparazione ma anche nell'alimentazione. E poi sa di essere l'uomo simbolo del suo paese. Tutto ciò potrebbe fare la differenza».

Contro questo Salah la Roma può pensare di ribaltare il 2-5 incassato nella semifinale d'andata?
«No. Se attaccata in verticale - soprattutto da giocatori come quelli del Liverpool - la difesa giallorossa va in difficoltà. Più facile spostare la fontana di Trevi che vedere la Roma in finale».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
MOTOMONDIALE
22 min
Lorenzo si ritira!
Il 32enne pilota spagnolo, cinque volte campione del mondo (tre nella classe regina), ha annunciato il suo addio al circus
FORMULA 1
2 ore
«La Ferrari bara», Verstappen ingenuo portavoce della Mercedes
Helmut Marko ha provato a chiudere la querelle innescata dall'olandese. «Lui ha esagerato, ma l'indagine è partita dalla Mercedes»
NATIONAL LEAGUE
5 ore
«Non stiamo panicando», a Berna tra preoccupazione e pancia piena
Cosa sta succedendo agli Orsi? Alex Chatelain: «Non c'è un unico aspetto che non va, dobbiamo rimanere positivi»
NATIONAL LEAGUE
8 ore
«L'ultima volta l'Ambrì ci ha ucciso»
Christian Dubé è l'artefice della rinascita del Friborgo: «Ma non ho la bacchetta magica, non c'è alcun segreto»
MOTOGP
16 ore
Soldi e ingegneri per continuare, Rossi tra ambizione e ritiro
Il Dottore non correrà oltre il 2020 se non sarà veloce e... «Continuando così non risolveremo mai i nostri guai»
GLAND
19 ore
«Michael Schumacher è grave», ma Corinna risponde
Botta e risposta tra l'ex manager e la moglie dell'ex campione tedesco
HCL
22 ore
«Herburger? Velocità e visione di gioco: risponde alle nostre necessità»
Hnat Domenichelli, GM del Lugano, ha commentato l'ingaggio di Raphael Herburger per la prossima stagione: «Vogliamo un gioco più offensivo, ci aiuterà. Rispetto a Bienne è un giocatore più completo»
PREMIER LEAGUE
23 ore
Multa di 20'000 sterline se in ritardo, di 1'000 se squilla il telefono
Frankie Lampard ha fissato ammende salate per chi, al Chelsea, sgarra su orari, vestiario ed “educazione”
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Jelovac lascerà l'Ambrì: biennale col Rapperswil
I sangallesi hanno comunicato l'ingaggio del difensore 24enne e del giovane attaccante Marco Lehmann. Inoltre Simek, arrivato in prestito dal Ginevra, resterà al Rappi sino a fine stagione
HCL
1 gior
Nuovo attaccante a Lugano: biennale ad Herburger
Il centro austriaco - già visto in Svizzera con la maglia del Bienne - giocherà in bianconero nel 2020/21 e 2021/22
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile