FC Schalke 04
2
Manchester City
3
fine
(2-1)
Atletico Madrid
2
Juventus
0
fine
(0-0)
FC Schalke 04
CHAMPIONS UEFA
2 - 3
fine
2-1
Manchester City
2-1
 
 
18'
0-1 AGUERO SERGIO
 
 
36'
OTAMENDI NICOLAS
1-1 BENTALEB NABIL
38'
 
 
UTH MARK
41'
 
 
 
 
43'
FERNANDINHO ROSA
2-1 BENTALEB NABIL
45'
 
 
 
 
68'
OTAMENDI NICOLAS
SANE SALIF
73'
 
 
 
 
85'
2-2 SANE LEROY
 
 
90'
2-3 STERLING RAHEEM
 
 
90'
EDERSON MORAES
AGUERO SERGIO 0-1 18'
OTAMENDI NICOLAS 36'
38' 1-1 BENTALEB NABIL
41' UTH MARK
FERNANDINHO ROSA 43'
45' 2-1 BENTALEB NABIL
OTAMENDI NICOLAS 68'
73' SANE SALIF
SANE LEROY 2-2 85'
STERLING RAHEEM 2-3 90'
EDERSON MORAES 90'
First leg.
Venue: Veltins Arena.
Turf: Natural.
Capacity: 62,271.
Referee: Carlos Del Cerro (ESP).
Assistant referees: Juan Yuste (ESP), Roberto Alonso (ESP).
Fourth official: Jose Maru00eda Sanchez Martinez (ESP).
Video Assistant Referee: Alejandro Hernandez (ESP).
Sidelined Players: FC SCHALKE 04 - Omar Mascarell(Susp.), Breel Embolo, Alessandro Schopf, Benjamin Stambouli (Injured).
MANCHESTER CITY - Vincent Kompany, Claudio Bravo, Benjamin Mendy (Injured).
Ultimo aggiornamento: 20.02.2019 23:36
Atletico Madrid
CHAMPIONS UEFA
2 - 0
fine
0-0
Juventus
0-0
COSTA DIEGO
8'
 
 
PARTEY THOMAS
45'
 
 
 
 
55'
SANDRO ALEX
1-0 GIMENEZ JOSE
78'
 
 
2-0 GODIN DIEGO
83'
 
 
GRIEZMANN ANTOINE
89'
 
 
8' COSTA DIEGO
45' PARTEY THOMAS
SANDRO ALEX 55'
78' 1-0 GIMENEZ JOSE
83' 2-0 GODIN DIEGO
89' GRIEZMANN ANTOINE
The goal of ATLETICO MADRID at 70th minute was cancelled on VAR rule.
First leg.
Venue: Wanda Metropolitano.
Turf: Natural.
Capacity: 68.000.
Referee: Felix Zwayer (GER).
Assistant referees: Thorsten Schiffner (GER), Marco Achmuller (GER).
Fourth official: Tobias Welz (GER).
Video Assistant Referee: Bastian Dankert (GER).
Sidelined Players: ATLETICO MADRID - Koke, Diego Costa, Lucas Hernandez (Injured).
MATCH SUMMARY: Atletico 9 unbeaten against Italian clubs: W7 D2.
Atletico W1 D1 against Juve
Ultimo aggiornamento: 20.02.2019 23:36
Keystone
RUSSIA 2018
17.11.17 - 09:300

Tra protagonisti, comparse e esclusioni. Il casting per la Coppa è terminato

L'Italia non va al Mondiale dopo 60 anni. Panama è presente per la prima volta. I sorteggi del primo dicembre delineeranno meglio il copione in attesa del primo ciak di giugno

MOSCA - Ciak, si gira. Con l’ultimo posto assegnato la scorsa notte al Perù, il casting per la Russia è terminato. Tra le 32 squadre protagoniste sul palcoscenico Mondiale, però, non ci sarà l’Italia. Dopo 60 anni dall’ultimo flop. Il sipario sul dramma azzurro è infatti tristemente calato lunedì sera quando in una notte da film dell’orrore la Svezia ha fatto piangere una nazione intera. I quattro volte campioni esclusi dal Mondiale. Un colpo di scena degno del “Sesto Senso” di M. Night Shyamalan, solo che in questo caso a vedere la “gente morta” non è stato Bruce Willis, ma i tifosi azzurri presenti allo stadio. L’Armata “Brancaleone” di Ventura non è però l’unica delusa. Dal cast per Russia 2018 sono rimaste fuori pure altre squadre che avrebbero potuto giocare un ruolo da protagonista l’estate prossima. Su tutti il Cile di Sanchez e Vidal e l’Olanda di Robben.

I sudamericani (9 partecipazioni) si sono dovuti inchinare a Brasile - dominatore assoluto delle qualificazioni continentali -, Argentina, Colombia e Uruguay. Le prime due - con le superstar Neymar e Messi - avranno un ruolo da protagonista assoluto nella recita in Russia. Le seconde cercheranno di apparire il più possibile in un copione che, per la prima volta dal 1982, rivede presente anche il Perù. Un posto da comparsa - che ha fatto esultare un Paese intero - se l’è conquistato pure la piccola Panama, che si affaccia per la prima volta su questo palcoscenico a discapito degli Stati Uniti (10 Mondiali). Dalla zona Concacaf volano in Russia - ma con ruoli marginali - pure il Messico e il Costa Rica.

Dall’Europa, oltre alla nostra Svizzera (ormai personaggio ricorrente dello spettacolo iridato con dieci Mondiali, gli ultimi quattro filati), troviamo sicure protagoniste e comparse affamate di rubare la scena alle stelle più affermate. Tra le squadre più ambiziose ci sono naturalmente i campioni del mondo della Germania (percorso netto nelle qualificazioni), la Francia, l’Inghilterra e la Spagna. Il ruolo di outsider se lo giocheranno invece il talentuosissimo Belgio, il Portogallo di Ronaldo e la Polonia di Lewandowski. Anche Croazia, Danimarca e Svezia, che come la truppa di Petkovic hanno conquistato il palcoscenico continentale nell’ultimo decisivo provino, potrebbero ambire a ruoli più importanti rispetto a quelli che gli ha assegnato il copione. La Russia si presenta sul proprio palco da testa di serie, ma come una parte marginale nella storia, così come la Serbia e la sorprendente Islanda.

Le nazioni provenienti dalla zona africana e da quella asiatica sono invece destinate a brevi camei sul palcoscenico mondiale. Le varie Tunisia, Egitto, Senegal, Nigeria e Marocco avranno ruoli secondari. Particine fugaci davanti al ciak pure per Corea del Sud, Giappone, Australia, Arabia Saudita e Iran, che non dovrebbero avere il physique du rôle per un palco tanto importante. Il cast è completo e verrà diviso in gruppi il prossimo primo dicembre a Mosca. Protagonisti e comparse. Il film del Mondiale va in onda a giugno. E solo poco prima dei titoli di coda si saprà come andrà a finire.

Le quattro fasce per il sorteggio al Cremlino del primo dicembre:

Prima fascia - Russia, Germania, Brasile, Portogallo, Argentina, Belgio, Polonia, Francia.

Seconda fascia - Spagna, Svizzera, Inghilterra, Perù, Colombia, Messico, Uruguay, Croazia.

Terza fascia - Danimarca, Islanda, Costa Rica, Tunisia, Egitto, Senegal, Iran, Svezia.

Quarta fascia - Serbia, Nigeria, Australia, Giappone, Marocco, Panama, Corea del Sud, Arabia Saudita.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report