Keystone
SERIE A
01.08.17 - 10:240

Pirlo, juventino nel cuore: «Il Milan non è da scudetto»

Il fantasista ha anche parlato della situazione legata a Bonucci: «Non so cosa sia successo con Allegri. In ogni caso io non avevo cambiato maglia per colpa sua, avevo finito un ciclo»

MILANO (Italia) - È rimasto ancora troppo “juventino” Andrea Pirlo che, intervistato da Repubblica, evidenzia le differenze tra il suo addio ai bianconeri per passare al Milan e la vicenda-Bonucci.

Il play vede ancora la squadra di Allegri favorita per il titolo e non crede alle chances scudetto del team di Allegri. Pirlo ci tiene a ricordare che non andò via dal Milan per “colpa di Allegri” e che non ci sono similitudini con la storia di Bonucci: «Non so cosa sia successo tra loro, io me ne sono andato dal Milan perché ero a fine contratto e volevo un’avventura nuova. Allegri non centrava niente, non ho cambiato per colpa sua. Sarei potuto rimanere anche al Milan. Ma sentivo di aver finito un ciclo».

Bonucci per Pirlo non vincerà quanto avrebbe vinto rimanendo bianconero: «La Juventus anche senza Bonucci rimane la squadra da battere. Tutti gli anni si dice che sarà la volta buona di Roma, Napoli e altre. Poi sappiamo come va a finire... Si è rinforzata con Douglas Costa, Bernardeschi e Szczesny. Magari adesso comprerà qualcun altro. Bonucci al Milan darà grande carisma, personalità ed esperienza internazionale. Alla Juve mancheranno la sua tecnica, la sua abilità nel giocar la palla ma non credo che il Milan sia da scudetto. Quando parti da zero e prendi dieci giocatori nuovi, bravi quanto vuoi, è dura vincere subito. Devi farli giocare insieme, metterli bene in campo. Montellaavrà un lavoro stimolante, ma difficile. L’obiettivosarà arrivare in Champions».

Commenti
 
Pippogoal 1 anno fa su tio
Pezzo di m...ricordati che le Champions le vinci con noi però
gp46 1 anno fa su tio
@Pippogoal Gran tifoso di calcio uno che dà del pezzo di m.. ad un giocatore simile, complimenti...
TOP NEWS Sport
TENNIS
8 min

Va al bar a vedere Federer-Djokovic, ora rischia il carcere

Ai domiciliari per una condanna di quattro mesi, il 58enne si è recato al bar per gustarsi il quinto set della finale: «Ho fatto una stupidaggine»

SAN PAOLO
3 ore

Cafu sommerso dai debiti: già perse cinque proprietà

«È un mio problema personale», le parole dell'ex capitano del Brasile. Pignorate altre 15 proprietà

TENNIS - LE CIFRE
6 ore

Novak & Roger: Titani-show tra feste e occasioni perse

Djokovic è il numero uno al mondo. Federer è, probabilmente, il migliore di sempre

UN DISCO PER L'ESTATE
9 ore

Quando Wes Walz fece il fenomeno e schiantò (quasi da solo) l’Ambrì

Il centro canadese fu il grande protagonista dell’unico titolo conquistato dallo Zugo nella stagione 1997/98 con dei playoff semplicemente mostruosi

SUPER LEAGUE
17 ore

«Behrami? Necessitavamo di una presenza forte nel gruppo»

Il dg del Sion - Marco Degennaro - si è espresso in merito alla nuova stagione che sta per iniziare: «Mercato in uscita? C'è un grande legame con il Chiasso»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report