TOR Leafs
BOS Bruins
01:00
 
NJ Devils
PIT Penguins
01:00
 
WAS Capitals
MON Canadiens
01:00
 
COB Jackets
STL Blues
01:00
 
TOR Leafs
NHL
0 - 0
01:00
BOS Bruins
Ultimo aggiornamento: 16.11.2019 00:09
NJ Devils
NHL
0 - 0
01:00
PIT Penguins
Ultimo aggiornamento: 16.11.2019 00:09
WAS Capitals
NHL
0 - 0
01:00
MON Canadiens
Ultimo aggiornamento: 16.11.2019 00:09
COB Jackets
NHL
0 - 0
01:00
STL Blues
Ultimo aggiornamento: 16.11.2019 00:09
Keystone
SERIE A
18.03.17 - 16:230

Andrea Agnelli deferito per presunti contatti con i boss: «È inaccettabile»

Il presidente della Juventus è intervenuto in conferenza stampa per spiegare la situazione e sottolineare il proprio punto di vista

TORINO (Italia) - «Mi è stato notificato un deferimento da parte della Procura federale. Tale deferimento riguarda il sottoscritto, il dottor Francesco Calvo, all'epoca nostro dirigente, il signor Alessandro D'Angelo e il signor Stefano Merulla. Questa società, i suoi dipendenti e il sottoscritto, non hanno nulla da nascondere e da temere, ed è questo il motivo per cui oggi sono qui davanti a voi».

Conferenza stampa inattesa e straordinaria del presidente della Juventus Andrea Agnelli che ha voluto fare alcune puntualizzazioni sull'indagine relativa a presunti legami tra la curva bianconera e la 'ndrangheta.

«Nei mesi scorsi i dipendenti della Juventus, che godono della mia massima fiducia, hanno collaborato con la Procura della Repubblica di Torino in veste di testimoni, nel quadro di un'indagine riguardante alcuni personaggi legati al mondo della criminalità organizzata. Questa veste di testimoni è stata sottoposta ad un controllo invasivo e meticoloso, anche con l'uso di intercettazioni ambientali e telefoniche e non è mai montata. Erano testimoni e sono rimasti testimoni fino alla chiusura delle indagini penali. Oggi la Procura Federale, anzichè limitarsi a contestare eventuali irregolarità nella vendita dei biglietti emette un deferimento nel quale il mio nome, quello dei nostri dipendenti, rivestirebbe un ruolo di collaborazione con la collaborazione con la criminalità organizzata. Tutto ciò è inaccettabile, ed è frutto di una lettura parziale e preconcetta nei confronti della Juventus e non rispondente a logiche di giustizia. Mi difenderò, difenderò i nostri collaboratori e soprattutto difenderò il buon nome della Juventus che per troppe volte è già stato infangato e sottoposto a curiosi procedimenti sperimentali da parte della giustizia sportiva. Non ho incontrato boss mafiosi, a cadenze regolari ho incontrato tutte le categorie di tifosi, siano essi club doc, siano essi Juventus Member o siano essi gruppi ultras. È sempre stata un'attività fatta alla luce del sole che penso rientri a pieno titolo nei doveri di un presidente di una società calcistica. Se alcuni di questi personaggi hanno oggi assunto una veste diversa negli occhi della giustizia penale, questo è un aspetto che all'epoca dei fatti non era noto, nè a me, nè a nessuno dei dipendenti della Juventus. La Juventus, così come ogni altra società calcistica, collabora con lo stato ed è stata negli anni scorsi indicata come esempio virtuoso, ma non può certamente sostituirsi alle forze dell'ordine. Da ultimo, so che alcuni di voi si sono esercitati nei giorni scorsi, nelle settimane scorse, all'ipotesi del cambiamento del management Juventus. Mi spiace deludervi, ma questo gruppo dirigente, formato dal sottoscritto, da Marotta, dal vicepresidente Nedved, dal direttore sportivo Fabio Paratici, ha intenzione di continuare a far crescere la Juventus ancora per parecchio tempo».

Commenti
 
TOP NEWS Sport
TENNIS
1 ora
Nadal è eliminato: King Roger se la vedrà con Tsitsipas
Nell'ultimo incontro del round robin Alexander Zverev ha superato Daniil Medvedev 6-4, 7-6(4)
NAZIONALE
1 ora
Itten-gol: e per la Svizzera è (quasi) fatta
La formazione rossocrociata ha liquidato la Georgia 1-0. Ora sarà sufficiente un solo punto contro Gibilterra. Nello stesso tempo si qualifica la Svezia, mentre l'Italia ha colto il nono successo
NATIONAL LEAGUE
2 ore
Il Davos continua a stupire: i grigionesi piegano lo Zugo in trasferta
La truppa di Wohlwend ha espugnato la Bossard Arena 5-4, tripletta di Hofmann per i Tori. Nello stesso tempo vincono anche Langnau e Bienne
HCAP
2 ore
All’Ambrì non basta un Super D’Agostini, biancoblù superati dai Dragoni
I biancoblù pagano a caro prezzo un avvio di gara disastroso e vengono sconfitti per 4-2 dal Friborgo. Ai ticinesi non è bastata la doppietta del cecchino canadese
QUALIFICAZIONE EURO 2020
4 ore
Storica Finlandia: doma il Liechtenstein e va per la prima volta all'Europeo
La compagine finlandese si è imposta 3-0. Nello stesso tempo vincono anche Grecia e Norvegia
TENNIS
6 ore
Nadal vince e ora spera: l'avversario di Federer è ancora sconosciuto
Il tennista spagnolo ha sconfitto Tsitsipas con il punteggio di 6-7(7), 6-4, 7-5
TENNIS
7 ore
Djokovic omaggia il campione: «Ho un'ammirazione assoluta per Roger»
Eliminato dalle Finals il serbo si è espresso a proposito del renano
SERIE A
7 ore
Frecciate a Sarri: «Non si scherza con CR7. Sta bene, e adesso?»
Le sorelle di Cristiano Ronaldo esultano per la tripletta e pungono il tecnico della Juve: «Dio non fallisce...»
TENNIS
10 ore
«Non dovevo scacciare dei fantasmi, ma è sempre speciale battere Djokovic»
Roger Federer, capace di eliminare Nole con una prestazione stellare, scherza e si prepara per le semi delle Atp Finals: «Mi sento giovane e in forma, ma credo sia merito del taglio di capelli...»
NATIONAL LEAGUE
13 ore
«Bisogna avere pazienza e fiducia in Kapanen»
Marco Baron ha parlato del momento dei bianconeri: «Al Lugano manca qualche gol, soprattutto da giocatori del calibro di Bürgler»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile