key
+1
CHAMPIONS LEAGUE
06.06.15 - 22:480
Aggiornamento : 10.01.18 - 10:20

Il Barça sul tetto d'Europa per la quinta volta

I blaugrana hanno superato 3-1 la Juventus grazie a Rakitic, Suarez e Neymar

BERLINO (Germania) - La 60esima edizione della Champions League è stata vinta dal Barcellona. I catalani hanno sconfitto all'ultimo atto la Juventus con il punteggio di 3-1, conquistando di conseguenza la quinta Champions League/Coppa Campioni della loro storia. 

Le due squadre sono scese sul terreno di gioco con le formazioni tipo, ovvero quelle che hanno onorato i rispettivi campionati, eccezion fatta per Barzagli al posto dello sfortunato Chiellini.

I blaugrana sono partiti subito molto forte e dopo solo 4' sono passati in vantaggio grazie a Rakitic: il fantasista svizzero, naturalizzato croato, è stato abile ad approfittare di una grande azione orchestrata dai suoi compagni e che ha messo in evidenza tutta la classe del Barça, per battere da due passi Buffon. Messi e compagni avrebbero potuto anche raddoppiare qualche istante più tardi, ma né Dani Alves (miracolo del numero 1 italiano) né Neymar, sono stati fortunati. Intorno al 15' rigore reclamato dal Barça per fallo di mano in area di Lichtsteiner, non ravvisato dalla terna arbitrale. Nella seconda metà del tempo sono cresciuti anche i bianconeri con Morata e Marchisio che si sono resi pericolosi dalle parti di Ter Stegen, mentre nel finale Messi e Suarez sono andati molto vicini al raddoppio, ma il punteggio nei primi 45' non è più cambiato.

Nella ripresa gli spagnoli sono partiti molto tonici e avrebbero potuto raddoppiare sia con Messi che con Iniesta, ma le loro conclusioni hanno trovato un attento Buffon. Così, nel momento migliore del Barça, i bianconeri hanno realizzato l'1-1 con l'ormai "habitué" Morata, il quale ha ribattuto in rete una bella conclusione di Tevez respinta dal portiere avversario. Da segnalare nell'occasione l'ottima azione iniziata da Marchisio con un pregevole colpo di tacco. Dopo il pareggio i ragazzi di Allegri sono saliti in cattedra e hanno messo in difficoltà i loro avversari cercando a più riprese il vantaggio, senza però riuscire a bucare Ter Stegen. Intorno al 65' hanno anche reclamato un rigore per un intervento di Dani Alves su Pogba, giudicato corretto. La Juve ha ovviamente da recriminare perché sul ribaltamento di fronte, Messi, ha deciso di tirare fuori qualche numero dei suoi e i blaugrana sono passati in vantaggio: il contropiede della Pulce si è tradotto in un tiro insidioso verso la porta di Buffon, con il numero 1 che ha respinto la conclusione, ma niente ha potuto sulla ribattuta di Suarez. Qualche istante più tardi Neymar avrebbe portato i suoi sul 3-1, ma l'arbitro ha annullato per tocco di mano.

Nei minuti finali gli schemi sono saltati ed entrambe le squadre sono andate più volte vicino alla rete senza riuscire a cambiare il risultato, così, durante l'ultima punizione della partita (96'), quasi tutti gli juventini si sono portati nell'area di rigore avversaria e, persa la palla, Neymar in contropiede ha siglato il definitivo 3-1.

Da segnalare l'ultima partita di Xavi con il Barça, il quale - entrato al 75' al posto del compagno di mille battaglie Iniesta - ha salutato i suoi tifosi come meglio non poteva dopo 17 stagioni e 25 trofei conquistati, fra cui la bellezza di 4 Champions League e 8 campionati spagnoli.

JUVENTUS - BARCELLONA 1-3 (0-1)
Reti: 4' Rakitic 0-1; 55' Morata 1-1; 68' Suarez 1-2; 96' Neymar 1-3.

CALCIO: Risultati e classifiche

key
Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
SERIE A
3 ore
Balotelli licenziato!
Partita la richiesta della società per la rescissione unilaterale del contratto.
CALCIO
7 ore
CR7 e Mou, rissa sfiorata ai tempi del Real
Nella sua autobiografia il 34enne croato ha toccato due temi scottanti
TENNIS
16 ore
Ivanisevic azzera Federer
Il coach di Djokovic coccola il suo assistito: «Supererà tutti i record nel giro di un paio d’anni al massimo»
SERIE A
20 ore
«Terribile»
Il nazionale elvetico dell'Atalanta ha parlato delle difficili settimane vissute dalla città di Bergamo
COPPA SPENGLER
21 ore
"Torna la Montanara": Ambrì alla Spengler
Per il secondo anno di fila i leventinesi parteciperanno al torneo grigionese
HCAP
1 gior
«Abolire la retrocessione? Non ero così felice, ma poi...»
Chiacchierata con il difensore biancoblù Michaël Ngoy: «Lavorare bene in estate è la base per prolungare la carriera»
SUPER LEAGUE
1 gior
Il Lugano guarda al futuro: rinnovi per Covilo e Kecskes
I due tesserati hanno convinto la società bianconera
SUPER LEAGUE
1 gior
«Constantin? Noi non ci siamo ribellati, il sistema poi te la fa pagare»
Il presidente del Lugano Angelo Renzetti sull'infortunio di Obexer: «Ci stiamo concentrando su Pavlovic e Jefferson»
CHAMPIONS LEAGUE
1 gior
Gasperini indignato: «Io in panchina con il coronavirus? Polemica offensiva»
Il 62enne è accusato dal club spagnolo di essersi presentato in panchina nonostante i sintomi del Covid-19
HCL
1 gior
«Fantastico poter contare sul Lugano»
Il club bianconero ha sostenuto concretamente la Fondazione Amici della Vita
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile