LOS ANGELES
13.05.14 - 14:190
Aggiornamento : 21.11.14 - 04:16

"Magic ha fatto sesso con ogni donna di ogni città USA e preso l'AIDS. Dovrebbe vergognarsi"

Donald Sterling ha nuovamente attaccato l'ex leggenda gialloviola. E dire che aveva cominciato il suo discorso alla CNN provando a scusarsi per delle frasi razziste…

LOS ANGELES (USA) – Una battuta razzista e la tua vita va a rotoli. Questo è accaduto a Donald Sterling, proprietario ed ex presidente dei Los Angeles Clippers il quale, “intercettato” mentre raccomandava alla compagna di non farsi vedere con afroamericani (citando Magic Johnson), è finito nella bufera. L’80enne miliardario statunitense è stato bandito dalla NBA (dovrà cedere il club) e rimproverato dalla comunità nera americana. Presidente Obama in testa.

Sterling, tentando di ricucire lo strappo, ha deciso di comparire davanti alle telecamere della CNN per le scuse. Queste sono arrivate, accompagnate però anche da un nuovo attacco alla leggenda gialloviola. “Se ho detto qualcosa che è stato frainteso, me ne scuso – ha sottolineato il proprietario dei Clippers – non sono razzista. Sono solo una persona buona che ha commesso un errore. Però non parliamo di Magic. Che cosa ha fatto il grande Magic Johnson? Ha fatto sesso con ogni donna di ogni città statunitense e per questo ha preso l’AIDS (Magic ha l’HIV, non l’AIDS, ndr). Quando ho saputo della sua malattia sono andato in sinagoga e ho pregato per lui. Ho provato a sostenerlo ma di certo non ho mai pensato potesse essere un modello per i nostri figli. Penso che dovrebbe vergognarsi”.

Inutile dire che la NBA, attraverso il commissioner Adam Silver, ha nuovamente stigmatizzato il comportamento di Sterling…

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SERIE B
31 min

«A Lugano mi sono sempre sentito parte di una famiglia. Ascoli? È quello che cercavo»

Mario Piccinocchi aveva chiuso la sua avventura in bianconero dopo quattro anni: «Cercavo qualcosa di nuovo»

LIGUE 1
3 ore

Icardi indesiderato a Parigi per colpa di Messi?

L'argentino non sarebbe stato accolto bene dai connazionali Paredes e Di Maria. Su suggerimento di Leo...

L'OSPITE - ARNO ROSSINI
6 ore

«Renzetti è come il custode allo stand di tiro: pronto a sparare alla prima difficoltà»

Copenaghen può dare la spinta o affossare il Lugano. Arno Rossini: «L'Europa è una vetrina importantissima. È come esporre la merce sugli Champs-Élysées invece che a Monte Carasso»

HCAP
15 ore

Ambrì, blackout e disattenzioni: a Berna arriva la terza sconfitta

I biancoblù, ancora a secco di punti, hanno perso 4-1 alla PostFinance Arena. Tre reti a inizio secondo tempo (di cui ben due in shorthanded) hanno compromesso la sfida

HCL
15 ore

Lugano ancora al tappeto, fa festa solo il Davos

Bianconeri sconfitti anche nella seconda uscita stagionale. I grigionesi si sono imposti 3-2 alla Cornér Arena, decisivi Wieser e Tedenby

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile