Immobili
Veicoli
YMER M. (SWE)
0
TSITSIPAS S. (GRE)
3
fine
(2-6 : 2-6 : 1-6)
RUUD C. (NOR)
1
SONEGO L. (ITA)
0
2 set
(6-2 : 1-1)
YMER M. (SWE)
0
TSITSIPAS S. (GRE)
3
fine
(2-6 : 2-6 : 1-6)
RUUD C. (NOR)
1
SONEGO L. (ITA)
0
2 set
(6-2 : 1-1)
Ricorso respinto: Djokovic deve lasciare l’Australia
keystone-sda.ch / STR (JAMES ROSS)
+9
MELBOURNE
16.01.22 - 07:560
Aggiornamento : 10:45

Ricorso respinto: Djokovic deve lasciare l’Australia

Vincono il Ministro e l’opinione pubblica: l’Australia espelle il no vax Djokovic

Djokovic ha pagato a caro prezzo la scelta di non vaccinarsi e i comportamenti tenuti una volta scoperto di essere positivo.

MELBOURNE - Questa volta è davvero finita, questa volta Novak Djokovic è stato definitivamente sconfitto. 

Respinto il ricorso presentato contro la decisione presa da Alex Hawke, Ministro dell’Immigrazione, il 34enne di Belgrado si è dovuto arrendere all’annullamento del visto che gli avrebbe permesso di rimanere in Australia. Dovrà tornare in Serbia e non potrà andare a caccia di un nuovo - il decimo - successo nel primo Slam dell’anno. 

Una corte composta da tre giudici in seduta plenaria ha messo il punto a una vicenda intricata e, a livello d’immagine, sanguinosa (per il numero uno al mondo, per il tennis e per l’Australia), cominciata mesi fa e infiammatasi negli ultimi dieci giorni. Dal 5 gennaio scorso, quando Nole è atterrato nell’isola-continente solo poche ore dopo aver avvisato il mondo di aver ottenuto un’esenzione che gli avrebbe consentito, da non vaccinato, di soggiornare comunque a Melbourne e, quindi, di partecipare agli Australian Open. Il sogno di fare la storia è, per Novak, tuttavia svanito presto; l’incontro con gli agenti dell’Australian Border Force lo ha infatti velocemente fatto precipitare in un incubo.

Fermato perché in possesso di un visto ottenuto con documentazione ritenuta irregolare, il serbo è stato costretto a trascorrere, quasi da recluso, quattro giorni nell’ormai famoso Park Hotel. Non si è però arreso: nel frattempo ha infatti presentato un ricorso e questo, studiato dal giudice del Tribunale federale Anthony Kelly, è stato accettato. Gli è insomma stata data ragione. I suoi guai non sono in ogni caso finiti. Il polverone sollevato ha portato all’attenzione delle autorità australiane - e dei tifosi-curiosi di tutto il mondo - i suoi comportamenti disdicevoli e gli errori commessi nelle ultime settimane: i “giri” fatti e i contatti avuti da positivo, i documenti di viaggio compilati dando informazioni sbagliate… Djokovic ha infilato una figuraccia dopo l’altra, facendo storcere il naso sia a Melbourne che in Europa. Si è pubblicamente scusato, ma questo non è bastato: esercitando il potere discrezionale garantito dal suo ruolo, venerdì il Ministro Hawke gli ha infatti nuovamente revocato il visto. A quel punto, spalle al muro, il campionissimo di tennis ha tentato di piazzare l’ultimo colpo e di guadagnare così, grazie all’intervento dei suoi legali, un’altra occasione, un’altra udienza dalla quale provare a uscire vincitore. Ci è riuscito, ma in questa non ha saputo chiudere i conti: l'ultima pallina è finita fuori dal campo, lui fuori dall’Australia.

SPORT: Risultati e classifiche

keystone-sda.ch (James Ross)
Guarda tutte le 13 immagini
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
MOTOMONDIALE
2 ore
Marquez, calvario senza fine: nuova operazione e nuovo stop
Lo spagnolo: «Da quando ho avuto l'infortunio tutto si è complicato ed è difficile superare questo periodo».
MOTOMONDIALE
3 ore
Mugello a tutta Italia: prima il ritiro del 46 di Rossi, poi lo show in pista
Prima fila tutta azzurra con Bezzecchi e Marini rispettivamente secondo e terzo
SERIE A
8 ore
La fine di un'era: «Fiero di aver vestito questa gloriosa maglia»
Franck Kessié si è congedato dal Milan dopo aver conquistato uno Scudetto.
MOTOCICLISMO
12 ore
L'incidente a 280km/h di Petrucci: «Felice di essere vivo»
Il pilota italiano: «Non voglio polemizzare, ma ho rotolato per oltre cento metri senza che nessuno mi aiutasse».
HCL
21 ore
L'HCL inizia a preparare la sua stagione a... Lugano Marittima
Il CEO bianconero Marco Werder ha anche parlato di Thürkauf in Nazionale: «Felicissimi di aver puntato su di lui».
TENNIS
23 ore
Impresa della Teichmann: stesa la Azarenka
La tennista rossocrociata si è qualificata per gli ottavi di finale dello slam parigino: 4-6, 7-5, 7-6 il punteggio.
HCAP
1 gior
Lionel Marchand all'Ambrì
L'attaccante 20enne si è accordato con i biancoblù per le prossime due stagioni.
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Colpo alla... transenna per l'Ajoie
L'ex head-coach della nazionale ceca - Filip Pesan - ha firmato un contratto biennale con la formazione giurassiana.
PROMOTION LEAGUE
1 gior
Bellinzona per la gloria, Chiasso per l’onore: derby (imprevedibilmente) infuocato
Niente favori ai cugini: il Chiasso di Vitali cerca il colpo al Comunale
FOGGIA
1 gior
Zeman via da Foggia per la quarta volta: «Non ha più stimoli»
Il presidente Nicola Canonico: «Gli vorrò sempre bene, ma il club deve andare avanti».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile