Keystone/archivio
CANTONE
03.04.20 - 06:000
Aggiornamento : 04.04.20 - 09:33

Covid-19, paura e speranza: «Il primo tampone era negativo, il secondo no: con la quarantena si è evitato un disastro»

Tamponi, squadre blindate e isolamento ad Abu Dhabi: la testimonianza di Mauro Gianetti, dirigente della Uae Emirates.

L'ex ciclista, argento ai Mondiali del '96, ha dovuto prendere una decisione importante dopo la sospensione dell'UAE Tour: «Potevamo rientrare, ma non ho voluto correre rischi. Per Ulissi, lontano dalla moglie, è stata durissima: in quei giorni è nata sua figlia»

ABU DHABI - «Sarebbe bello svegliarsi e scoprire che è tutto uno scherzo, tanto più in questi giorni con il primo d’aprile appena passato», esordisce così il ticinese Mauro Gianetti, Ceo e Team Principal della Uae Emirates, che ha avuto 8 persone - tra corridori e membri dello staff - positive al Covid-19.

Se la pandemia ha travolto tutto e tutti, con eventi cancellati o posticipati in Europa come nel resto del mondo, il 56enne - medaglia d’argento ai Mondiali del 1996 - ha visto da vicino gli effetti e le conseguenze del virus, dovendo anche affrontare una quarantena al W Hotel di Abu Dhabi.

Una testimonianza importante, un racconto che inizia da fine febbraio, quando è scoppiato il caos all’UAE Tour dopo l'irruzione del Covid-19.
«Ci trovavamo in hotel, quando è arrivata la notizia dei primi contagi che hanno scosso la carovana e sancito la fine della corsa - esordisce il dirigente ticinese - Tutte le squadre e il seguito del Giro, compresi i media, sono stati subito sottoposti ai tamponi sanitari. Era un giovedì e siamo stati messi in quarantena in attesa dei risultati. Due giorni dopo li abbiamo ricevuti e, per tutti, l’esito era negativo. A quel punto avremmo potuto decidere di tornare a casa, anche per lasciare un possibile epicentro di contagio».

Mauro Gianetti, intuendo il pericolo, ha però agito con lucidità. 
«A fine febbraio non eravamo ancora in questa situazione, dove tutti sanno con esattezza i rischi e le tempistiche legate al coronavirus. Ho riflettuto e, pensando al periodo d’incubazione, non me la sono sentita di optare per un ritorno a casa. Ho preferito che tutto il team aspettasse l’esito di un secondo tampone».

Una scelta saggia…
«Due giorni dopo in 8 erano positivi: Gaviria, Richeze e 6 membri dello staff. Quasi tutti asintomatici. Immaginiamoci cosa sarebbe potuto accadere se fossimo rientrati a casa. Tutti avremmo continuato le nostre vite in maniera normalissima, con il rischio di contagiare i nostri cari e altre persone. Si può dire che con prudenza e prevenzione è stato evitato un disastro. In un primo momento, quando dissi che non tornavamo a casa per non prenderci dei rischi, non tutti però avevano capito la gravità della situazione. C’è chi mi diceva: “Ma no… c’è la Tirreno-Adriatico, un nostro obiettivo”. In fondo è normale perché non c’era ancora stato un clic. Poi però è saltato tutto. Oggi, riparlandone, mi dicono “Grazie Mauro, per fortuna siamo rimasti. Avremmo creato un danno alle nostre famiglie”».

Raccontaci della quarantena. Com’è stato l’isolamento in hotel?
«C’era incertezza e c’è stata paura, ma è uscito anche un grande spirito di squadra. Nei vari gruppi in Whatsapp ci tenevamo in contatto e sostenevamo chi stava male, come chi è stato portato in ospedale. Si può dire che abbiamo condiviso situazioni uniche. Su tutte la storia di Diego Ulissi, con sua moglie che proprio in quei giorni doveva partorire e ha avuto una bambina. Per lui è stata durissima non poter tornare ad assisterla. Lo si vedeva anche dagli sguardi. Ci parlavamo dai balconi dell’hotel e cercavamo di tenerlo su di morale. In quei giorni siamo diventati tutti zii della piccola Anna. È stato difficile, ma siamo riusciti anche a condividere una gioia, un segno di speranza».

Dopo due settimane buona parte del team è potuto rientrare, ma purtroppo c’è anche chi si trova ancora negli Emirati.
«Gaviria, il mio braccio destro Andrea Agostini e un meccanico sono ancora là. Finché due tamponi non risultavano negativi a 24 ore di distanza, non potevano lasciare l’ospedale. Ora sono guariti, ma i voli nel frattempo sono stati sospesi. Devono attendere un aereo per poter tornare a casa».

Gianetti invece è rientrato in Ticino a metà marzo, con il nostro Cantone che aveva appena chiuso i battenti.
«L’abbiamo imparato sulla nostra pelle e ormai è chiarissimo, il virus va contrastato con misure forti. Disinfettanti, mascherine e distanze sociali: le basi insomma. Ora, anche per tutti gli sportivi, non c’è il timore di perdere la condizione fisica, ma quello di perdere qualcuno dei propri cari. Questa crisi epidemica è una sfida per tutti. Con disciplina ne usciremo».

SPORT: Risultati e classifiche

Keystone/archivio
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Loredana Vavassori 1 mese fa su fb
Il tampone dovrebbe essere fatto se si ha già dei sintomi ben chiari legati al virus..
chiodone50 1 mese fa su tio
sembra che chi arrivi a Kloten anche con Edelweiss non venga controllato, qualcuno puo`smenttirmi ? ne sarei felice
york11 1 mese fa su tio
Cavoli! Hanno passato la stagione invernale a doparsi per nulla... che peccato.
Brigitte Luescher 1 mese fa su fb
Ecco primo tampone negativo secondo positivo ? Come può succedere una cosa del genere ? Ma mi chiedo questi tamponi sono sicuri o no ?
Andrea Olti 1 mese fa su fb
è spiegato nell'articolo
Elisa Rizza Radziszewiski 1 mese fa su fb
Brigitte Luescher ci sono purtroppo anche falsi negativi, in percentuale bassa ma ci sono... Io ho fatto un tampone il primo giorno dell'inizio dei sintomi ed era negativo ma sono quasi sicura di aver avuto il covid, i sintomi li ho avuti tutti... La mia dottoressa mi ha messa comunque in quarantena per 2 settimane... Boh, non si capisce più niente.. 😩
Riccardo Prezioso 1 mese fa su fb
Brigitte Luescher tante volte vedo alla tv professionisti che fanno il tampone ai pazienti in maniera totalmente errata. Questa potrebbe essere una spiegazione che non è stata mai presa in considerazione...
Andrea Olti 1 mese fa su fb
a parte i falsi negativi che in percentuale sono molto pochi, in incubazione si risulta negativi
Evry 1 mese fa su tio
Se sono questi i suoi problemi mi chiedo seriamente............
Evry 1 mese fa su tio
SAe sono questi i suoi problemi mi chiedo seriamente............
Evry 1 mese fa su tio
Beato Lui che non h altri fastidi e nient'altro da pensare......
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
2 ore
Il Lugano c'è: «Per fortuna abbiamo anticipato l'inizio degli allenamenti...»
Maurizio Jacobacci: «Super League a 12 squadre? Il tempo a disposizione per ragionare era davvero poco»
SUPER LEAGUE
6 ore
Colpo Xamax: ecco i "licenziati" Djourou e Kouassi
I due ex calciatori del Sion, scaricati da Christian Constantin, si sono accordati con la formazione neocastellana
FOTO GALLERY
SUPER LEAGUE
7 ore
Lugano & Covid-19: la misura della temperatura è una... costante
L'ambiente bianconero deve sottoporsi quotidianamente ai controlli del caso. Ecco le immagini in quel di Cornaredo
SUPER LEAGUE
11 ore
Calcio svizzero: ripartono i campionati
Il campionato elvetico riprenderà a porte chiuse il prossimo 20 giugno e... niente nuova formula (12+8)
NATIONAL LEAGUE
12 ore
«Covid-19? Ho avuto un po' di paura, mia moglie è incinta»
Il difensore ticinese del Losanna Matteo Nodari: «Il cambio societario? Stiamo andando nella direzione giusta»
DAVOS
16 ore
Impensabile una Spengler senza tifosi
Marc Gianola: «Una deadline? Possiamo attendere al massimo fino a ottobre, forse novembre».
SERIE A
1 gior
La Serie A riparte il 20 giugno!
Anche in Italia si torna in campo. Si dovrebbe iniziare con la Coppa Italia (13 e 14), poi spazio al campionato
PREMIER LEAGUE
1 gior
«Spero che tuo figlio prenda il coronavirus»
Il capitano del Watford, Deeney, ha raccontato un terribile retroscena riguardante il suo rifiuto ad allenarsi in gruppo
SERIE A
1 gior
L'avventura di Balotelli è giunta al capolinea: «Siamo tutti delusi»
Il presidente del Brescia Massimo Cellino ha probabilmente chiuso le porte a Super Mario: «Gli ho voluto bene»
SUPERLIGAEN
1 gior
Il calcio riparte in Danimarca: tifosi allo stadio con... l'app Zoom!
Questa sera scenderanno in campo Agf e Randers e per l'occasione è prevista un'iniziativa digitale storica
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile