Diego Baratti
CORSA D'ORIENTAMENTO
17.08.19 - 22:140

Mondiale di delusioni e sorprese

Simona Aebersold unica nota lieta di una Svizzera che non ha saputo incidere

MORK (Norvegia) - ll mondiale che si è appena concluso nella contea di Ostfold, in Norvegia, è stato un misto di sorprese e delusioni per i colori rossocrociati.

Le delusioni – Elena Roos si è duramente allenata 5 mesi per preparare al meglio la sua unica gara mondiale, ma purtroppo non è riuscita a centrare l’obbiettivo della top 10, rimanendo lontana dalle migliori. C’è da dire che lei è specialista delle gare sprint e delle long, e la suddivisione dei mondiali in anni alterni tra sprint e bosco non ha sicuramente aiutato, dal momento che riduce i posti disponibili. Elena guarda comunque con fiducia al futuro: “Adesso mi concentrerò nelle gare di coppa del mondo in Svizzera e Cina, mentre ai mondiali sprint dell’anno prossimo in Danimarca avrò ancora da dire”, ha commentato la 28enne di Cugnasco.

Anche gli uomini hanno un po’ deluso le aspettative. Togliendo il meritatissimo bronzo di Daniel Hubmann nella distanza lunga, nella middle e nella staffetta gli atleti rossocrociati non sono stati capaci di conquistare delle medaglie, arrivando molto lontani dalle prime posizioni. Nella middle il migliore è stato Florian Howald, ottavo dietro il padrone di casa Olav Lundanes, mentre nella staffetta la squadra composta da Florian Howald, Daniel e Martin Hubmann ha conquistato un sesto posto, dietro Svezia, Finlandia, Francia, Cechia e Norvegia, non riuscendo dunque a confermare l’argento dell’anno scorso in Lettonia.

La sorpresa – La sorpresa rossocrociata è una sola, e si chiama Simona Aebersold, ed è grazie a lei che Swiss Orienteering è riuscita nell’obiettivo prefissatosi di conquistare 4 medaglie. La neanche 21enne bernese ha infatti sorpreso il mondo interno, conquistando alla sua prima partecipazione mondiale tre medaglie su tre discipline: dapprima bronzo nella long, poi argento nella middle e infine nuovamente nella staffetta insieme a Julia Jakob e Sabine Hauswirth: “Non pensavo sarei riuscita a conquistare una medaglia, figuriamoci 3. Quello che è successo è semplicemente strepitoso, non ci sono parole per descriverlo”, ha commentato la giovane al termine della staffetta.

La Svizzera ha quindi chiuso il mondiale al terzo posto nel medagliere, dietro alla potente Svezia e ai campioni di casa norvegesi. Un risultato comunque notevole visto la difficoltà tecnica dei terreni scandinavi e l’aumento costante di competitività tra gli atleti nelle gare.

Diego Baratti
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
HCL
19 min
Ohtamaa verso la KHL, spalle coperte con Postma: «Avanti con 4 stranieri»
Col finnico in partenza (contratto in scadenza il 3 novembre), i bianconeri hanno annunciato l'arrivo in prova del canadese. Domenichelli: «Paul è un difensore molto valido, il mio compito...»
NATIONAL LEAGUE
3 ore
«Pestoni? A volte decisivo ma si prendeva delle pause»
Alex Chatelain dentro la crisi del Berna: «Un avvio del genere ci ha lasciato spaesati. Jalonen rinnovato per rinforzare la sua posizione? Può anche essere. Monitoriamo Gaëtan Haas»
HCL
6 ore
Nuovo straniero a Lugano? C'è Paul Postma
Il 30enne difensore canadese si allenerà da mercoledì agli ordini di Sami Kapanen
HCAP
8 ore
Guai a fidarsi dell'Orso ferito
Il Berna sta vivendo una stagione complicata. Rimane però pericolosissimo. L'Ambrì deve prestare attenzione
NATIONAL LEAGUE
17 ore
Tanto tuonò che piovve: squalifica per Künzle
Reo di aver colpito e affondato Sabolic, il 25enne attaccante del Bienne è stato "richiamato" dalla Commissione disciplinare: aperta una procedura a suo carico
MOTOGP/FORMULA1
17 ore
Rossi-Hamilton, scambio di bolidi? «Ci stiamo lavorando»
Il Dottore sulla Mercedes AMG F1 e Lewis in sella alla Yamaha M1: in dicembre "l'incrocio" dovrebbe concretizzarsi
HCAP
21 ore
L'Ambrì perde Sabolic per 6-8 settimane
L'attaccante sloveno, toccato duro da Mike Künzle nel match di Coppa giocato a Bienne, ha subito un infortunio ai legamenti del ginocchio destro
HCL - L'ANALISI
23 ore
Lugano: Coppa amara, ma...
Ancora una volta gli ottavi di finale di Coppa rappresentano il capolinea per il Lugano. Ma in campionato...
SUPER LEAGUE
1 gior
Un pareggio senza infamia e senza lode
Per capire se la vittoria di Sion, ottenuta prima della pausa, ha rilanciato i bianconeri bisognerà attendere i prossimi impegni. Ieri il pesante campo di Cornaredo ha condizionato la partita
HCL
1 gior
Lugano, via Spooner: «Equilibrio soddisfacente senza di lui»
Hnat Domenichelli, GM bianconero: «Ryan si è sempre comportato in modo serio e professionale. Non ci sembrava giusto bloccare la sua carriera, gli auguriamo buona fortuna»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile