Keystone/foto d'archivio
ATLETICA LEGGERA
10.07.19 - 21:090
Aggiornamento : 11.07.19 - 12:47

Dutee Chand, oro alle Universiadi: "Atleti gay facciano coming out"

La 23enne indiana, oro nei 100 metri davanti ad Ajla Del Ponte, è stata la prima importante personalità sportiva del suo Paese a rivelare il proprio orientamento sessuale

NAPOLI (Italia) - Per il suo successo di ieri nei 100 metri si sono scomodati perfino il primo ministro indiano Narendra Modi e il Presidente Ram Nath Kovind, oltre a tanti colleghi come Sania Mirza, la più forte tennista indiana di sempre: Dutee Chand, 23 anni, in India non è solo un'atleta tra le più brave (la prima velocista a vincere una medaglia d'oro alle Universiadi) ma è un punto di riferimento della comunità per i diritti gay.

Prima di vincere sulla pista del San Paolo, infatti, Dutee ha dovuto combattere per affermare le proprie ragioni in un'aula di tribunale per ottenere di gareggiare tra le donne. Questo a causa dell'alto livello di ormoni androgeni nel suo corpo. Un fenomeno, conosciuto come iperandrogismo, che la accomuna alla campionessa del mondo degli 800 metri, la sudafricana Caster Semenya. Ecco perché la sua vittoria per molte persone va al di là del semplice orgoglio patrio.

Dutee, infatti, ha fatto ricorso al tribunale per ribaltare la decisione con la quale le era stata imposta una sospensione dall'attività atletica a causa del suo alto tasso androgino.

E dopo che la Corte Suprema indiana, con una storica decisione adottata lo scorso anno, ha legittimato le relazioni tra gay depenalizzando il reato, Chand recentemente ha rivelato la sua omosessualità divenendo la prima personalità sportiva del suo Paese a rivelare il proprio orientamento sessuale gay. Una scelta coraggiosa non approvata dalla sua famiglia che l'ha ripudiata.

"Su un campione di 100 persone - spiega - 5/10 sono gay o lesbiche, ma non ce la fanno a fare coming out, e non sono capaci di rivelarsi in pubblico temendo di essere discriminati. Ecco perché messo in gioco tutte le mie forze e il mio coraggio per far sentire forte la mia voce ed essere un esempio per gli altri e spingerli a parlare apertamente di se stessi".

L'atleta indiana si proclama una grande supporter di Semenya, che sta ancora combattendo contro le regole della Iaaf che impongono agli atleti affetti da iperandrogismo impegnati nei 400, e nelle gare del mezzofondo, di abbassare i loro livelli di testosterone. "Nel 2014 ho combattuto la mia battaglia legale - ricorda Chand, presente anche ai Giochi Olimpici di Rio 2016 - Ho avuto il supporto di tanta gente in tutto il mondo, anche fuori dall'India, per superare questo problema e concentrarmi sulla mia carriera".

Per Dutee non c'è tempo per festeggiare. Oggi Chand, 167cm di esplosività, è scesa di nuovo in pista per la batteria dei 200 metri chiudendo seconda a 4 centesimi dalla prima, la messicana Aguillon Ramos. Ma non sembra crederci troppo. "Non penso di poter competere per l'oro - dice - il mio obiettivo erano i 100, la gara principale per me. I 200 vengono dopo ma sono fiduciosa e combatterò, come in tutte le mie cose, per raggiungere la finale".

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
DAVOS
1 ora
Impensabile una Spengler senza tifosi
Marc Gianola: «Una deadline? Possiamo attendere al massimo fino a ottobre, forse novembre».
SERIE A
12 ore
La Serie A riparte il 20 giugno!
Anche in Italia si torna in campo. Si dovrebbe iniziare con la Coppa Italia (13 e 14), poi spazio al campionato
PREMIER LEAGUE
16 ore
«Spero che tuo figlio prenda il coronavirus»
Il capitano del Watford, Deeney, ha raccontato un terribile retroscena riguardante il suo rifiuto ad allenarsi in gruppo
SERIE A
20 ore
L'avventura di Balotelli è giunta al capolinea: «Siamo tutti delusi»
Il presidente del Brescia Massimo Cellino ha probabilmente chiuso le porte a Super Mario: «Gli ho voluto bene»
SUPERLIGAEN
21 ore
Il calcio riparte in Danimarca: tifosi allo stadio con... l'app Zoom!
Questa sera scenderanno in campo Agf e Randers e per l'occasione è prevista un'iniziativa digitale storica
SWISS LEAGUE
1 gior
Con Monnet (e Bezina), il Sierre fa sul serio: «Cittadina passionale, mi ricorda Ambrì»
L'attaccante 38enne: «Sono contento di aver ritrovato Goran dopo le avventure vissute insieme in Nazionale»
SUPER LEAGUE
1 gior
«Ripresa? Non si mette molto bene»
Angelo Renzetti, presidente del Lugano: «Non si tratta tanto di far felice qualcuno, ma di essere coerenti»
PARIGI
1 gior
«Contrasti e mascherine? C'è troppa incoerenza»
Didier Deschamps, ct della Nazionale francese: «Tutto è legato agli incassi...»
BERNA
1 gior
Sport: via libera agli eventi con al massimo 300 persone
Il Consiglio federale ha comunicato nuovi importanti allentamenti sulle misure per combattere la pandemia
SUPER LEAGUE
1 gior
«È ancora tutto un po' strano. Bundesliga? Ho spento dopo 10'»
Anche lo Zurigo è tornato in campo. Marchesano: «La sensazione è che si riprenda: attendiamo il verdetto della SFL»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile