PALLANUOTO
24.04.19 - 15:230
Aggiornamento : 23:56

Il coach perde la testa e salta a piedi uniti in testa a un avversario...

È successo nella sfida di campionato fra Moskvich e Kazan

MOSCA (Russia) - In occasione del match valido per il campionato russo di pallanuoto - fra Moskvich e Kazan - è capitata una scena surreale. A un certo punto del match è infatti nato un acceso diverbio fra un giocatore e un allenatore, che è iniziato a bordo piscina ed è terminato in acqua.

Come si può vedere dal video in allegato, il coach in questione - che era fuori dall'acqua - è stato colpito da una pallonata da un giocatore avversario che era invece in piscina. A quel punto il tecnico ha perso il lume della ragione ed è saltato in acqua a piedi uniti sulla testa del suo "rivale" - per farsi giustizia - prendendolo in pieno.

La reazione dei suoi compagni non si è fatta attendere visto che hanno ripetutamente colpito al volto l'autore del gesto folle. Per fortuna la rissa che si era creata è durata pochi secondi. 

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 

Water polo coach 'Khabib-jumps' on a rival player, instigates mass brawl 🤽‍♂️ #WaterPolo #Russia #Fight #KhabibNurmagomedov #Khabib #UFC #MMA

Un post condiviso da RT Sport (@rtsportnews) in data:

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
SUPER LEAGUE
1 ora

Ecco Dalmonte per l'attacco del Lugano

Il 21enne - che vanta 7 presenze in Serie A - proviene dal Genoa. Arriva in bianconero con la formula del prestito

UN DISCO PER L'ESTATE
3 ore

Lo Chief e la sua seconda vita in Leventina

Prima scelta assoluta nel draft del 1977, Dale McCourt sbarca ad Ambrì nella stagione 1984/85. Oltreoceano aveva perso la gioia di giocare ad hockey, con i colori biancoblù la ritroverà

NATIONAL LEAGUE
12 ore

«A Davos dopo una stagione frustrante, ma con l'Ambrì mi sono lasciato bene»

Lorenz Kienzle riparte dai grigionesi: «Wohlwend mi ha voluto a Davos, sa cosa aspettarsi da me. Famiglia? Resta in Ticino, farò avanti e indietro insieme al mio cane»

SUPER LEAGUE
15 ore

L'ultimo arrivato è carico: «Lugano? Ho trovato una mentalità vincente»

Filip Holender si è espresso in merito al suo esordio con i bianconeri: «Il mio motto è dare il massimo per il club»

TENNIS
18 ore

Va al bar a vedere Federer-Djokovic, ora rischia il carcere

Ai domiciliari per una condanna di quattro mesi, il 58enne si è recato al bar per gustarsi il quinto set della finale: «Ho fatto una stupidaggine»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report