CALCIO
05.11.12 - 07:050
Aggiornamento : 24.11.14 - 03:36

Davide Morandi: "Vado avanti sereno, poi deciderà il club"

Il KO di Vaduz potrebbe sfociare in una decisione drastica del Lugano per quanto riguarda la conduzione tecnica. Per ora tutto tace, ma non sono da escludere sviluppi in queste prossime ore

LUGANO - L’ennesima sconfitta rimediata stavolta a Vaduz mette nuovamente e, forse più di prima, in crisi la panchina del Lugano. Difficile capire cosa passi nella testa dei giocatori dopo un altro KO, di certo la pressione sulle loro spalle aumenta, come logicamente si complica la posizione dell’allenatore Davide Morandi, al quale diamo comunque il merito di non sottrarsi ad un’intervista che, inevitabilmente, diventa delicata, proprio nell’ottica futura.

Allora mister, come la mettiamo a questo punto?
"A Vaduz abbiamo perso, è vero, ma non bisogna arrendersi e anzi occorre avere ancora più forza per poter reagire per uscire da questa difficile situazione".

Il Lugano non è rimasto a guardare a Vaduz…
"In effetti a mio avviso la squadra ha davvero fatto tutto quanto era nelle sue possibilità per riuscire ad ottenere un risultato positivo. Poi succede che si può perdere, ma i ragazzi hanno lottato".

Si sa che a pagare, quando le cose non vanno bene, è per primo l’allenatore. Senti ora veramente in bilico la tua posizione?
"Sappiamo benissimo come vanno le cose nel mondo del calcio e degli sport di squadra in generale, se mancano i risultati gli occhi sono puntati verso l’allenatore. Personalmente mi sento tranquillo perché credo di aver fatto tutto quanto era possibile per riuscire a dare un “volto” alla squadra. È chiaro che il tecnico è il primo responsabile dei risultati".

Qual è la ricetta per riuscire finalmente a portar fuori dal baratro il Lugano?
"Innanzitutto restare compatti e credere, tutti, che il lavoro che si sta facendo serve effettivamente per migliorare la situazione. È chiaro che se qualcosa non funziona, occorre valutare con calma tutta la situazione per “tracciare” bene il futuro. Per il momento sono concentrato sul mio lavoro".

Quindi Davide Morandi, per ora, non aspetta una telefonata dal club bianconero.
"Parliamoci chiaro, se il presidente Renzetti decide di telefonarmi e di comunicarmi che vuole cambiare il tecnico, ha tutto il diritto di farlo perché è lui che comanda la società. Per il momento sono l’allenatore del Lugano fino al momento in cui qualcuno non mi dirà che devo smettere".
 

Commenti
 
Risultati
11.08.2019
Challenge League
Wil
 2 - 0 
fine
1-0
FC Stade Ls Ouchy
Vaduz
 0 - 1 
fine
0-0
Winterthur
 
14.08.2019
Super League
Zurigo
 2 - 1 
fine
1-1
S.Gallo
 
21.08.2019
Champions UEFA
Dinamo Zagreb
 2 - 0 
fine
2-0
Rosenborg
Young Boys
 2 - 2 
fine
1-1
Crvena Zvezda
Olympiakos Piraeus
 4 - 0 
fine
1-0
Krasnodar
 
23.08.2019
Challenge League
Grasshopper
  
20:00
Winterthur
 
24.08.2019
Serie A
Parma
  
18:00
Juventus
Fiorentina
  
20:45
Napoli
 
27.08.2019
Champions UEFA
Crvena Zvezda
  
21:00
Young Boys
Rosenborg
  
21:00
Dinamo Zagreb
Krasnodar
  
21:00
Olympiakos Piraeus
 
Classifiche
Super League
1
Young Boys
4
10
2
Basilea
4
9
3
Sion
4
7
4
Thun
4
5
5
Servette
4
5
6
Zurigo
5
5
7
Lugano
4
4
8
Lucerna
4
4
9
S.Gallo
5
4
10
Xamax
4
3
Ultimo aggiornamento:15.08.2019 23:56
Challenge League
1
Losanna
4
10
2
Grasshopper
4
9
3
Wil
4
7
4
Winterthur
4
7
5
SC Kriens
4
6
6
Sciaffusa
4
5
7
Aarau
4
4
8
Vaduz
4
4
9
Chiasso
4
3
10
FC Stade Ls Ouchy
4
1
Ultimo aggiornamento:22.08.2019 13:30
Serie A
1
Milan
0
0
2
Verona
0
0
3
Bologna
0
0
4
Brescia
0
0
5
Cagliari
0
0
6
Fiorentina
0
0
7
Genoa
0
0
8
Inter
0
0
9
Juventus
0
0
10
Lazio
0
0
11
Lecce
0
0
12
Napoli
0
0
13
Parma
0
0
14
Roma
0
0
15
Sampdoria
0
0
16
Sassuolo
0
0
17
SPAL
0
0
18
Torino
0
0
19
Udinese
0
0
20
Atalanta
0
0
Ultimo aggiornamento:21.08.2019 17:24
TOP NEWS Sport
MOTOGP
1 ora

«Valentino Rossi? Ha 40 anni, non 20, non gli si può chiedere di più»

Luca Cadalora, ex personal coach del Dottore, ha criticato la Yamaha e applaudito Marquez: «Fa letteralmente paura»

BERNA
4 ore

Super League a 12 squadre? «Scelta sexy»

Il nuovo formato pensato dalla SFL strizza l'occhio alle big del nostro calcio. Stuzzica l'idea di chiudere i 22 match di stagione "regolare" prima di gennaio

UN DISCO PER L'ESTATE
7 ore

«C'erano tifosi che ballavano dentro la galleria del San Bernardino»

Jörg Eberle ha raccontato qualche aneddoto "ticinese": «Il più forte? Johansson, ma che linea insieme a Ton e Lüthi»

CHAMPIONS LEAGUE
15 ore

Young Boys, un pareggio amaro

Allo Stade de Suisse i bernesi - nell'incontro valido per l'andata dei playoff - non sono andati oltre il 2-2 con la Stella Rossa

BASKET
17 ore

La Svizzera ce l'ha fatta!

Trascinati da un grande Roberto Kovac (29 punti), i rossocrociati sono riusciti a qualificarsi per la fase successiva delle qualificazioni e EuroBasket 2021

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile