CAL Flames
4
TOR Leafs
2
fine
(1-1 : 0-1 : 3-0)
ARI Coyotes
5
CHI Blackhawks
2
fine
(3-0 : 1-1 : 1-1)
VAN Canucks
0
CAR Hurricanes
0
pausa
(0-0 : 0-0)
ANA Ducks
0
LA Kings
2
pausa
(0-1 : 0-1)
SJ Sharks
1
NY Rangers
2
2. tempo
(1-0 : 0-2)
CAL Flames
NHL
4 - 2
fine
1-1
0-1
3-0
TOR Leafs
1-1
0-1
3-0
 
 
9'
0-1 TAVARES
1-1 HAMONIC
17'
 
 
 
 
35'
1-2 MARNER
2-2 GAUDREAU
41'
 
 
3-2 FROLIK
42'
 
 
4-2 GAUDREAU
43'
 
 
TAVARES 0-1 9'
17' 1-1 HAMONIC
MARNER 1-2 35'
41' 2-2 GAUDREAU
42' 3-2 FROLIK
43' 4-2 GAUDREAU
Ultimo aggiornamento: 13.12.2019 05:46
ARI Coyotes
NHL
5 - 2
fine
3-0
1-1
1-1
CHI Blackhawks
3-0
1-1
1-1
1-0 GRABNER
3'
 
 
2-0 KELLER
6'
 
 
3-0 RICHARDSON
16'
 
 
 
 
27'
3-1 TOEWS
4-1 SCHMALTZ
29'
 
 
 
 
53'
4-2 STROME
5-2 KELLER
58'
 
 
3' 1-0 GRABNER
6' 2-0 KELLER
16' 3-0 RICHARDSON
TOEWS 3-1 27'
29' 4-1 SCHMALTZ
STROME 4-2 53'
58' 5-2 KELLER
Ultimo aggiornamento: 13.12.2019 05:46
VAN Canucks
NHL
0 - 0
pausa
0-0
0-0
CAR Hurricanes
0-0
0-0
Ultimo aggiornamento: 13.12.2019 05:46
ANA Ducks
NHL
0 - 2
pausa
0-1
0-1
LA Kings
0-1
0-1
 
 
19'
0-1 LUFF
 
 
25'
0-2 CARTER
LUFF 0-1 19'
CARTER 0-2 25'
Ultimo aggiornamento: 13.12.2019 05:46
SJ Sharks
NHL
1 - 2
2. tempo
1-0
0-2
NY Rangers
1-0
0-2
1-0 HERTL
10'
 
 
 
 
26'
1-1 FAST
 
 
28'
1-2 PANARIN
10' 1-0 HERTL
FAST 1-1 26'
PANARIN 1-2 28'
Ultimo aggiornamento: 13.12.2019 05:46
CAL Flames
4
TOR Leafs
2
fine
(1-1 : 0-1 : 3-0)
ARI Coyotes
5
CHI Blackhawks
2
fine
(3-0 : 1-1 : 1-1)
VAN Canucks
0
CAR Hurricanes
0
pausa
(0-0 : 0-0)
ANA Ducks
0
LA Kings
2
pausa
(0-1 : 0-1)
SJ Sharks
1
NY Rangers
2
2. tempo
(1-0 : 0-2)
CAL Flames
NHL
4 - 2
fine
1-1
0-1
3-0
TOR Leafs
1-1
0-1
3-0
 
 
9'
0-1 TAVARES
1-1 HAMONIC
17'
 
 
 
 
35'
1-2 MARNER
2-2 GAUDREAU
41'
 
 
3-2 FROLIK
42'
 
 
4-2 GAUDREAU
43'
 
 
TAVARES 0-1 9'
17' 1-1 HAMONIC
MARNER 1-2 35'
41' 2-2 GAUDREAU
42' 3-2 FROLIK
43' 4-2 GAUDREAU
Ultimo aggiornamento: 13.12.2019 05:46
ARI Coyotes
NHL
5 - 2
fine
3-0
1-1
1-1
CHI Blackhawks
3-0
1-1
1-1
1-0 GRABNER
3'
 
 
2-0 KELLER
6'
 
 
3-0 RICHARDSON
16'
 
 
 
 
27'
3-1 TOEWS
4-1 SCHMALTZ
29'
 
 
 
 
53'
4-2 STROME
5-2 KELLER
58'
 
 
3' 1-0 GRABNER
6' 2-0 KELLER
16' 3-0 RICHARDSON
TOEWS 3-1 27'
29' 4-1 SCHMALTZ
STROME 4-2 53'
58' 5-2 KELLER
Ultimo aggiornamento: 13.12.2019 05:46
VAN Canucks
NHL
0 - 0
pausa
0-0
0-0
CAR Hurricanes
0-0
0-0
Ultimo aggiornamento: 13.12.2019 05:46
ANA Ducks
NHL
0 - 2
pausa
0-1
0-1
LA Kings
0-1
0-1
 
 
19'
0-1 LUFF
 
 
25'
0-2 CARTER
LUFF 0-1 19'
CARTER 0-2 25'
Ultimo aggiornamento: 13.12.2019 05:46
SJ Sharks
NHL
1 - 2
2. tempo
1-0
0-2
NY Rangers
1-0
0-2
1-0 HERTL
10'
 
 
 
 
26'
1-1 FAST
 
 
28'
1-2 PANARIN
10' 1-0 HERTL
FAST 1-1 26'
PANARIN 1-2 28'
Ultimo aggiornamento: 13.12.2019 05:46
All Blacks
14.11.09 - 17:090
Aggiornamento : 28.10.14 - 12:19

L'Italia si inchina onorevolmente

La festa del rugby a San Siro termina con gli azzurri sotto 20-6, una sola meta per i "tuttineri"

Gli azzurri del rugby riempiono San Siro ed escono sconfitti dal primo test match 2009, perdendo 20-6 contro gli All Blacks. Un punteggio che ricalca, in attivo, quello dell'ultimo confronto dello scorso giugno, ma che vede la Nuova Zelanda segnare sette punti in meno di allora. Un segnale positivo per Mallet, che può dirsi soddisfatto della prova dei suoi, soprattutto difensivamente dato che i tutti neri sono andati in meta in una sola occasione.

La festa degli ottantamila di San Siro inizia con gli azzurri in pressione sugli oceanici, che come previsto inizialmente si presentano con McCaw in panchina e senza lo squalificato Carter. Spinta dal pubblico del Meazza, la nazionale di Mallett esordisce senza timore reverenziale pascolando nel territorio nemico. Dopo quattro minuti la mischia azzurra fa valere il vantaggio di peso e costringe gli avversari sulla difensiva, guadagnando un calcio che Gower realizza per il beneaugurante 3-0 iniziale. L'illusione però dura davvero poco, perché già dopo tre minuti McAlister ristabilisce la parità realizzando il più agile dei piazzati (3-3) e poi non riesce a ripetersi subito dopo da meta campo. Anche se il primo vantaggio "tuttonero" non tarda molto ad arrivare, sempre per merito di McAlister, che porta i suoi sul 6-3 con un altro calcio dopo un quarto d'ora di gioco. La mischia azzurra continua a fare il suo lavoro costringendo nuovamente al fallo gli avanti avversari: il direttore di gara australiano manda al calcio Gower, che però vanifica il possibile 6-6 da buona posizione. Peccato, perché gli oceanici a quel punto danno sfoggio di classe e mordono le linee azzurre fino a trovare il buco giusto per la meta di Flynn al 27' (11-3). L'Italia non giocano affatto male, tenendo testa ai blasonati avversari ma vanificando un paio di buone circostanze in cui la foga diviene cattiva consigliera nella scelta delle soluzioni vincenti e non porta a niente di concreto. Prima del riposo c'è però ancora tempo di annotare un altro piazzato di McAlister per il 14-3 che incornicia la prima metà gara.

La seconda si apre con lo stesso copione: è sempre il numero 12 neozelandese a riaprire le marcature mettendo di piede dentro per il nuovo vantaggio (17-3). Gli azzurri però non mollano la presa sul match e, spinti dal calore di un San Siro che cerca di dimenticare la temperatura polare, trascorrono i primi minuti della ripresa stabilmente nella ventidue opposta. Il mini-assedio si conclude con un nulla di fatto, ma la squadra azzurra soddisfa l'entusiasmo del pubblico di casa non solo per come rintuzza ogni soluzione offensiva degli ospiti chiudendo loro la porta in faccia, ma per come si spinge a pressare ogni maglia nera in possesso dell'ovale. Il coraggio aiuta a mettere fieno in cascina e così, dopo una prolungata astinenza, Gower infila tra i pali il calcio del 17-6 dopo venti minuti dalla ripresa delle ostilità. Le undici lunghezze di distanza non devono sembrare abbastanza gli oceanici, che in un momento di confusione del match - e forse anche perché il fortino azzurro non dà segnali di cedimento - preferiscono cercare l'ennesimo calcio da fermo (la palla si stampa sul palo) piuttosto che cercare il colpo da maestro. Soluzione che replicano a dieci minuti dal termine per il 20-6 che gli azzurri provano nuovamente a mettere in discussione facendosi apprezzare per l'insistenza con cui giocano alla mano. La meta è vicina; per la precisione di cinque metri: posizione che il quindici azzurro occupa per gli ultimi, interminabili, minuti del match. I tutti neri sono in ginocchio e sfiorano ripetutamente la meta tecnica per come difendono sporco in mischia. San Siro fischia per le ripetute infrazioni non sanzionate, ma l'arbitro non concede la meta e alla fine gli azzurri si devono accontentare di Castrogiovanni man of the match della festa del rugby di questo insolito sabato pomeriggio alla Scala del calcio.


Datasport

Risultati
08.12.2019
Super League
Basilea
 4 - 0 
fine
2-0
Sion
Thun
 1 - 4 
fine
0-2
S.Gallo
Zurigo
 0 - 5 
fine
0-2
Servette
Challenge League
Losanna
 0 - 2 
fine
0-0
Vaduz
Winterthur
 1 - 2 
fine
1-0
FC Stade Ls Ouchy
Serie A
Lecce
 2 - 2 
fine
0-2
Genoa
SPAL
 0 - 1 
fine
0-0
Brescia
Torino
 2 - 1 
fine
1-0
Fiorentina
Sassuolo
 2 - 2 
fine
2-0
Cagliari
Sampdoria
 0 - 1 
fine
0-1
Parma
Bologna
 2 - 3 
fine
1-2
Milan
 
11.12.2019
Champions UEFA
Shakhtar Donetsk
 0 - 3 
fine
0-0
Atalanta
Dinamo Zagreb
 1 - 4 
fine
1-1
Manchester City
Paris Saint Germain
 5 - 0 
fine
2-0
Galatasaray
Club Brugge
 1 - 3 
fine
0-0
Real Madrid
Bayern Monaco
 3 - 1 
fine
2-1
Tottenham
Olympiakos Piraeus
 1 - 0 
fine
0-0
Crvena Zvezda
Atletico Madrid
 2 - 0 
fine
1-0
Lokomotiv Moscow
Bayer Leverkusen
 0 - 2 
fine
0-0
Juventus
 
13.12.2019
Challenge League
Grasshopper
  
20:00
Losanna
 
14.12.2019
Super League
Servette
  
19:00
Thun
S.Gallo
  
19:00
Zurigo
Serie A
Brescia
  
15:00
Lecce
Napoli
  
18:00
Parma
Genoa
  
20:45
Sampdoria
 
TOP NEWS Sport
NAZIONALE
7 ore
Svizzera troppo forte per la Norvegia
Secco 5-0 elvetico a Visp, reti di Moser (doppietta), Rod, Furrer e Andrighetto
EUROPA LEAGUE
8 ore
Lugano: è un'uscita di scena con beffa
In avanti 1-0 fino al 94' - grazie al punto di Aratore al 45' - i bianconeri hanno gettato alle ortiche la possibilità di salutare l'Europa con un successo
HCAP
11 ore
«Manzato? Un peccato, ma è sempre stato onesto»
Il portiere, legatosi al Ginevra, saluterà i biancoblù a fine stagione. Paolo Duca, ds dell’Ambrì: «Avremmo voluto tenerlo, ma rispettiamo la sua scelta»
NATIONAL LEAGUE
12 ore
Divorzio McIntyre-Zugo, ora il Lugano?
Risolto consensualmente il contratto che legava l'attaccante canadese - pronto a firmare con i bianconeri - e i Tori
HCAP
15 ore
«Orgoglioso dei ragazzi. Rinforzi per la Spengler? Non è così semplice»
L'Ambrì di Cereda, sempre capace di stringere i denti e far fronte ai tanti infortuni, è arrivato alla sosta per la Nazionale con un bottino di 32 punti (-3 dall'ottavo posto)
NATIONAL LEAGUE
17 ore
Manzato lascerà l'Ambrì: accordo col Ginevra
Il portiere 35enne ha firmato un contratto annuale (più opzione) con le Aquile
HCAP
18 ore
L'Ambrì perde un altro pezzo: Rohrbach out 3 mesi
L'attaccante è alle prese con una lussazione della rotula del ginocchio destro con danno cartilagineo
HCL
19 ore
Futuro a Lugano per Marti?
Il difensore 25enne, in scadenza di contratto col Friborgo, si sarebbe accordato con i bianconeri
EUROPA LEAGUE
22 ore
A Kiev ultimo giro di giostra europeo per il Lugano
Questa sera alle 18.55 il Lugano giocherà sul campo della Dinamo Kiev la sua sesta partita in EL
CHAMPIONS LEAGUE
1 gior
Atletico promosso, Juve vittoriosa in Germania
I ragazzi di Diego Simeone hanno battuto 2-0 la Lokomotiv Mosca, staccando il pass per gli ottavi. Con il medesimo risultato gli italiani hanno sbancato Leverkusen, costringendo i tedeschi all'EL
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile