Deposit
SPECIALE FORMAZIONE
18.03.19 - 08:520

In Supsi c'è un bachelor per il management del tempo libero

Un percorso pensato partendo dal nostro Cantone ma con uno sguardo aperto e internazionale: «in questo settore è fondamentale»

MANNO - Management dello Sport, del Turismo, della Cultura e dell’ Intrattenimento possono essere studiati  tutti in un unico bachelor in “Leisure management” che esordirà nell’offerta formativa della Supsi a partire dalla prossima annata accademica (2019/2020).

Un percorso pensato partendo dal nostro Cantone ma con uno sguardo aperto e internazionale, come ci spiega il responsabile del bachelor Alessandro Siviero, del Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale (DEASS) della Supsi.


Di che parliamo quando parliamo di “Leisure Management”?

La traduzione letterale sarebbe “gestione delle attività del tempo libero”: il “Leisure” rappresenta tutti quei servizi d’intrattenimento - sport, spettacolo, turismo, cultura ed eventi - che malgrado siano molto diversi fra loro con il tempo hanno sviluppato un approccio alla gestione per molto simile e integrata.

L’obiettivo è quello di portare i nostri futuri corsisti a ragionare in ottica manageriale su questo settore molto ampio che, soprattutto in Ticino, ha un peso non indifferente.


Qual’è il filo conduttore di questi servizi?

Che tendono a soddisfare bisogni che sebbene non rappresentati da veri e propri prodotti fisici  nell’attuale società restano comunque molto importanti. Si tratta di settori che lavorano sul servizio alla persona e sulla qualità dell’ esperienza.

Che si parli di un evento sportivo, di uno spettacolo o di una mostra, al giorno d’oggi l’obiettivo è quello di mettere al centro il fruitore e farlo sentire protagonista.


Com’è strutturato il percorso di studi?

Abbiamo deciso per un approccio quanto più diretto e mirato possibile: si parte subito mettendo “le mani in pasta” trattando tutte le varie sfaccettature del management del settore.

In un secondo momento - a partire dal secondo anno - i partecipanti potranno poi specializzare il proprio percorso nel Leisure che poi verrà finalizzato con uno stage che sarà preferibilmente all’estero.

Altro fattore importante: il multilinguismo. I corsi del terzo anno verranno tenuti quasi totalmente in lingua inglese.


Un bachelor pensato per il territorio ma con uno sguardo internazionale?

Assolutamente sì! Per questo settore lo sguardo internazionale è vitale: non solo per sapersi relazionare in una lingua diversa  dalla propria (si pensi al Turismo per esempio).

Il nostro obiettivo è permettere ai nostri corsisti di attingere alle realtà extracantonali per arricchire le proprie prospettive e competenze e affinarle ed eventualmente saperle  metterle in pratica, adeguandole, in Ticino.


Quali caratteristiche dovrebbe avere il candidato al bachelor?

Innanzitutto deve avere essere una persona aperta, che ha i piedi sì fissi sul suo territorio ma uno sguardo aperto sul mondo.

Inoltre deve avere una sincera ambizione a lavorare in questo settore, la passione per un ambito specifico (per esempio: lo sport, l’arte, lo spettacolo, il turismo, ecc...) è un ottimo punto di partenza se è orientata in maniera critica al comprendere come le attività vengono gestite e proposte al pubblico con  professionalità.

Potrebbe interessarti anche
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile