Federazione delle associazioni femminili Ticino Plus (FAFTPlus)
CANTONE / SVIZZERA
16.10.19 - 10:220

Le donne vogliono prendersi (anche) Berna

Dopo l’ottimo risultato in Ticino, la Federazione delle associazioni femminili spera in un successo anche alle elezioni federali. «Le competenze ci sono, quindi la scelta è facile»

BELLINZONA - Assalto delle donne al Parlamento? Qualcuno ci spera dopo il risultato storico di aprile in Gran Consiglio, con ben 31 elette. In Svizzera il 50% della popolazione è femminile, ma al Consiglio nazionale sono solo 63 i seggi “rosa” (31,7%), 6 quelli agli Stati (13%). Le donne ambiscono a un Parlamento in cui i generi siano ugualmente rappresentati. «Bisogna votare una donna proprio perché donna» dice Monica Tabet-Gugolz, membra di comitato della Federazione delle associazioni femminili Ticino Plus (FAFTPlus).

Il vento sta davvero cambiando?
«Ne siamo convinte. C’è un numero record di candidature femminili al Consiglio nazionale (40% del totale). Questo è un successo importante che speriamo si confermi poi con i voti».

Perché votare donna?
«Le donne hanno un’esperienza di vita particolare, qualità di leadership, competenze che possono portare un cambiamento nel modo di decidere e nelle soluzioni da trovare all’interno del Governo».

Con la campagna #iovotodonna l’elettore si interessa maggiormente al singolo candidato?
«Penso che la nostra campagna abbia contribuito all’aumento delle granconsigliere alle cantonali. Anche per le elezioni federali abbiamo dato più visibilità alle candidature femminili sia con le biografie presentate sul nostro sito, sia con i social. C’è molta più sensibilizzazione alla problematica. Ora aspettiamo di vedere i risultati».

I partiti che hanno presentato un numero maggiore di candidate donne credono davvero nella loro personalità o seguono semplicemente “l’onda”?
«Se si guardano le liste, ci sono donne davvero competenti, determinate e valide. Non credo siano state proposte “tanto per”. Chi si informa vedrà che le donne in gamba ci sono e possiamo eleggerle».

Quante candidate ricevono commenti sessisti o apprezzamenti indesiderati per le loro qualità fisiche?
«Sicuramente ricevono insulti e commenti fuori luogo. Le donne che affrontano un percorso politico si trovano davanti a diversi ostacoli: intolleranza, sessismo, commenti indesiderati. Sono cose che di solito il candidato uomo non deve affrontare, ostacoli prettamente femminili».

Quindi bisognerebbe votare una donna proprio perché donna?
«Bisogna equilibrare la situazione. Le donne sono metà della popolazione ed è giusto che siano rappresentate anche a livello politico. Quindi sì, bisogna votare le donne. D’altra parte dimostriamo anche che le competenze ci sono, quindi la scelta è abbastanza facile. Vogliamo essere rappresentate in modo equo, non a caso il nostro slogan per le federali è #5su10 a Berna dal Ticino».

Monica Tabet-Gugolz
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
Galium 3 sett fa su tio
Le donne in CF hanno fatto molto meglio degli uomini.
Manuela Decarli 4 sett fa su fb
si quest'anno la scelta è stata facile 💜💚
Romina Fattorini 4 sett fa su fb
Dipende da quale donna..., come vale per gli uomini, ci vogliono persone con idee a favore del ns paese...
Yan Saporiti 4 sett fa su fb
Povero Loris 🙈🙈
Mariantonietta Petraglio 4 sett fa su fb
Spero di no! Quelle donne che abbiamo avuto a Berna hanno fatto piu dagn che util, poi si eleggono le persone perché valgono non per il loro sesso
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Elezioni federali 2019
FRIBURGO
3 sett
Stati, niente ballottaggio per l'UDC
Il comitato direttivo ha deciso che Pierre-André Page, arrivato quarto domenica scorsa, non parteciperà al secondo turno
SVIZZERA
3 sett
Ecco dove "l'onda verde" ha colpito
Il successo in Consiglio nazionale dei Verdi è stato forgiato soprattutto nelle 31 città che contano oltre 15mila elettori
FRIBURGO
3 sett
Stati, almeno tre nomi per il ballottaggio
Levrat, Vonlanthen e Gapany si sfideranno il 10 novembre. Stasera l'UDC decide per la candidatura di Pierre-André Page
VAUD
3 sett
Olivier Français sostenuto a denti stretti dall'UDC
L'obiettivo dei democentristi è di mantenere il seggio del centro-destra in Consiglio degli Stati
SVIZZERA
3 sett
La campagna "porno" del Partito pirata ha fatto un buco nell'acqua
I video sono stati visualizzati milioni di volte su Pornhub ma i risultati politici non sono stati raggiunti
SVIZZERA
3 sett
Il clima? I costi della salute preoccupano di più
Quali sono i temi prioritari che il nuovo Parlamento dovrà affrontare? Le risposte degli elettori, nel sondaggio Tamedia
CANTONE
3 sett
Il giorno dopo la "marea verde"
Il trionfo ottenuto da Verdi e Verdi liberali occupa ampio spazio sulle prime pagine dei quotidiani svizzeri
SVIZZERA
3 sett
L'attuale formula magica «è superata»
Per il politologo Claude Longchamp il PLR la nuova combinazione deve essere 2-2-1-1-1
SVIZZERA
3 sett
Possibili cambiamenti a sinistra agli Stati
PPD e PLR rimarranno le principali forze nella Camera dei Cantoni
ELEZIONI FEDERALI 2019
3 sett
«Puntiamo a rompere la maggioranza della destra»
Parla Christian Levrat, presidente nazionale del PS. Il prossimo 20 ottobre l'appuntamento alle urne
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile