Keystone
Il presidente del gruppo Beat Walti.
SVIZZERA
09.09.19 - 13:220
Aggiornamento : 15:26

«Abbiamo vinto il 94% delle votazioni»

Il presidente del gruppo parlamentare PLR stila un bilancio estremamente positivo della legislatura appena trascorsa

BERNA - Il gruppo parlamentare del PLR tira un bilancio positivo della legislatura appena trascorsa: nessun altro altro partito ha vinto altrettante votazioni popolari e alle Camere federali, hanno sottolineato i suoi responsabili.

Grazie a una rappresentanza uscita rafforzata dalle ultime elezioni, ad abili alleanze e alla volontà di compromesso tutta svizzera «abbiamo vinto il 94% delle votazioni alle Camere», ha dichiarato oggi davanti alla stampa il presidente del gruppo liberale-radicale Beat Walti.

La crescente polarizzazione all'interno del parlamento rende tuttavia difficile la ricerca di soluzioni. La causa non è la tanto citata maggioranza di destra, che per il consigliere nazionale zurighese esiste solo nel «mondo fatato di sinistra». La responsabilità è piuttosto «della sinistra e dei conservatori», che sui temi più importanti sono rimasti su posizioni estreme.

Il PLR preferisce cercare soluzioni che consentano alla Svizzera di progredire. Nella politica europea, il partito vuole continuare sulla strada bilaterale «senza se e senza ma». In linea di principio, l'esito dei negoziati sull'accordo quadro è stato positivo, ma bisognerà fare chiarezza sui punti in cui il testo dell'accordo lascia spazio ad interpretazioni. L'obiettivo è trovare una soluzione che sia accettata sia dall'UE sia dal popolo, ha dichiarato il vice-presidente Hugues Hitpold.

Anche sui temi che riguardano il clima e l'ambiente bisognerà studiare soluzioni sostenute dalla popolazione. Per il consigliere nazionale ginevrino, si dovranno fissare misure vincolanti che possano essere approvate in caso di voto popolare.

I deputati liberali-radicali intendono inoltre impegnarsi per una riforma sostenibile delle assicurazioni sociali, ha sottolineato il consigliere agli Stati glaronese Thomas Hefti. Il primo pilastro dev'essere stabilizzato con misure da adottare in tempi brevi e che rendano possibile una riforma strutturale a lungo termine. Anche nel secondo pilastro è necessaria una riforma che metta fine all'ingiusta ridistribuzione dai giovani verso gli anziani.

Commenti
 
SosPettOso 6 gior fa su tio
Per come sta andando la Svizzera... c'è ben poco da vantarsene!
SSG 6 gior fa su tio
@SosPettOso Ma guardando il sistema della sanità, l'economia nazionale, gli utili della BNS, la sicurezza, le scuole in generale (vedi il 13. posto mondiale del Poli), ecc. e soprattutto di chi ci sta attorno penso che sia giusto vantarsene! che poi si può far meglio è indiscutibile.
patrick28 1 sett fa su tio
UDC ha perso il 94% !!! Goduuria !!!
MIM 1 sett fa su tio
Ma quante iniziative o referendum avete lanciato e vinto? No, perché se parlate di inciuci prima del voto alle camere, bhé non c'era bisogno di un articolo, questo lo abbiamo notato tutti.
SSG 1 sett fa su tio
@MIM sarebbe anche interessante sapere quante iniziative o referendum ha lanciato e vinto la Lega … oltre alla qualità delle stesse! e a livello di inciuci basta guardare a livello cantonale come la lega si è messa a 90 con l'udc per salvare il secondo cadreghino. Anche in questo caso tutti hanno notato.
volabas 1 sett fa su tio
Cala do dida, loro vincono anche quando perdono alla grande
Gus 1 sett fa su tio
IL PLR è evidentemente il vero "Partito svizzero"!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Elezioni federali 2019
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile