Poli Capelli e Ibraimovic
L'OSPITE
17.03.21 - 13:370

QUARTIERI VIVI E VISSUTI: idee di aggregazione, sport, cultura, divertimento, vita

Cristiano Poli Cappelli e Tatjana Ibraimovic, Candidati PLR al Consiglio Comunale n. 42 e n. 26

Se qualcosa ci resterà impressa nella mente e anche nel cuore dopo questa pandemia, sarà l’inestimabile valore dell’incontro sociale, della vicinanza e della condivisione. Sono proprio questi i valori da promuovere una volta superata la crisi sanitaria, per riavvicinarci e ricucire il nostro tessuto sociale uscendone più uniti e solidali. È dove poter fare meglio quest’opera che nei nostri luoghi di vita più prossimi: i nostri quartieri.

Oggi i quartieri di Lugano vivono in una dimensione semi-isolata da un centro città in cui si svolgono molte attività culturali, senza dubbio, ma che non sempre riescono a coinvolgere tutti in egual modo e misura, specie nel loro quotidiano. La vita nei quartieri, invece, si limita spesso ad una condivisione di spazi con famiglie e poche altre attività. Eppure esiste una società civile e associativa che vorrebbe fare di più, ma che non sempre riesce a trovare luoghi e mezzi appropriati per proporre attività a beneficio degli abitanti nei quartieri. Vi è bisogno di proposte culturali divertenti, perché non dimentichiamo che l’aggregazione, la socializzazione, l’unione spontanea, si creano con il divertimento e con le attività ricreative; i quartieri hanno bisogno di luoghi, di punti di incontro, verdi e raggiungibili; i quartieri hanno
bisogno di essere ben collegati fra loro.

Sarebbe giusto dunque stimolare una maggiore e migliore proposta di attività, magari favorendo la nascita di esperienze associazionistiche di diverso tipo, facilitando le associazioni culturali, dilettantistiche, ricreative dal punto di vista burocratico. Per fare degli esempi concreti:
in tutte le città europee fioriscono associazioni sportive amatoriali formate esclusivamente da “amatori”. Sono iniziative di uomini, donne, anziani e giovani che si allenano insieme, organizzano gare ed eventi di quartiere, con ristori finali di prodotti locali. Si tratta di eventi che
danno gioia e movimentano le zone della città. O ancora: sta tornando di moda il gioco degli scacchi, soprattutto tra i giovanissimi.
Cavalchiamo questa moda e creiamo spazi con scacchiere pubbliche dove anziani e giovani possano condividere tempo e luoghi insieme,
possano conoscersi, possano raccontarsi.

I luoghi ci sono, ma vanno rimessi a disposizione della popolazione. Questi investimenti non sono necessariamente così gravosi, ma possono restituire molto alle persone, in termini di qualità della vita e di felicità. Ad esempio, a Viganello il sedime ex PPT può diventare una fabbrica di attività di questo genere, così come il Parco di Villa Costanza e molti altri luoghi in giro per la città; pensiamo anche alla condivisione di spazi e di partecipazione attiva tra giovanissimi e anziani, con i ragazzi che collaborano e vengono messi in contatto con la terza età e con i meravigliosi racconti che possono essere insegnamenti preziosi per il loro futuro.

Lugano, in generale, è ricca di luoghi candidati per attività di questo genere, dalle sponde del Cassarate in su. La parola d’ordine deve essere “condivisione”: di cultura, di esperienze, di divertimento.

Dimostriamo di avere a cuore una visione generale ampia della città, a lungo termine, dinamica, vivibile. È necessario capire che dall’integrazione e dalla condivisione di valori sono state ottenute le cose migliori che abbiamo: il diritto di voto, le uguaglianze, i diritti individuali, le libertà. È necessario, il 18 aprile, dare fiducia a chi ha una visione della nostra società completa ed inclusiva.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Elezioni 2021
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile