Tipress
LUGANO
12.03.21 - 17:000

Progettare la mobilità per il futuro

Mattea David, candidata Ps al Municipio e al Consiglio Comunale di Lugano

LUGANO - La mobilità lenta riguarda la politica famigliare, culturale, economica e ambientale. La città di Lugano si appresta, dopo la grande aggregazione nel 2004, a realizzare il piano direttore comunale, strumento urbanistico fondamentale per armonizzare i 21 piani regolatori della città. Questo dovrebbe essere il momento per rivalutare tutto il sistema urbanistico del Comune e rilanciarlo guardando al futuro, con coraggio.

Bisogna comprendere che una politica economica verde non va in contrasto con una politica economica all’avanguardia e che, al contrario, queste realtà possono essere arricchenti in termini di guadagno del paese, del cittadino e traducibile in nuovi posti di lavoro oltre a promuovere nuovi stili di vita.

Una città come Lugano deve esserne la prima promotrice. In questa nuova progettualità il centro città deve diventare motore di sviluppo e fulcro di una pianificazione forte, con una rete di piste ciclabili capillare che si estende verso la periferia, strade libere e transito veicolare nascosto. Bisogna riappropriarsi degli spazi della città e promuovere non solo percorsi ciclabili di svago, ma anche e soprattutto percorsi quotidiani per recarsi a scuola-lavoro, collegando in modo intelligente il vasto territorio comunale. La bicicletta è un mezzo di trasporto flessibile, indipendente, efficiente e non inquinante, a costo praticamente nullo ed estremamente concorrenziale rispetto ai mezzi pubblici, troppo costosi per giovani e famiglie – inoltre lo sviluppo di atelier per la riparazione di biciclette genererebbe luoghi intergenerazionali di socializzazione importanti.

Lugano che deve farsi promotrice di un cambio di direzione e mentalità, con progetti ambiziosi, una comunicazione attiva verso la popolazione e incentivando l’utilizzo della bicicletta, allargando le zone pedonali critiche, studiando una mobilità con velocità ridotta laddove altre soluzioni a tutela dei pedoni e ciclisti siano poco praticabili, generando zone di incontro – piazze di quartiere con più verde e arredi urbani pop-up - consolidando le infrastrutture di trasporto pubblico. Un progetto di mobilità lenta efficiente su un territorio vasto e difficile come il nostro va studiato in tutte le sue varianti e combinazioni. Questo è il tempo di rimboccarsi le maniche e lavorarci, mirando a soluzioni efficaci, attuali e che mirino al futuro. Con coraggio.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Elezioni 2021
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile