Deposit
TI.MAMME
07.10.21 - 08:000

Giocattoli: insegnare ai bambini il valore delle cose

Apprezzare, riciclare e non sprecare sono i principi da inculcare anche nei più piccoli

Educare al valore delle cose è, probabilmente, il modo più efficace per abituare anche i bambini a gestire i propri desideri, generalmente passeggeri, orientati soprattutto tra giochi e cibo. I piccoli, infatti, tendono a volere qualcosa di nuovo e di diverso da ciò che già possiedono e finiscono poi per accantonarlo in breve tempo attratti da un’ulteriore novità o dal desiderio di avere ciò che hanno visto all’amichetto. Per interrompere il circolo vizioso delle continue richieste – spesso esaudite a tamburo battente in virtù della speranza di deludere il meno possibile i propri angioletti – torna utile insegnare loro il valore del denaro che serve per procurarsi tutti quei giochi che vedono e bramano come tesori inestimabili. A cosa servono i soldi? Da dove arrivano? Sono i primi interrogativi ai quali dare una risposta insieme ai pargoli per far capire loro che non sono illimitati e vanno spesi seguendo un ordine di priorità.

Il tutto nella massima serenità senza oberarli di pensieri negativi ed ansie con il rischio di farli entrare in un loop di sensi di colpa per aver gravato con le proprie richieste sulle finanze familiari. Appresa l’utilità del denaro, già a 3 o 4 anni, si potrà insegnare ai bambini a misurarsi con i loro desideri. Se la richiesta è quella di un nuovo gioco molto simile ad uno che già hanno, sarà costruttivo invitarli a descrivere il nuovo giocattolo ed il suo funzionamento arrivando con loro a notare quanto sia praticamente uguale a quello nel cesto in cameretta. E quando pupazzetti e macchinine giacciono abbandonati su mensole e scatoloni arriva il momento di decidere se riciclarli generosamente o se inventarsi un gioco casalingo per riutilizzarli. Donare tutti i giocattoli inutilizzati a case famiglia, ospedali e strutture simili è sempre un’ottima idea, se però il piccolo di casa dimostra di tenerci proprio tanto, si può provare a dare nuova vita a quegli oggetti, armandosi di tanta fantasia.

Le macchinine o i soldatini dipinti con una tempera color oro potranno essere incollati su una sagoma di legno o cartone per formare la cornice di uno specchio o di un portafotografie. I pupazzi di plastica rigida possono essere tagliati ed incollati ad una mensola per diventare un fermalibri, gli animali della fattoria o la famiglia di dinosauri, dipinti e divisi a metà, possono essere utilizzati come appendini, mentre aperti sul dorso possono diventare originali portavasi per piccole piante grasse. Puntare sulla logica della seconda mano, è un ulteriore aiuto per disfarsi dei giocattoli non utilizzati e trovarne altri di gradimento del piccolo. Esistono mercatini dell’usato a misura di bambino nei quali largo spazio è dedicato anche ai giochi. Sono luoghi incantati nei quali si realizzano i desideri dei piccoli, che trovano sicuramente un nuovo balocco pronto a conquistarli, mentre i loro giochi ormai inutilizzati possono diventare divertimento per qualche altro pargolo.

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile