Deposit
TI.MAMME
30.08.21 - 11:360

I controlli della vista per i bambini

Quando bisogna cominciare e quali sono i segnali da non sottovalutare

Il primo controllo dovrebbe essere effettuato già alla nascita e poi ripetuto a sei mesi prima di quello a tre anni: parliamo delle visite oculistiche e scopriamo che la loro tempestività è fondamentale per individuare e risolvere eventuali problemi che altrimenti possono causare danni inconvertibili. È facile gridare all’esagerazione, ma in realtà i controlli rientrano in un’attività di prevenzione fondamentale nei bambini. Anche prima dell’inizio della scuola è utile fare una visita oculistica da ripetere ogni due o tre anni, a meno che non ci siano problemi. Tra un controllo e l’altro, è importante prestare attenzione a quelli che potrebbero essere dei campanelli d’allarme: testa piegata da un lato per osservare qualcosa, ripetuto strofinamento degli occhi e ammiccamento, frequenti mal di testa.

Da non sottovalutare anche la deviazione di uno o entrambi gli occhi quando il piccolo fissa qualcosa e l’eccessiva lacrimazione dopo il primo anno, durante il quale il fenomeno è fisiologico. Nel primo caso il controllo permette di individuare lo strabismo che, al di là dell’aspetto estetico, rappresenta una condizione in cui l’occhio si abitua a vedere male e dee essere risolto con l’aiuto dell’oculista. In caso di lacrimazione oltre l’anno di età, invece, vanno indagate le cause del fenomeno per escludere ostruzioni congenite del condotto lacrimale o per risolvere il problema, sempre con l’aiuto dello specialista.

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile