Deposit
TI.MAMME
26.08.21 - 08:000

Il bambino dorme troppo o troppo poco?

I disturbi del sonno dei piccoli possono avere cause fisiche e psicologiche e non vanno mai ignorati

Spesso non si considera correttamente l’importanza del sonno nella vita di ognuno, bambini e adulti e si sottovalutano le ricadute che esso può avere nella vita quotidiana. Un buon sonno fisiologico, infatti, è la base del benessere fisico e mentale e, allo stesso tempo, è frutto di un corretto equilibrio tra abitudini, alimentazione e ritmo sonno-veglia. Ogni adulto sa quanto sia importante riposare per mantenere un adeguato livello di efficienza durante il giorno e la stessa importanza ha per bambini e adolescenti. In linea di massima il fabbisogno di sonno sino all’anno di età è considerato di 12-16 ore che diventano 11-14 tra 1 e 2 anni per poi cominciare a ridursi a 10-13 ore in età prescolare, 9-11 tra i 6 e i 13 anni, 7-11 per gli adolescenti e 7-9 per i giovani adulti. Adulti ed over 65, in condizioni normali, necessitano almeno di 7 ore di riposo notturno. Il mancato rispetto di questi tempi induce ad ipotizzare disturbi del sonno che possono essere, ovviamente, in eccesso o in difetto.

Quelli da monitorare sono soprattutto i bambini, neonati compresi, ricordando che può capitare anche che dormano troppo. La “tradizione” vuole che ogni genitore – soprattutto alla prima esperienza – lamenti le poche ore di sonno della propria creatura e quindi proprie, ma è vero anche che ci sono pargoli poco o per nulla attratti dal cibo, che dormono più del solito saltando le poppate. O almeno: le salterebbero se la mamma, accortasi del problema, non trovasse il rimedio alla situazione. Ma perché i bambini possono dormire troppo? Giornate impegnative o più attive del solito possono causare maggiore stanchezza e quindi più necessità di dormire, come anche i cosiddetti «scatti di crescita» ovvero più ore di sonno durante le quali il corpo del bambino cresce in lunghezza. Circostanze particolari come l’immunizzazione o bassi livelli di zucchero nel sangue, o condizioni di salute (infezioni, ittero, bimbi pretermine) sono altre cause e richiedono il consiglio del pediatra per affrontarle correttamente.

L’insonnia dei bambini, invece, si manifesta soprattutto con la difficoltà ad addormentarsi, risvegli frequenti e problemi a riaddormentarsi, sveglia molto presto al mattino. Alla base del disturbo possono esserci condizioni che disturbano il sonno (apnee notturne, dolori, malattie croniche), cattive abitudini nella routine dell’addormentamento. Esclusi problemi di salute, è opportuno assicurarsi il rispetto di abitudini importanti: buio (o almeno penombra) e giusta temperatura nella camera, rispetto degli orari e delle abitudini (compresi i riposini pomeridiani e le attività di svago). Anche alcune regole possono essere di grande aiuto: niente computer e videogiochi dopo le 19, ritmi di sonno regolari, bimbi a letto assonnati ma ancora svegli e rituali positivi (bagno, favola) rispettati.

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook Instagram

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile