Deposit
TI.MAMME
11.06.21 - 08:000

Paghetta ai bambini: piccoli paperoni crescono

Come, quando e perché dare un piccolo compenso periodico ai propri figli

Settimanale o mensile e da che età? Ma soprattutto: sì o no? Parliamo di paghetta, ossia quel denaro – poche monete o una banconota, a seconda dell’età – che i genitori danno ai figli per un minimo di autonomia che li aiuta ad essere un po’ più indipendenti e responsabilizzati. Di solito arriva quando i figli sono abbastanza grandi da poter avere qualche compito fisso da espletare per poter ricevere una sorta di compenso per il loro impegno: la paghetta, appunto. Ma i genitori si interrogano frequentemente sull’opportunità o meno della sua consegna. Secondo la psicologa Valentina Clerici, consulente presso l’Azienda socio sanitaria territoriale Fatebenefratelli Sacco di Milano, la paghetta è una consuetudine positiva che aiuta anche i bambini a responsabilizzarsi con un vero e proprio strumento di autonomia. I soldini ricevuti da papà e mamma servono per poter acquisire l’abitudine di risparmiare per potersi consentire un acquisto più importante o per comprare un regalo ai genitori o alla fidanzatina o alla migliore amica. 

Gli undici anni sono l’età più giusta per iniziare a dare la paghetta: l’ingresso alla scuola secondaria, infatti, è un passaggio di maturità che può accogliere anche questo evento, tenendo comunque sempre conto anche della maturazione emotiva dei piccoli, e non solo quella anagrafica, per capire se siano realmente pronti per questa responsabilità. Sempre nel rispetto delle disponibilità economiche familiari, si dovrà stabilire anche l’ammontare e la frequenza dell’erogazione. Tra i 5 e gli 8 Franchi si può trovare il giusto importo e la frequenza settimanale o mensile è una decisione tutta propria della famiglia in base alle proprie esigenze. L’esempio dei genitori sarà il primo aiuto ai più piccoli per imparare a gestire la paghetta, lasciando capire loro che quei soldini devono servire per gli extra di loro gusto: figurine, fumetti, caramelle o per metterli da parte per un obiettivo più grande. Vietato, però, usare la paghetta come una punizione: essa deve essere uno strumento educativo, non una forma di ricatto, un metodo per avviare all’autonomia, instillando la responsabilità.

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
ti.mamme
10 ore
Bullismo: vittime e carnefici, come riconoscerli?
I sospetti di un genitore possono essere il primo passo fondamentale nella soluzione del problema
ti.mamme
1 gior
La corretta alimentazione dei bambini passa attraverso il buon esempio
Le regole e i consigli per evitare l’insorgere dei disturbi alimentari e di capricci fastidiosi
TI.MAMME
4 gior
Colonie estive: gioia per i piccoli, ansia per gli adulti
Sfruttare l’occasione di crescita, superando l’apprensione spesso esagerata
TI.MAMME
5 gior
Bambini e smartphone: come evitare dipendenza e problemi di salute
Le raccomandazioni dei pediatri per un uso corretto dei dispositivi elettronici da parte dei piccoli
TI.MAMME
1 sett
Bimbi e paura dell’acqua: come risolvere il problema
Puntare ad un approccio precoce può aiutare i piccoli ad evitare qualsiasi resistenza
ti.mamme
1 sett
Covid, scoperto perché i bambini si ammalano molto meno
Gli studiosi hanno analizzato le vie respiratorie, in particolare il tessuto epiteliale del naso dei piccoli
TI.MAMME
1 sett
Far la spesa con i bambini evitando i capricci
Saper dire “no” alle continue richieste dei piccoli è un’arte da affinare con pazienza
TI.MAMME
1 sett
Le pet vacanze belle e possibili
Come organizzarsi per portare gli animali domestici in villeggiatura senza stress
TI.MAMME
1 sett
Coronavirus: quando la famiglia finisce in quarantena
Come gestire la lunga convivenza tra necessità e priorità di adulti e bambini.
TI.MAMME
1 sett
Eterocromia: vezzo o problema?
Il diverso colore degli occhi rappresenta una particolarità, ma non esclude alcuni elementi di rischio.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile