Deposit
TI.MAMME
04.06.21 - 08:000

Maternità: la storia di Barbara neo mamma a 57 anni

Fecondazione in vitro per soddisfare il forte desiderio di genitorialità della donna e di suo marito 65enne

Jack è nato a marzo di quest’anno e questa non sarebbe una notizia straordinaria – sebbene ogni nascita lo sia - se sua madre e suo padre non avessero rispettivamente 57 e 65 anni e lui fosse frutto di una fecondazione in vitro.  Il piccolo è figlio di Barbara Higgins e Kenny Banzhoff una coppia del Massachusetts la cui storia è stata raccontata dal Washington Post per lo straordinario messaggio di fiducia ed amore che trasmette. Barbara e Kenny avevano due figlie, Grace e Molly e quest’ultima è morta quando aveva 13 anni per un tumore al cervello. Il desiderio di Barbara è diventato quello di avere un altro figlio e mentre si sottoponeva ai controlli necessari per capire se questo potesse accadere, ha scoperto di avere un tumore al cervello, proprio come sua figlia. Le cure e l’intervento per rimuovere la neoplasia hanno funzionato e Barbara è guarita, ma il desiderio di un’altra maternità era ancora presente in lei. 

Una situazione complicata fatta di tanto dolore, ma il desiderio di avere un altro figlio era davvero grande e non aveva nulla a che fare con la perdita della piccola Molly. Barbara lo ha precisato chiaramente al Washington Post: la nuova genitorialità tanto desiderata da lei e dal marito era una cosa a sé stante.  Cercare un figlio alla loro età, però, poteva comportare qualche difficoltà in più ed è per questo che hanno fatto ricorso alla fecondazione in vitro, tecnica per la quale Barbara era una delle pazienti più grandi. I due coniugi sono convinti di aver fatto una scelta coraggiosa e giusta ed alle critiche che, inevitabilmente, sono arrivate nei loro confronti rispondono «non abbiamo mai preso una decisione sconsiderata in vita nostra». E si spera sinceramente che questa non sia la prima.

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
ti.mamme
20 ore
Bullismo: vittime e carnefici, come riconoscerli?
I sospetti di un genitore possono essere il primo passo fondamentale nella soluzione del problema
ti.mamme
1 gior
La corretta alimentazione dei bambini passa attraverso il buon esempio
Le regole e i consigli per evitare l’insorgere dei disturbi alimentari e di capricci fastidiosi
TI.MAMME
4 gior
Colonie estive: gioia per i piccoli, ansia per gli adulti
Sfruttare l’occasione di crescita, superando l’apprensione spesso esagerata
TI.MAMME
5 gior
Bambini e smartphone: come evitare dipendenza e problemi di salute
Le raccomandazioni dei pediatri per un uso corretto dei dispositivi elettronici da parte dei piccoli
TI.MAMME
1 sett
Bimbi e paura dell’acqua: come risolvere il problema
Puntare ad un approccio precoce può aiutare i piccoli ad evitare qualsiasi resistenza
ti.mamme
1 sett
Covid, scoperto perché i bambini si ammalano molto meno
Gli studiosi hanno analizzato le vie respiratorie, in particolare il tessuto epiteliale del naso dei piccoli
TI.MAMME
1 sett
Far la spesa con i bambini evitando i capricci
Saper dire “no” alle continue richieste dei piccoli è un’arte da affinare con pazienza
TI.MAMME
1 sett
Le pet vacanze belle e possibili
Come organizzarsi per portare gli animali domestici in villeggiatura senza stress
TI.MAMME
1 sett
Coronavirus: quando la famiglia finisce in quarantena
Come gestire la lunga convivenza tra necessità e priorità di adulti e bambini.
TI.MAMME
1 sett
Eterocromia: vezzo o problema?
Il diverso colore degli occhi rappresenta una particolarità, ma non esclude alcuni elementi di rischio.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile