Deposit
TI.MAMME
14.04.21 - 07:000
Aggiornamento : 11:21

Calo ponderale: quando è eccessivo?

Allattamento difficoltoso e malattie possono incidere sulla perdita di peso del neonato

Viene definito fisiologico perché accade a tutti i neonati o quasi, ma il calo ponderale dopo la nascita è un avvenimento da monitorare attentamente. I neonati, infatti, nei primi giorni di vita sono soggetti ad una perdita di peso che poi viene ripreso nelle 2 o 3 settimane seguenti. A provocarlo sono i cambiamenti nello stile di vita del bambino che passa dall'ambiente protetto del pancione, in cui ha a disposizione tutto ciò di cui ha bisogno, a quello esterno, nel quale consuma calorie anche per piangere. Naturalmente il peso perso è proporzionale a quello del neonato al momento della nascita e può essere al massimo pari al 10% di esso. Se la perdita di peso, però, è superiore al 10% diventa patologica e deve essere controllata per evitare il rischio disidratazione. Superato il rimedio dell'integrazione con latte artificiale che può comportare un'interruzione precoce dell'allattamento al seno per riduzione della produzione di latte materno, risulta più opportuno indagare le cause di quel calo ponderale eccessivo. Bisogna ricordare prima di tutto che alla base di eventuali incongruenze potrebbe esserci anche un errore del peso iniziale, suscettibile di molti fattori: dal ritardo nella prima poppata all'eccessiva somministrazione di liquidi alla madre, dal mancato contatto pelle a pelle subito dopo il parto all'emissione di urina o meconio o alla sua assenza. Cause di eccessiva perdita di peso legate ad infezioni o malattie del neonato o della madre fortunatamente sono rare, ma non vanno escluse, quindi è necessario sempre escludere problemi di salute, con visite accurate, e un difficile inizio dell'allattamento. Da ricordare che il recupero del peso del bambino andrà calcolato sempre partendo dal peso più basso raggiunto durante il calo e, se ci sono stai problemi iniziali, il peso della nascita sarà raggiunto in un tempo maggiore di 2 settimane. Inoltre, se dovesse essere necessaria l'integrazione con formula artificiale, bisogna assicurarsi che l'allattamento non venga mai sospeso. Ed anche se può sembrare scontato, il consiglio è quello di pesare il piccolo sempre sulla stessa bilancia.

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
TI.MAMME
22 ore
Origami: la matematica si impara piegando la carta
La tecnica orientale diventa un metodo didattico alternativo e divertente che migliora anche l’inclusione
TI.MAMME
1 gior
I germi che aiutano il sistema immunitario dei bambini
Lavarsi le mani è sempre l’insegnamento più utile per prevenire contagi ed infezioni
TI.MAMME
2 gior
Cellulite: le verità sul cupping massage
Attivazione del microcircolo e lotta alla ritenzione idrica grazie alla coppettazione
TI.MAMME
3 gior
Le MPOWER per salvare la salute dei bambini
L’OMS promuove iniziative volte a tutelare i piccoli dai danni provocati dal fumo
TI.MAMME
5 gior
L’empatia dello sbadiglio contagioso nei bambini
Uno studio italiano rivela il legame sociale esistente alla base del fenomeno sin dai due anni e mezzo di età
TI.MAMME
6 gior
Pubertà: che fine fanno i bambini?
Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza può essere problematico: come gestire i cambiamenti?
ti.mamme
6 gior
Jungfrau: top of the Europe insieme ai bambini
Ecco cosa fare e cosa vedere sulla famosa montagna, insieme a tutta la famiglia
TI.MAMME
1 sett
Mal di pancia in gravidanza: c'è da preoccuparsi?
Crampi e dolori sono comuni, ma ci sono circostanze che è meglio approfondire
TI.MAMME
1 sett
Assorbenti interni e sindrome da shock tossico
Il timore più grande legato ai tamponi riguarda un pericolo grave, ma assolutamente raro
TI.MAMME
1 sett
Donne che pensano al futuro del mondo e dei bambini
L’idea di Nzambi Matee che ripulisce la Terra da tonnellate di rifiuti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile