Immobili
Veicoli
Deposit
TIMAMME.CH
04.11.20 - 08:000

Infezioni neonatali: rischio citrobacter

Il batterio killer che ha infettato oltre 80 bambini nella vicina Italia, uccidendone 4

Con il termine Citrobacter si indica un tipo di batteri mobili - quindi dotati di flagelli ed antigene h - che vivono da patogeni opportunisti provocando infezioni. Più semplicemente: il critobacter indica un genere di batteri che aggrediscono organismi dal sistema immunitario debole. Recentemente è stato indicato come un batterio killer  in seguito alla morte o ai gravi danni neurologici che ha provocato in un reparto di terapia intensiva neonatale della vicina Italia. Nell'ospedale Donna e Bambino di Borgo Trento a Verona, infatti, 89 piccoli pazienti sono stati aggrediti da un focolaio infettivo risultando positivi al citrobacter. Conseguenze dell'infezione sono state infezioni invasive e semplici e 4 morti. 

La causa scatenante del contagio non è stata individuata con certezza, ma si ritiene derivi da una contaminazione della rete idrica visto che il batterio è stato ritrovato sui rompigetto di alcuni rubinetti e su alcuni biberon, il che includerebbe anche una responsabilità per una gestione ambientale non corretta. Al cospetto di questa gravissima vicenda è intervenuto anche Fabio Mosca, presidente della SIN - Società italiana di neonatologia, esprimendo tutto il dolore per quanto accaduto e sottolineando, comunque, l'elevata efficienza dei reparti di terapia intensiva neonatale  del Paese dotati di attrezzature innovative e di standard di sicurezza elevati, garantendo un numero di decessi neonatali tra i più bassi a livello mondiale. 

In più il dottor Mosca sottolinea che l'infezione contratta da un neonato non è sempre e solo causa di mal practice, considerata la fragilità del sistema immunitario dei piccoli e le cure invasive alle quali sono sottoposti se prematuri o in terapia intensiva: elementi che favoriscono il rischio di infezioni. La formazione continua e specifica del personale ed il rispetto dei comportamenti corretti sono indispensabili per tentare di prevenire qualsiasi rischio, ma bisogna ricordare che, purtroppo, non sempre  bastano e che «La prematurità è una malattia grave e le infezioni in Terapia Intensiva Neonatale (TIN) costituiscono un pericolo reale e costante per i nati pretermine, anche quando sussistono e sono garantite tutte le condizioni di sicurezza», sottolinea il presidente SIN.

TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile