Deposit
TI.MAMME
22.04.20 - 08:000

Violenza domestica ai tempi del Covid-19

I governi europei si mobilitano per aiutare le vittime, dopo l'allarme dell'Oms

Sicurezza: è questa la parola più usata in tutto il mondo dall'inizio dell'emergenza covid-19. Un unico termine che comprende tutte le disposizioni diramate per contenere la pandemia, dal lockdown ai dispositivi di protezione personale. Proteggersi dal rischio di contagio significa anche rimanere in casa: il luogo sicuro per tutti, tranne che per le vittime di violenza domestica, le donne costrette a vivere con i loro aguzzini, intrappolate tra la paura della malattia ed il terrore per le vessazioni che conoscono ormai troppo bene.

In alcuni Paesi europei, Spagna, Italia e Francia prima di tutti, la mobilitazione del governo è stata repentina dopo la segnalazione dell'Organizzazione mondiale della sanità del numero triplicato di casi di abusi domestici. Servizi di assistenza, punti di ascolto presso i quali recarsi quando si va a fare la spesa, ed alberghi per trascorrere la quarantena preventiva: sono queste le misure poste in essere per aiutare le donne.sono i primi Stati ad essersi mobilitati, dopo. E si spera che tutte le vittime possano sfruttare le possibilità a disposizione.


TMT (ti.mamme team)

Seguici anche su Facebook e Instagram

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile