Let's Science
TI.MAMME
10.11.19 - 08:000

Let's Science! Mostra e fumetti per grandi e piccini

Ideata e sceneggiata dagli studenti di quattro classi delle scuole medie ticinesi su temi legati alla salute. Sabato 16 novembre l'incontro con l'astronauta Nespoli

“Uno scienziato tra noi”: sarà questo il filo rosso che legherà dall’11 al 16 novembre gli appuntamenti previsti a Lugano nell’ambito di "Let’s Science!" il progetto di divulgazione scientifica ideato da Fondazione IBSA, in collaborazione con la Sezione dell’insegnamento medio del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS).
 
Mostra e fumetti - Per tutta la settimana 11-16 novembre la Limonaia di Villa Saroli a Lugano ospiterà una mostra delle tavole a fumetti ideate e sceneggiate dagli studenti di quattro classi delle scuole medie ticinesi, su temi legati alla salute e al benessere della persona.
L’ingresso sarà gratuito, con orario 8.30-18.00 (sabato 16 la mostra sarà aperta dalle 9.00 alle 12.00).

I fumetti sono tratti dai primi quattro volumi della nuova collana Let’s Science! realizzata da Fondazione IBSA in collaborazione con il DECS. Questi i titoli:

  • “E da oggi cambio vita. Mangiare bene... per vivere bene” (Scuola media di Massagno);
  • “Muoviamoci! I benefici di una vita in movimento” (Scuola media Lugano 1);
  • “Cuore e cervello si parlano… Come i due organi interagiscono” (Scuola media di Tesserete);
  • “Le onde e noi. Cosa sappiamo sulle onde elettromagnetiche” (Scuola media di Caslano). 

Ogni volume è stato realizzato in collaborazione con uno o più scienziati (Andrea Danani, Maria Cristina Marini, Francesco Oliva, Lucilla Titta, Giuseppe Vassalli). La collana è pubblicata dall’editore Carocci e verrà diffusa gratuitamente alle scuole e ai cittadini che ne faranno richiesta. I disegni sono della Scuola romana dei Fumetti. 

Incontro con l'astronauta - È previsto anche un incontro pubblico al LAC, sabato 16 novembre alle 17.00, che vedrà come protagonista l’astronauta italiano Paolo Nespoli, uno dei più conosciuti e apprezzati a livello internazionale, detentore del record europeo di permanenza nello spazio (313 giorni, 2 ore e 36 minuti). L’ingresso sarà libero e gratuito. Durante l'incontro verrà lasciato ampio spazio alle domande del pubblico, e soprattutto a quelle dei ragazzi che vorranno partecipare. Nespoli ha una lunga attività come astronauta, ricercatore e anche divulgatore (ha scritto, fra l’altro, il libro “Dall’alto i problemi sembrano più piccoli”, edito da Mondadori). Laureato in ingegneria aerospaziale e meccanica, ha alle spalle una carriera militare e tre missioni sulla Stazione spaziale internazionale (nel 2007, 2010 e 2017).

«I ragazzi sono sempre più esposti a notizie che riguardano temi scientifici e ambientali - dice Silvia Misiti, direttore di Fondazione IBSA - ed è fondamentale che abbiano a disposizione informazioni serie e approfondite su questi argomenti, per poter poi costruire una propria serie di idee solide e meditate. Da sempre siamo impegnati in questo settore, e ci battiamo contro le fake news, che nel mondo scientifico sono numerosissime».

Aggiunge Nicolò Osterwalder, consulente didattico del DECS per le Scienze naturali: «Il Ticino è un luogo importante per la Scienza, ricchissimo di iniziative e di istituzioni e aziende impegnate in questo settore, ma ben pochi studenti lo sanno. Parlare con i ricercatori, dialogare in modo diretto, potrà aiutare i ragazzi a capire bene cosa fanno gli scienziati per la collettività, e potrà anche ispirarli nella futura scelta professionale e di progetto di vita al termine della scuola obbligatoria».

All’inaugurazione della settimana Let’s Science! saranno presenti Roberto Badaracco, Capo Dicastero Cultura, Sport ed Eventi e Luigi Di Corato, direttore della Divisione Cultura della Città di Lugano. «Queste iniziative - spiega Luigi Di Corato, direttore della Divisione Cultura della Città di Lugano - si inseriscono bene nella nuova organizzazione del settore cultura della Città, che prenderà l’avvio in gennaio. La cultura scientifica e tecnologica va considerata come uno dei pilastri fondanti del sapere contemporaneo e spesso grazie a una serie di contaminazioni tra scienza e arte, permette a tutti noi di considerare punti di vista inediti su ciò che ci circonda. Le iniziative di Fondazione IBSA rientrano in questo filone e aiutano anche a rendere accessibili concetti che sembrano davvero difficili da afferrare a chi non ha strumenti specifici.»

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile