Deposit
PAID POST
22.08.19 - 08:000
Aggiornamento : 09:01

Come preparare al meglio i bambini prima dell'inizio della scuola

Quali accorgimenti si possono prendere per evitare di incorrere nei classici raffreddori e influenze? Ecco i consigli della Farmacia Contrada dei Patrizi di Viganello

 

Si avvicina un nuovo anno scolastico e con l'inizio di esso iniziano i malanni: «Come posso prevenire le eventuali malattie alle quali possono andare incontro i miei figli?» chiede una lettrice. Abbiamo girato la domanda al team della Farmacia Contrada dei Patrizi di Viganello.

«Per prevenire il raffreddore, che in alcuni casi porta anche a sintomi influenzali, esistono diversi trucchetti, uno dei quali è sicuramente tra i più semplici, ma tra i più efficaci: mantenere pulito il nasino del bimbo, liberandolo da secrezioni, evitando i ristagni che possono portare ad infezioni batteriche, le quali, a loro volta, sono portatrici di sinusite e otite. Un altro modo semplicissimo di limitare l’infezione è lavarsi spesso le mani, insegnare ai bimbi a non metterle in bocca, nel naso o a strofinarsi gli occhi quando sono sporche, oppure se si sono frequentati posti pubblici. Tenere un piccolo disinfettante per le mani in borsetta è sempre comodo ed efficace.

Anche i giocatoli e i peluche dei bambini sono un vettore per i virus, andrebbero quindi lavati regolarmente.

L'aria fresca ed inquinata della città è spesso irritante per la mucosa nasale. Quindi forse meglio non uscire? No, stare all'aria aperta è importante persino d'inverno, piuttosto che rimanere chiusi troppo in ambienti caldi, dove batteri e virus si possono diffondere con più facilità. In questi casi ci viene d'aiuto la sciarpa, che posizionata davanti alla bocca e al naso nei giorni più freddi, filtra l'aria.

Anche l'ambiente di casa però può essere un fattore aggravante: se è secco si consiglia l'uso di un umidificatore che eroga vapore (l’umidità sarebbe corretta intorno al 45-55%), magari utilizzando degli oli essenziali balsamici, che oltre a liberare il naso, risultano piacevoli anche per i bambini.

Un altro fattore da tenere sotto controllo è il fumo passivo: esporre i bambini al fumo è sbagliato per mille motivi, uno dei tanti è la predisposizione alle infezioni che può comportare, anche a lungo termine.

Inoltre, è molto importante il sonno: mentre dormiamo infatti il corpo si rigenera e il sistema immunitario si risveglia pronto a combattere.  

Anche l'attività fisica migliora la funzione immunitaria, quindi è sempre consigliato fare movimento, soprattutto all’aria aperta».

Ci sono delle cure omeopatiche/naturali o cibi che posso fargli assumere e quanto tempo prima? C'è qualcosa anche che possiamo prendere anche noi genitori per prepararci al meglio per non essere contagiati subito?

«Per evitare il raffreddore è importante una buona idratazione. Per questo motivo i bambini vanno abituati a bere con frequenza, soprattutto acqua, frullati di frutta e verdura o succhi, possibilmente senza troppi zuccheri aggiunti. Da evitare invece le bevande gassate. Quello che mangiano in questo periodo dell’anno, poi, è ancora più importante, perchè mangiare sano è un’ottima arma di prevenzione: frutta e verdura ci vengono in aiuto, basti pensare per esempio ai mirtilli, che aiutano ad attenuare i sintomi del raffreddore e migliorano la funzionalità dei capillari; l'arancia, tipica fonte di vitamina C, ma anche i kiwi, che ne sono ancora più ricchi; ottime anche fragole, ananas, ciliegie e alcune verdure come lattuga, spinaci e broccoletti. Anche la cipolla può essere usata come arma di prevenzione e cura contro l’influenza, ma si sa, in pochi la amano, ed è difficile farla mangiare ai bambini.

Nel caso in cui però dieta e attività fisica non bastassero, arriva in aiuto l'omeopatia, con preparati che aiutano a prevenire l’influenza e raffreddore, come "Oscilloccocinum", da usare fin dall’inizio della scuola, anche nei bimbi più piccoli.

Va bene per noi adulti? Sì, la cosa bella è che questi prodotti vanno bene per tutta la famiglia, basterà acquistarne uno e iniziare la cura insieme ai nostri bambini e ragazzi.

Come si usa? A titolo preventivo: 1 dose di globuli alla settimana durante il periodo di rischio d'influenza.
Stato influenzale incipiente: 1 dose di globuli il più presto alla comparsa dei primi sintomi, da ripetere eventualmente 2-3 volte, a intervalli di 6 ore.
Stato influenzale conclamato: 1 dose di globuli mattina e sera, durante 1-3 giorni.
Tutto il contenuto della dose deve sciogliersi sotto la lingua. 

"Oscillococcinum" va assunto distante dai pasti, 15 minuti prima o 1 ora dopo.

Dubbi? Domande? Non esitate a contattarci

 

Questo articolo a pagamento è realizzato per conto di Farmacia Contrada dei Patrizi

ULTIME NOTIZIE ti.mamme
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile