Keystone
CANTONE
22.02.19 - 07:000
Aggiornamento : 05.03.19 - 16:28

Quanto mi costa sciare, famiglie penalizzate dai prezzi

Nelle stazioni invernali più grandi il borsino propone le giornaliere più care nel weekend. In Ticino Airolo l'ha introdotto, ma con un'altra filosofia: «Si paga meno che in passato».

 

LUGANO - I “prezzi dinamici” fanno scivolare le famiglie fuori dalle piste da sci… È la critica ricorrente dei genitori. Tutte le piste? Con un po’ di sci-ovinismo, rispondiamo no. Di sicuro questa pratica invernale è tutta in discesa, tranne per i costi. Sciare resta uno sport costoso, nonostante l’impegno dei gestori degli impianti che propongono ogni anno nuove formule. La tariffa finale è spesso un lambiccato di variabili (età, orario, meteo,...).

Dynamic price - La tendenza nelle maggiori stazioni è però quella del “dynamic pricing”  con giornaliere dal prezzo fluttuante, determinato dalla domanda e dall’offerta (in base a vari criteri come la stagione, la data di prenotazione, il giorno della settimana,...). Un meccanismo che piace, anche se su quest’ultimo parametro le perplessità non mancano: «Il weekend sta diventando sempre più fuori portata per genitori e figli. Le giornaliere fluttuanti sono molto meno care nei giorni in cui i piccoli sono a scuola» è la lamentela di mamma e papà.

Il borsino dei prezzi - Nelle maggiori stazioni di sci svizzere la giornaliera dinamica propone infatti  sbalzi non da poco. Prendiamo il comprensorio dello Ski Arena (Andermatt, Sedrun): un adulto per sciare domani, sabato 23 febbraio, pagherebbe 84 franchi contro i 42 per uno skipass prenotato per, ad esempio, martedì 2 aprile. A Splügen, un’altra località frequentata dai ticinesi, la giornaliera piena costa 51 franchi, ma sconti del 50% sono previsti in settimana per gli aficionados. Oppure a dipendenza del meteo.

La scelta di Airolo - In Ticino la sola a proporre il “borsino” della giornaliera è la stazione sciistica di Airolo, dove sciare domani costerebbe 44 franchi e tra un mese, ad esempio lunedì 25 marzo, 28 franchi (il prezzo attualmente più basso). Fluttuazioni dunque, ma non della metà come altrove. Non è la sola differenza: «Operiamo in una fascia di clientela diversa rispetto alle big - spiega Mauro Pini, direttore della Valbianca Sa -. Rispetto a loro noi abbiamo messo un limite al prezzo verso l’alto. Limite di 52 franchi, che finora non abbiamo mai raggiunto». I picchi di 44 franchi ad Airolo si hanno nei weekend: «Ma anche così ci posizioniamo sotto i 47 franchi che si pagavano quando il prezzo era fisso. Con questo sistema sciare qui costa meno degli anni scorsi».

Filosofie diverse - Alla base del “dynamic pricing” ci possono essere obiettivi diversi: nelle stazioni più grandi il fine è quello di alzare il prezzo per diminuire la presenza di sciatori nei giorni più gettonati. E chi paga di più ha meno intralci in pista (bambini compresi). Eccezione, i mercoledì a 10 franchi lanciati da Andermatt : quando si assiste all’invasione con punte di 6-7mila persone (ma anche problemi di code e parcheggi). «Noi invece, prenotando con anticipo abbiamo voluto offrire prezzi più bassi rispetto al passato. E il posteggio è gratuito» dice il direttore di Airolo. E per le famiglie? «Se il dynamic price può avere un piccolo gap per le famiglie, va sottolineato che esiste la Leventina Card. Per 400 franchi una famiglia beneficia di una stagionale nelle cinque stazioni».

Prezzi visti da fuori - «Il prezzo più alto nei weekend può essere un problema per le famiglie. Soprattutto per chi pratica lo sci saltuariamente, altrimenti ci sono valide offerte stagionali» dice Patrick Bignasca, responsabile di Gioventù e Sport. «La soluzione ottimale - aggiunge - sarebbe stata, se fosse andata in porto, l’abbonamento “Inverno in tasca”. Speriamo in positivi sviluppi per la prossima stagione. La pratica dello sci è diminuita negli ultimi anni, da qui il nostro impegno e della Federazione. Non dimentichiamo infine gli sci club che riescono ancora a far sciare bambini di famiglie con pochi mezzi». Qualche perplessità sui prezzi fluttuanti arriva anche dall’Associazione dei consumatrici e consumatori: «Ma è una tendenza che in altri paesi troviamo anche per i biglietti dei treni più cari negli orari di punta - dice Laura Regazzoni Meli, segretaria dell’Acsi -. Non riceviamo grandi proteste, ma forse è perché la gente va meno a sciare. Lo sci è in calo perché costa troppo, dall’attrezzatura alle piste».

Commenti
 
Maurizio Zanta 3 mesi fa su fb
Venite in Itaiia a sciare.. !! San Domenico di Varzo il lunedì costa 17 euro
Bia Rebu 3 mesi fa su fb
Compri il Magicpass vieni a sciare à saint Luc -Zinal - Grimentz et Chandolin ! In una settimana é rentabilizzato
Manuela Quattropani 3 mesi fa su fb
Chiedete il sussidio al cantone!!magari per andare a sciare vi danno l'indennita'!!
Luca Civelli 3 mesi fa su fb
Ci sono tantissimi altri sport più economici ed ecologici praticabili fuori dalla porta di casa.
Stefano Moscato 3 mesi fa su fb
Luca ma non più belli! 😅
Luca Civelli 3 mesi fa su fb
Stefano Moscato d’accordo ma allora che non ci si lamenti che costa caro.
Raffaella Norsa 3 mesi fa su fb
Luca Civelli che discorsi sono?
lollo68 3 mesi fa su tio
Sci club economici? Se tutta la famiglia volesse sciare pagheremmo CHF 280. pranzo incluso (wienerli e patatine o pasta). Io ci ho rinunciato e mando 1 figlio alla volta. Alla fine fanno un'uscita a stagione!
Nadia Peverelli 3 mesi fa su fb
Nell articolo si dice .. esiste la Leventina card.
Nadia Peverelli 3 mesi fa su fb
Per 400 franchi una famiglia ha una stagionale nelle 5 stazioni ... wow
Nadia Peverelli 3 mesi fa su fb
Peccato che costi ben 960.- family 2 genitori e figli
Lore62 3 mesi fa su tio
I prezzi levitano a causa delle norme e assicurazioni sempre più severe e care, che, con il potere di acquisto delle famiglie in costante discesa, NON tiene più il passo ! Complici i frequentatori degli impianti invernali, che pretendono la sicurezza assoluta (pura illusione), ma che fanno gonfiare i prezzi rendendoli ormai insostenibili.
GI 3 mesi fa su tio
Purtroppo c'è anche da dire che le famiglie sono sempre meno.....e le poche rimaste non hanno molta scelta....è sempre la maggioranza che decide....
ste3990 3 mesi fa su tio
o semplicemente non riproducetevi se non potete permettervelo economicamente.
Masta206 3 mesi fa su tio
in ticino i prezzi sono alti, nel resto della svizzera sono ancora peggio!!
Tristano 3 mesi fa su tio
Sciare è caro. Punto! Provate a fare il calcolo per unafamiiaxon due ragazzi di 12 e 15 anni.
Salarteam 3 mesi fa su tio
Airolo???? scandalosi 148.- un sabato con la famiglia..... e siccome erano aperte solo le due vecchie ancore, il prezzo era pure scontato del 10%. Con queste cifre NON sono disposto a sostente gli impianti Ticinesi, visto che in altri cantoni per impianti più grandi costa meno
ULTIME NOTIZIE ti.mamme
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report