L'OSPITE
17.04.14 - 18:030
Aggiornamento : 22.11.14 - 22:02

Altro che "armata straniera", vogliamo una Svizzera più giusta

Gli Amici di Arlind

Siamo “Gli Amici” di Arlind Lokaj e con la presente vorremmo chiarire alcuni punti emersi negli ultimi giorni su internet e nelle teste di molti ticinesi.

 

Innanzitutto leggiamo su qualsiasi blog commenti razzisti, umilianti e xenofobi nei confronti di Arlind e del nostro gruppo che da mesi sta lottando per cercare di dare un futuro dignitoso a questo ragazzo.

 

Allora, contro la nostra volontà, per rispondere alle persone che ci hanno definito un gruppo di “stranieri disoccupati” diciamo che il nostro “gruppo” è composto circa da dieci persone attive, di queste: sette sono svizzere, due sono svizzeri naturalizzati e uno è straniero. Non siamo “l’armata straniera” che molti ticinesi si sarebbero aspettati, siamo ragazzi che nella loro normale quotidianità sono stati confrontati con questo fatto drammatico e che hanno un sogno e fanno di tutto per far si che esso si possa realizzare. Il sogno consiste di poter vedere in futuro i figli di Arlind crescere con i nostri, nel vedere una società che non innalzi barriere su barriere e un governo che abbia il coraggio di affrontare le tematiche con il cuore e non con la paura di perdere la faccia con la maggioranza della popolazione.

 

Leggiamo inoltre che molti sono stufi di sentir parlare di Arlind ovunque, dicono che la decisione è stata presa e quindi la storia è chiusa qui. Forse queste persone nel vedere i loro figli lottare per qualcosa di giusto si sentono, come dire, spiazzati? Esattamente, spiazzati perché sono anni ormai che la maggior parte dei giovani ha abbandonato le strade e le piazze per rinchiudersi in casa ognuno nel proprio mondo lasciando prendere tutte le decisioni a quelli più anziani.

 

Noi non ci stiamo, continueremo a lottare per le giuste cause e troviamo che non ci sia del male nel difendere un amico che sia trova in difficoltà! Per questo rispondiamo a tutte quelle persone, che giudicano senza sapere, che oggi più che mai siamo disposti a dare tutto per Arlind.

 

Noi vogliamo una Svizzera più giusta perché ci teniamo al nostro paese e siamo spinti da sentimenti che nessuno potrà mai fermare. Siamo spinti dall’amore, la solidarietà e l’amicizia.

 

Gli amici di Arlind, giovani e liberi.

TOP NEWS Ospite
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile