Immobili
Veicoli
deposit
L'OSPITE
28.01.22 - 09:030

Tasse di bollo d'emissione: abolire un ostacolo all'innovazione

Matthias Bizzarro, avvocato e esperto fiscale diplomato, Ponte Capriasca

A detta di alcuni, l'abolizione della tassa di bollo d'emissione in votazione il prossimo 13 febbraio 2021 parrebbe un importante appuntamento nell'eterna lotta tra il "bene" (il lavoro) e il "male" (il capitale). In base alle mie osservazioni, a contatto con realtà aziendali, ritengo questa visione errata e semplicistica. Cito un esempio concreto tratto dalla NZZ del 27 dicembre 2021: Planted è una startup svizzera, vincitrice dello Swiss Startup Award 2021. Circa 150 collaboratori (in gran parte scienziati e tecnici) lavorano allo sviluppo e alla produzione di alternative vegane alla carne (con alcuni prodotti già disponibili al supermercato). Premetto che non conosco la realtà di Planted oltre a quanto letto sui giornali, ma la situazione di moltissime startup, anche in Ticino, è analoga: per affrontare i costi di ricerca e sviluppo (in primis gli stipendi, generalmente elevati, del personale qualificato dedito a tale attività), queste aziende devono rivolgersi a investitori disposti a sostenere il rischio insito in un'attività del genere (generalmente fondi di investimento internazionali o attori industriali), emettendo capitale azionario. Questo capitale, tuttavia, prima di poter essere impiegato è oggi colpito dalla tassa di bollo d'emissione dell'1%, e viene ulteriormente assoggettato all'imposta sul capitale e sulla sostanza (tutte imposte praticamente inesistenti in Europa). Nel caso di Planted finora sarebbero stati raccolti CHF 45 milioni (ciò che equivale a CHF 450'000 di tassa di bollo, l'equivalente di 3-5 posti di lavoro qualificati a tempo pieno per un anno), ma la tassa di bollo si applica già a partire da CHF 1 milione.

Va ricordato che molte startup falliscono prima di aver generato anche solo un franco di utile, ma nel frattempo possono aver dato lavoro, anche per diversi anni, a specialisti, tecnici e scienziati, e aver contribuito all'innovazione nei campi più disparati. Con la tassa di bollo d'emissione, si va quindi a colpire il carburante che serve a queste aziende per svilupparsi, in un momento in cui il successo è tutt'altro che certo.

Si parla spesso di attrarre posti di lavoro ad alto valore aggiunto, ma anziché dotarci di costosi e spesso inefficaci incentivi, ispirandoci a un principio della medicina potremmo per prima cosa cercare di non nuocere, di evitare cioè che vi siano ostacoli inutili all'insediamento di nuove aziende. Anche il Ticino sta muovendo i primi passi nel mondo delle startup innovative e con un sì il prossimo 13 febbraio 2022 possiamo dare un concreto contributo per un Paese più attrattivo per le startup, e, di riflesso, per nuovi posti di lavoro qualificati e ben pagati.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile