Immobili
Veicoli
Ti-Press (archivio)
L'OSPITE
21.12.21 - 08:070

L’UE da fermare! Buon SANTO Natale

Marco Romano, consigliere nazionale PPD-Alleanza del Centro

Capita sempre più spesso d'immaginarsi i Padri fondatori dell’Unione europea che si rivoltano nel loro eterno riposo. L’UE si è trasformata in un pachiderma centralistico e tecnocrate, capace e rapido nel regolare dettagli assurdi (la dimensione di frutti e ortaggi), ma incapace e incoerente nei confronti delle grandi sfide continentali (la gestione dell’emergenza migratoria in primis). Un nuovo preoccupante inciampo è avvenuto agli inizi di dicembre con la goffa proposta di evitare l’uso del vocabolo “Natale” e dell’aggettivo “natalizio”, suggerita da una circolare della Commissione destinata ai propri dipendenti. La protesta è giustamente subito montata e la direttiva è stata ritirata per essere approfondita. Quanto potrebbe sembrare goffo è a mio giudizio allarmante. La conferma di un approccio volto a relativizzare l’essenza storica, culturale e identitaria dei popoli. Non è una questione di “politicamente corretto”, ma di capitolazione nei confronti di un’ideologia volta al qualunquismo e alla banalizzazione; nessuna responsabilità e sola burocrazia. Con l’artificio del rispetto delle diversità e dell’inclusione si mira a cancellare. Un approccio pericoloso, da respingere a priori, perché mina alle radici di ogni comunità. La Svizzera sia anche qui da esempio: la pluralità viene vissuta e difesa, non cancellata e relativizzata. Buon SANTO Natale!

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile