Rocco Vitale
L'OSPITE
24.09.21 - 11:360

Ridimensionare le disuguaglianze per proteggere la democrazia e affrontare le sfide del futuro

Rocco Vitale, membro dei Giovani Verdi

In Svizzera, l’1% più ricco della popolazione riscuote annualmente più della metà dei 70 miliardi di franchi dei redditi da capitale. Questi includono dividendi, interessi, redditi da locazione e altri guadagni da capitale. Contrariamente ai redditi da lavoro, che sono tassati al 100%, i redditi da capitale sono quelli meno imposti in Svizzera, fuggendo spesso anche all’imposizione sotto forma di dividendi o interessi all’estero. L’ingiustizia del sistema fiscale che ne consegue è uno dei fattori che più ha contribuito nel corso degli ultimi anni alla pericolosa crescita delle disuguaglianze e al peggioramento dei servizi pubblici in diversi cantoni.

Per frenare quest’evoluzione (o meglio: involuzione) e ridare dignità al lavoro è necessario mettere fine ai privilegi fiscali per il capitale. Secondo la proposta degli iniziativisti, la cosiddetta “iniziativa 99%” prevede che importi superiori a 100'000 franchi, ottenuti facendo fruttare un capitale preesistente, siano imposti una volta e mezzo rispetto ai guadagni salariali. I contrari evocano spesso uno scenario catastrofico per i piccoli risparmiatori e per le PMI. Due considerazioni vanificano questo timore: prima di tutto, raggiungere un reddito di 100'000 franchi unicamente attraverso grandi fortune e speculazione è un lusso che una grandissima fetta della popolazione non può permettersi; in secondo luogo, la ridistribuzione della ricchezza ottenuta attraverso una maggiore imposizione fiscale dell’1% più abbiente aumenterebbe il potere d’acquisto del ceto medio-basso. Soprattutto in tempi di ripresa – lo hanno storicamente dimostrato piani congiunturali quali il “New Deal”, ideato negli anni ‘30 dall’allora presidente americano F.D. Roosevelt – il consumo, dunque la domanda, è il vero motore che fa girare l’economia, favorendo investimenti aziendali e statali.

Sgravare i salari e tassare equamente il capitale permette infine di affrontare numerosi problemi del presente e sfide del futuro, gli uni strettamente correlati con le altre. Innanzitutto, il ridimensionamento delle diseguaglianze è la via maestra per sventare le minacce per la coesione sociale e il funzionamento del nostro sistema democratico; una concentrazione di denaro va sempre di pari passo con una concentrazione di potere, e già oggi le persone più abbienti sono in grado di comprare interi gruppi mediatici e di pagarsi costose campagne di voto. Tendenze “plutocratiche” vanno anche a scapito dell’economia di prossimità e di una concorrenza sana, importanti in un’ottica di ripartenza e di crescita sostenibile. Infine, un gettito fiscale supplementare permetterebbe di operare investimenti pubblici urgenti (formazione, risanamento del sistema previdenziale, conciliabilità lavoro-famiglia, per citarne alcuni) e di finanziare la transizione ecologica – una sfida tanto economica, quanto sociale. Problemi e sfide che concernono, per l’appunto, il 99% della popolazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile