tipress
L'OSPITE
25.07.21 - 17:520

Vaccino del personale curante: lo scarica barile cantonale

Lorenzo Quadri, Municipale a Lugano e consigliere nazionale

LUGANO - Da tempo si dibatte se imporre o meno al personale curante, che lavora a contatto con persone fragili, di vaccinarsi contro il covid.

Nelle scorse settimane o mesi, alcuni paesi hanno introdotto l’obbligo di vaccino per il personale sanitario.

Si aspettava una mossa al proposito anche a livello ticinese. La mossa in effetti è arrivata. Ma sotto forma di scarica barile.

Le direzioni delle strutture sanitarie - ospedali e cliniche, case per anziani, servizi di assistenza e cure a domicilio - hanno infatti ricevuto una lettera circolare dell’Ufficio del medico cantonale. Nello scritto, dai toni perentori, si lascia chiaramente ad intendere che, se non tutti i curanti si sono vaccinati, la colpa non sarebbe del singolo “no vax”, bensì della direzione dell’istituto. Il peso di una scelta personale, compiuta dal singolo individuo, viene quindi scaricato su un altro soggetto.

La missiva annuncia inoltre la creazione, a partire dal primo di agosto, di un albo pubblico in cui le strutture dovranno indicare il tasso di personale vaccinato.

Questo modo di procedere è assai deludente.

È infatti manifesto che il Cantone vorrebbe - a giusto titolo! - che tutti i curanti fossero vaccinati. Ma non ha il coraggio di decretare l'obbligo di vaccinarsi. Quindi scarica la patata bollente sul datore di lavoro. Una scappatoia (troppo) facile e anche poco decorosa.

Il datore di lavoro non ha in effetti alcun mezzo legale per imporre ai collaboratori di vaccinarsi. Però, se questi ultimi, malgrado tutte le iniziative di persuasione, insistono nel rifiutare l’immunizzazione, a farne le spese - venendo esposto al pubblico ludibrio ed iscritto su una lista di proscrizione - è l’istituto; non il singolo curante "no vax".

Lo scritto cantonale costituisce un palese invito alle direzioni ad adottare misure di ritorsione più o meno velate nei confronti dei collaboratori “recalcitranti” al vaccino.

Il Cantone avrebbe facoltà di decretare l’obbligo per i curanti di vaccinarsi contro il covid. Però preferisce scaricare il lavoro "sporco" - ovvero quello coercitivo - sul groppone altrui, senza peraltro fornire gli strumenti per svolgerlo. Questo per non assumersi la scomoda parte del "cattivo" nei confronti dei curanti che non si vaccinano.

Evidentemente c’è una resistenza, magari di tipo opportunistico, nel decretare l’obbligatorietà del vaccino, pur limitata ad una determinata categoria di professionisti. E questo malgrado per gli studenti (!) delle professioni sociosanitarie già esistano degli obblighi vaccinali.

Curioso perché, quando si trattava di decretare misure infinitamente più incisive per la libertà altrui di due punture, tale resistenza non è manifestata.

Da un governo cantonale ci si sarebbe atteso altro.

Ma, come diceva Don Abbondio: "Il coraggio uno, se non ce l'ha, mica se lo può dare".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile