Keystone
L'OSPITE
06.05.21 - 14:280

No alle iniziative agricole

Marco Romano, Consigliere nazionale PPD Ticino, Vice-Presidente Gruppo del Centro.PPD.PBD.PEV

Il 13 giugno prossimo prenderemo due decisioni chiave per il futuro del settore agricolo svizzero. Arrivano al voto le iniziative “per una Svizzera senza pesticidi sintetici” e “acqua potabile pulita e cibo sano”. Due titoli limpidi, finalità nobili, ma i nuovi articoli costituzionali proposti, se approvati, genereranno un disastro per il settore primario e per l’approvvigionamento alimentare del Paese.

Entrambe le iniziative sono estreme. Impongono regole troppo strette in tempi troppo brevi. Siamo tutti (in primis chi vive della e con la terra) a favore di un’agricoltura sostenibile e per la massima protezione delle nostre acque. Come la natura, passo dopo passo, senza forzature, la politica agricola e ambientale svizzera da anni sta già facendo progressi enormi verso la sostenibilità. Con il “Piano d’azione nazionale dei prodotti fitosanitari” entro il 2027 si dimezzeranno i prodotti fitosanitari, con alternative a quelli di sintesi. In aggiunta sono in vigore la “Strategia nazionale contro le resistenze agli antibiotici (StAR)”, il “Piano d’azione per la promozione della biodiversità” e la “Strategia per produrre mangime svizzero sostenibile” con regole e obiettivi chiarissimi. A livello internazionale siamo all’avanguardia. Abbiamo acqua di pregevole qualità e prodotti sani e freschi, che permettono a numerose famiglie di agricoltori di vivere producendo nel nostro Paese; di fondo un microcosmo variegato con spazi ristretti, molteplici attività contigue e condizioni climatiche complesse.

Produrre senza l’intervento di prodotti fitosanitari genererebbe una diminuzione del rendimento di oltre un terzo. Meno quantità e varietà, imporrebbero di importare una maggior quantità di prodotti, soprattutto da Paesi meno attenti e responsabili della Svizzera, di fondo a danno dei consumatori. Ricordiamo poi che sempre più prodotti fitosanitari sono di origine naturale. La scienza e le nuove modalità di produzione, con tanti esempi anche nel nostro territorio, vanno nella giusta direzione: queste iniziative vogliono invece tutto e subito, una dinamica dannosa con risvolti pesanti per chi opera nel settore. Da qui anche l’essenziale presa di posizione di BIO Suisse che non sostiene i testi proposti.

Vietare ogni utilizzo e imporre rigidi divieti, come prevedono le iniziative, porterebbe la dismissione di parecchie attività e un aumento delle importazioni con il relativo impatto ambientale. Pensiamo all’importanza dei prodotti fitosanitari nella viticoltura per il mantenimento di vigne sane. Senza protezioni - mirate, limitate e rispettose di severi standard - crollerebbe la produzione con un aumento delle importazioni a discapito dei vini regionali.

Siamo sulla buona strada: non servono forzature, dobbiamo valorizzare la produzione agricola nazionale, evitando di dipendere dall’estero e consolidando le buone pratiche per dare un futuro sostenibile al settore primario e ai consumatori.

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile