Tipress
Giovanni Berardi
L'OSPITE
26.11.20 - 16:440

Non si vive di poesia

Giovanni Berardi - Deputato al Gran Consiglio

Non si vive di poesia. Probabilmente questa è la frase che i poeti e chi scrive di valori e sentimenti si sono maggiormente sentito dire. Ma qui non si vuole disquisire su questioni economiche di poeti e scrittori, bensì richiamare al significato metaforico di questa frase. Alla poesia è associata una visione ideale della realtà. Quindi vivere di poesia è il carattere che può essere attribuito, in senso negativo, a fatti, persone, situazioni e atteggiamenti, in quanto non attaccati alla realtà e quindi spesso utopistici o illusori. Ecco allora che è illusorio pensare che nel nostro mondo tutti siano ossequiosi e rispettosi delle regole, anche delle regole etiche.

È per questo che oltre alla fissazione di norme chiare, è indispensabile istituire meccanismi di controllo e sanzionatori per chi le infrange. Se è vero che la sola presenza di regole, porta la grandissima parte di coloro a cui sono rivolte a rispettarle, non è giusto che chi le trasgredisce possa farla franca perché mancano controlli e sanzioni. In fondo, è proprio questo che vuole l’Iniziativa Multinazionali Responsabili: portare anche i (pochi) trasgressori a modificare virtuosamente il proprio comportamento a tutto vantaggio di un mondo più giusto ed etico. Mancano pochi giorni per votare, e allora vien buona anche la poesia, come l’incipit di una lirica di Araceli Mariel Arreche: “Mi dichiaro colpevole di fidarmi dell’altro, di sognare a voce alta, di cercare la poesia…”. Grazie dunque per depositare un convinto SÌ, perché non si vive di poesia. Giovanni Berardi – Deputato al Gran Consiglio

TOP NEWS Ospite
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile