Foto Massimiliano Ay e Lea Ferrari
L'OSPITE
14.11.20 - 19:000

La foglia di fico dei contagi

Un contributo di Massimiliano Ay e Lea Ferrari, granconsiglieri del Partito comunista

Il governo inciampa e arranca benché la situazione sia ormai nota a tutti e tutte ma alla salute della popolazione si antepongono i soldi e la minaccia degli ambienti economici. Il nostro paese è di fronte a una totale delega della sicurezza sanitaria alla buona volontà dei dirigenti aziendali. Questa seconda ondata è all'insegna del meno Stato che, non serve ripeterlo, fa gli interessi di pochi benestanti sulla pelle della classe lavoratrice. 

Nell'isola ticinese, attorniata dal lockdown del Nord Italia, di Romandia e Francia e dell'Austria a breve, le misure più incisive hanno toccato solo il tempo libero: chiusura anticipata dei ristoranti, quattro persone per tavolo, cinque persone per incontri privati e trenta persone per eventi culturali. Sulle 24 ore, detraendovi otto ore di sonno, due ore per pasti e spostamenti, il tempo libero è inferiore a quello lavorativo. 

Le e i ticinesi quindi per la gran parte della giornata dovrebbero essere tutelati dal piano di protezione sul posto di lavoro: mascherine quando non ci sono le distanze, pause scaglionate, plexiglas e disinfettanti, quarantene, telelavoro. Sebbene il quotidiano LaRegione titoli "nessun focolaio nelle aziende ticinesi" e Modenini (AITI) punti il dito sul contagio nelle famiglie, dietro a questo dito non ci si può nascondere: il contagio avviene nel tempo di lavoro, dove i lavoratori e le lavoratrici passano più di 8,5 ore prima di rientrare a casa e trasmettere il virus ai propri cari. L'OCST denuncia le minacce di licenziamento durante la quarantena, UNIA invoca il lockdown, non è ben chiaro come la SUVA riesca a vigilare sui circa 220'000 posti di lavoro in Ticino (si ricordi la totale assenza degli ispettori del marzo scorso) e il Consiglio di Stato è silente.

La sicurezza sanitaria è completamente lasciata ai privati, al buon cuore dei tycoon che devolvono un milione alla clinica Moncucco in totale affanno, smarrimento e dando segnali molto preoccupanti di impreparazione nel gestire i ricoveri dell'ultima settimana. 

Questo è il quadro di una catastrofe annunciata, sulla quale per fortuna si è fatta esperienza in primavera, quando si è intervenuto molto drasticamente mentre specularmente ora vige il più completo "laisser-faire". Il Partito Comunista chiede al Consiglio di Stato di riprendere in mano la situazione: inasprendo i controlli sulle aziende, imponendo con maggior decisione le quarantene, sanzionando chi mette a rischio le lavoratrici e i lavoratori e decongestionando il trasporto pubblico, altrimenti non vi è altra scelta del confinamento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile