Luca Campana
L'OSPITE
05.06.20 - 07:050

Il Lago è di tutti

Luca Campana già Presidente di quartiere Pregassona

I beni pubblici sono il classico "gioiello" a disposizione dello Stato, delle regioni e dei comuni, la loro condizione giuridica nel tempo e per il nostro territorio ha creato dei veri e propri salvacondotti creando confusione e distinzioni tra i beni demaniali, (o appartenenti al demanio pubblico) che dovrebbero essere semplicemente di tutti e appartenenti alla collettività, faccio riferimento: ai lidi dei laghi, ai fiumi, alle rade e i porti e tutte e le opere storiche e protette presenti su tutto il territorio; personalmente ritengo debbano essere demanio accidentale anche le classiche case ticinesi d'epoca che vi si affacciano, tutte le strutture storiche, archeologiche ed artistiche; ma questo è un pensiero personale, il privato a mio avviso e per certi casi può forse farsene carico ma a tempo limitato e con determinate garanzie.

La pubblica utilitas per gli spazi lungo il nostro lago (Ceresio) nel corso del tempo è andata scemando, creando una situazione ora poco ripristinabile (anche se un'inversione di tendenza non è impossibile) se non dietro pagamento di ingenti somme per riprenderne il possesso da parte degli enti per i numerosi spazi per accedere al prezioso demanio.

Il vecchio potere costituente di tali pratiche, in sostanza, si limitò in passato ad ammettere la proprietà privata in forma generica privilegiando un grande numero di confederati residenti , anche di oltre Gottardo, che verosimilmente in Ticino presenziavano e attualmente presenziano, forse, nello stabile interessato e per il periodo dell'anno stesso il numero delle dita di una mano, oppure anche per i fortunati che ad uso esclusivo utilizzano tuttora spazi che dovrebbero essere in sostanza di chi volesse godersi a pieno la nostra amata Sonnenstube.

Certo, sono pure servite le somme di compera e di usufrutto all'erario comunale di riferimento, ma questo ha di fatto limitato a molti e sicuramente procrastinato ad itinere un incerto spazio da godere.

Le mie riflessioni sul pensiero utilitaristico è puro interesse verso la collettività e rispecchia valori su fini sociali di appartenenza al proprio territorio, potendo godere altresì a pieno di un turismo locale e non, anche di continuità libera verso appunto la scoperta del proprio quartiere, in molte parti nascosto da opere private. Ciò che non si sarebbe dovuto permettere, ora, con coraggio e con debito progetto futuro, dovrebbe essere riportato al pubblico. Qui l'esecutivo e il legislativo cittadino devono darsi da fare.

A Lugano, sempre per fare un esempio, servirebbe a medio termine una passeggiata a bordo lago che parta da Paradiso e porti fino a Gandria e che accompagni il turista (ora impedito da numerosi mappali privati) nel passeggio, lo studio è già sotto la lente di diversi gruppi politici e dovrà essere consolidato, probabilmente c'è chi vorrebbe far passare il passeggiatore dietro al nucleo di Castagnola privandolo dell'accesso al lago, oppure apporre futuristiche (ma esistenti) passerelle galleggianti per non indispettire sempre i privati e per non invischiarsi in lunghe e complicate procedure legali di esproprio, ma quanto costa la propria libertà della cosa pubblica? Questa la domanda che vorrei fare a certi municipali e consiglieri comunali. L'impressione, come si è ultimamente visto sui Media è che facoltose personalità possano fare uso esclusivo del demanio pubblico protetti forse da certi "attori" (vedi imprenditore che costruisce la propria terrazza a Caprino, imponendo forse proprie regole???) per poi vendersi in altre situazioni come salvatore della città.

Per dirla alla Stuart Mill: «La felicità va ridefinita non solo come uno stato pertinente all'individuo, ma come un attività che l'individuo pratica in cooperazione con gli altri», quindi forza deputati politici ridate ai cittadini quello a cui spetta, ogni accesso ai nostri laghi

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile