Foto lettore
L'OSPITE
30.04.20 - 15:230

I cadaveri vanno seppelliti!

Matteo Muschietti, municipale di Coldrerio

La corsa all'individualismo sfrenato si è schiantata contro un muro. È bastata un'emergenza per farci aprire gli occhi e mettere i diritti della collettività prima dei diritti individuali, perché per uscirne è questa la via più efficace. È l'unione che fa la forza della nostra specie. Un'unione che ci ha permesso di creare delle società, una cultura comune con dei valori per stabilizzarla e permetterne un'espressione sempre più ricca, complessa e articolata.

Siamo una specie di sperimentatori e non appena c'è stato un po' di benessere, non appena la nostra collettività era un minimo al sicuro e stabilizzata, abbiamo esplorato ed esasperato l'individualismo, ergendolo a valore assoluto e facendolo diventare il substrato del nostro tessuto sociale. L'apoteosi di questa esplorazione è stata il neoliberismo, che sul modello della riuscita dell'individuo più forte (e più ricco) ha portato a derive pazzesche, ci ha fatto perdere il contatto con la realtà e svendere il diritto al benessere della collettività, che gli Stati moderni avevano giurato di tutelare e per il quale erano nati.

Picconata dopo picconata abbiamo frantumato senza accorgercene il diritto collettivo di essere in sicurezza (con un tessuto ospedaliero pensato per dare accesso a tutti a cure di eccellenza e che riposa su una ricerca collettiva, condivisa e fatta per guarire gli uomini e non per il profitto, ma anche con una polizia di prevenzione valorizzata e ben formata, specialmente in ambiti come la psicologia, e ben integrata nel tessuto sociale, perché la sicurezza passa anche da qui), il diritto di muoversi liberamente su un territorio (pensiamo alle ferrovie, quando erano puramente statali, a quante stazioni in più c'erano ad esempio, dunque all'accessibilità, del servizio) e tutte le cose che contano per approfittare della nostre conquiste, dall'accesso al buon cibo fino ad un alloggio dignitoso. Tutto è stato disgregato. Tutto è diventato fumo negli occhi con la liberalizzazione deregolamentata della nostra società. Poca sostanza. Abbiamo messo un prezzo al nostro benessere e ai nostri diritti come collettività, che sono diventati di serie A, B, C, … invece di essere eccellenti per tutti. Tutto picconato e privatizzato. Privatizzato e privato della salvaguardia dei diritti fondamentali appena citati, che sono diventati cifre d'affari, utili economici, occasioni di profitto e altre amenità. Dell'uomo al centro si è persa traccia. Gli Stati non esistono più, sono fantocci in preda alle lobby, schiacciati dalle pressioni di modelli economici e finanziari assurdi.

Quanto scritto finora è il solito delirio di un hippy di sinistra? Mi piacerebbe, ma è bastato un virus a piegarci con fuscelli al vento. Gente che muore, nessun piano B, gente ridotta sul lastrico, … e per fortuna che abbiamo ancora da mangiare e che tutto non è completamente fermo, altrimenti vi immaginate il dramma? Dove sono gli Stati? Giocano a fare la guerra, a comprare armi, vanno in panico e cercano di riaprire tutto proprio nel momento in cui il prezzo del petrolio vive la sua crisi più profonda. Che coincidenza! Seguirà un'altra ondata di morte e si ritornerà, con gli stessi limiti, alla casella di partenza. Ci si dovrà indebitare con le banche per salvare il salvabile e tutto sarà semiparalizzato perché il valore delle cose sta nei soldi, nei modelli economici e nelle aberrazioni finanziarie. E l'uomo? Cambiamo subito modo di pensare, costituiamo Stati democratici forti che perseguono il bene degli esseri umani e garantiscono loro davvero i diritti per i quali sono stati creati ed eletti, come l'accesso a vere cure mediche, veri trasporti (ecologici) a buon mercato per muoversi sul territorio, sufficiente (e buon) cibo, un buon alloggio a tutti e una cultura che promuova il benessere della collettività e che esalti la collaborazione. In natura non vince e domina il più forte ma chi si organizza e collabora meglio e prevede più piani per adattarsi alle avversità. Se non fosse così, la terra sarebbe governata da leoni, orsi e coccodrilli. Qualità perdinci! Basta vivere come bestie inconsapevoli in balia di valori virtuali e di un mondo che all'atto pratico non ha risorse per rialzarsi alla minima difficoltà! Riorganizziamoci subito finché il fallimento del modello attuale è sotto gli occhi di tutti! Siamo esploratori che si sono spinti troppo nella direzione sbagliata, dove la terra è arida e non dà più frutti. Individualismo sfrenato e neoliberismo sono posture sterili per la nostra sopravvivenza. Ci siamo sbagliati, amen, accettiamolo e cambiamo, seppelliamo tutti insieme questo scomodo cadavere.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile