Tipress
L'OSPITE
24.03.20 - 16:000

Fasce orarie nei supermercati riservate agli “over 65”?

Giorgio Ghiringhelli, Losone

Appartengo alla categoria d’età degli over 65, ossia di coloro che sono più a rischio di fare una brutta fine in caso di contagio di coronavirus. Pur essendo direttamente colpito dal recente provvedimento del Consiglio di Stato mirante a proibire agli anziani di fare acquisti nei supermercati fino al 29 marzo, capisco e approvo tale decisione che mira non solo a proteggere la nostra salute ma pure a evitare di sovraccaricare le strutture ospedaliere in questo delicato periodo. Dopotutto il divieto ha una durata limitata e non crolla il mondo se per una settimana non ci è data la possibilità di fare acquisti. Semmai questa limitazione insegnerà a tutti che se non si vuol dipendere dagli altri è sempre opportuno tenere delle scorte alimentari in casa, non solo in tempi di guerra. Se tutto va bene, a partire dal 30 marzo gli over 65 potranno nuovamente andare a far la spesa, ma, rispetto a una settimana fa – quando non vi erano ancora limiti all’afflusso di clienti nei supermercati - avranno la sgradita sorpresa di dover mettersi in coda all’aperto , magari con temperature basse e sotto la pioggia e magari sopportando sguardi di rimprovero e battute fuori luogo da parte di chi li considera come degli “untori”.

Vi sembra giusto sottoporre gli anziani a simili umiliazioni ? A me non sembra giusto, e dunque mi permetto di invitare il Consiglio di Stato a considerare la possibilità di introdurre per le prossime settimane nei vari supermercati delle fasce orarie riservate agli acquisti da parte degli over 65. Ad esempio a loro potrebbero essere riservati il martedì, il giovedì e il sabato dalle 8 alle 9.30. Dato che al mattino l’aria nei locali dei supermercati è più salubre e meno impregnata di goccioline di saliva magari infettata che restano sospese nell’aria per alcune ore, questa semplice misura potrebbe contribuire salvaguardare la salute degli anziani , a metterli al riparo da atteggiamenti astiosi e maleducati nei loro confronti e a rallentare l’afflusso di malati negli ospedali senza dover ricorrere a nuovi divieti generalizzati per chi, non per colpa sua, è nato prima del 1956.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile