Tipress
L'OSPITE
04.03.20 - 10:100

Nel Comune che vorrei...

Sheila Bruschetti candidata al Municipio e al consiglio comunale di Serravalle, Area Sinistra Verdi e Indipendenti

Sono mamma di 3 bimbi e presidente/cofondatrice di un’associazione umanitaria: crescere insieme-kukua pamoja, che opera in Kenya. Nell‘immagine perfetta del comune che vorrei ci sono bambini di ogni etnia, lingua madre e diversità che giocano a pallone in mezzo alle strade di paese, preparano pane e torte con gli anziani del posto e ascoltano le mille storie di un tempo ormai passato, di un posto troppo lontano, della gioventù, delle difficoltà, di gioie e dolori.

L’inclusione non costa nulla a fronte del progetto di diversi milioni dell’istituto scolastico a Malvaglia, basterebbe aprire le porte della scuola a chi porta storie di altri mondi, vicini o lontani. Un piccolo luogo comune dove far incontrare le generazioni, i paesi e i cuori. Inclusione degli anziani, inclusione di altre culture e soprattutto inclusione di tutti i bambini. L’inclusione di tutti i bimbi, anche di quei bambini che frequentano una scuola diversa, quelli che pochi conoscono e che hanno pochi amici con cui giocare. Gli anziani, gli anziani soli, a cui un momento conviviale con un bimbo può davvero rallegrare l’intera settimana. Infine le culture diverse, tanto affascinanti ma, forse, ancora un po‘ troppo tabù. Mi piacerebbe, e ne abbiamo anche bisogno, che si destinassero dei momenti specifici agli altri, renderli e renderci partecipi di un qualcosa che va oltre qualsiasi insegnamento scolastico. Imparare dalla vecchietta a fare maglia, scoprire i segreti della torta di pane perfetta dalla vicina di casa. Rincorrere un pallone aiutando un altro bambino che se no non potrebbe farlo.

Cucinare un Himbasha come o meglio di un eritreo. Soprattutto mi piacerebbe che si destinassero dei momenti a conoscere il diverso già da bambini; sia questa una diversità generazionale, di cultura o fisica. Confrontarsi con tutto ciò già da piccini, piano piano, porterà a prenderne confidenza, non averne più paura ma soprattutto a viverci con serenità; Rendendo questi bimbi degli adulti più consapevoli un domani; oltre ad essere un arricchimento culturale per chiunque di noi, in un mondo così globalizzato, dove bisogna restare competitivi, conoscere lingue e realtä diverse, sviluppare competenze come l’empatia e la comunicazione interculturale. Chi meglio di un comune può attivare la catena della conoscenza e dell’inclusività proponendo incontri, atelier e quant’altro per poter realizzare davvero il comune di tutti e di tutte le famiglie.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile