Donatello Poggi
L'OSPITE
06.12.19 - 16:300

Quel centro che non fa più centro

Donatello Poggi già deputato in Gran Consiglio

Hanno passato tutta la campagna elettorale a ripeterci, loro, che il cosiddetto centro politico era l’unica vera scelta per il buon governo (il loro), che le ali estreme non permettevano soluzioni pratiche (le loro) e altre fanfaronate del genere.

Certo, come no! E infatti abbiamo visto tutti come il cosiddetto centro politico abbia trovato - in tutti questi anni - le soluzioni per abbassare i premi delle casse malati (?), contro i “furti legalizzati” delle casse pensioni sempre meno retributive (?), per un AVS dove in tutti i paesi europei detti civili comporta la 13a (?) e potrei andare avanti per molto.

Il 17 ottobre scorso il cosiddetto centro politico ticinese è stato severamente e giustamente punito da tutti quegli elettori che non sono più disposti a farsi abbindolare da chi, a Berna, ha fatto in questi anni molto più gli interessi dei propri partiti che non quelli della gente comune.

La conclusione da trarre signori è questa e le scorciatoie non servono. Ma ci vuole davvero così tanto a capirla? Sì che l’hanno capita tutti, anche i commentatori dei vari media e i cosiddetti “politologi” (i nuovi stregoni?), il fatto è che fanno di tutto o quasi per non farlo capire alla gente. Gente che però, con il voto del 17 ottobre scorso, l’ha capita eccome ed ha premiato le due ali “estreme”. Non mi dispiace. E da adesso sarà dura cari Dadò, Caprara e accoliti. Le solite frasi fatte non bastano più e i problemi reali occorre risolverli, non con una certa supponenza ma con soluzioni entro tempi brevi.

Personalmente ho apprezzato Giovanni Merlini quando, dopo la chiara sconfitta, ha affermato tra l’altro: “C’è desiderio di cambiamento, e va rispettato.” Chapeau. E poi parliamoci chiaro: se i dipendenti dello Stato (diretti e indiretti) che votano per una certa “riconoscenza” non dovessero più votare sareste entrambi (PPD e PLR) attorno al 15%. Stesso discorso vale anche per il PS, che non arriverebbe al 10%. Dice di no? Campa cavallo, ho 63 anni e i capelli grigi.

Poi è chiaro che le comunali presentano altre dinamiche e qualche rivincita, specialmente i liberali, potrebbero anche riprendersela. Vedi ad esempio Bellinzona, dove i Verdi hanno appena detto no a un’eventuale alleanza con il PS. Già ci sono crepe? Quando si parla di “area progressista” (definizione sempre più extralarge) ormai si mette dentro un po’ di tutto, poi però i distinguo ci sono e ci saranno, eccome.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ospite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile